GINEVRAFiltrato l'accesso al terminal con l'aiuto della polizia

19.03.20 - 19:44
Norme anti-coronavirus all'interno dello scalo: accettato un numero limitato di passeggeri
keystone-sda.ch (SALVATORE DI NOLFI)
Fonte ATS
Filtrato l'accesso al terminal con l'aiuto della polizia
Norme anti-coronavirus all'interno dello scalo: accettato un numero limitato di passeggeri

GINEVRA - L'aeroporto di Ginevra ha ulteriormente filtrato l'accesso al terminal. Da oggi, giovedì 19 marzo, solo un numero limitato di passeggeri è accettato all'interno dell'aeroporto. Grazie all'aiuto della polizia sono inoltre state rafforzate le misure per limitare le densità delle persone e imporre tra loro la distanza minima.

All'interno dell'edificio tutti gli spazi adibiti alle code sono riconfigurati con segnaletica a terra per garantire che la distanza di due metri tra gli individui sia rispettata, ha comunicato oggi l'aeroporto. Sono stati aggiunti plexiglas.

Se un'area di attesa è satura, il suo accesso viene chiuso. I messaggi in altoparlante sono stati rinforzati. Gli agenti del terminal intervengono per ricordare le istruzioni ai passeggeri, così come le pattuglie della polizia.

Da parte sua il settore aereo del Sindacato dei servizi pubblici (SSP) ha chiesto oggi la chiusura immediata dell'Aeroporto di Ginevra dove i datori di lavoro non sono in grado, secondo SSP, di proteggere i loro dipendenti. In caso contrario presenterà un avviso di sciopero generale. L'aeroporto di Ginevra è sorpreso da queste dichiarazioni.

Diversi lavoratori dell'aeroporto sono infettati dal virus. Essi possono a loro volta trasmetterlo ai passeggeri, scrive SSP.

1
COMMENTI
 
MrBlack 2 anni fa su tio
Sono ammassati a pochi centimetri uno dall’altro fuori. A cosa serve poi far rispettare la distanza di 2 metri una volta dentro..se lo sono già passato prima ;-)
Soci 2 anni fa su tio
Dai ma per favor cosa fa ancora un aeroporto aperto ma vi svegliate state giocando e metendo in pericolo tutti
chris76 2 anni fa su tio
Aeroporto aperto per rimandare a casa la gente.
NOTIZIE PIÙ LETTE