tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
16 min
Scendono gli averi a vista: è la prima volta da giugno
Da allora erano stati osservati 13 aumenti consecutivi, portando il parametro a un valore record di 704,1 miliardi
ZURIGO
33 min
Zurich regala una foresta al Brasile
L'assicuratore contribuirà a piantare un milione di alberi e ne "donerà" uno a ognuno dei suoi 55mila dipendenti.
SVIZZERA
56 min
Gli attivisti «non disturbino la sessione»
La Città di Berna prende posizione sulla manifestazione non autorizzata su piazza federale.
SVIZZERA
1 ora
Abbattuto il muro dei 50'000 casi
Il 3.96% dei tamponi effettuati tra venerdì e domenica è risultato positivo al Covid-19
SAN GALLO
2 ore
La vacca nutrice attacca gli escursionisti, tre feriti
Inseguito, il gruppo di persone si è dato alla fuga, ma qualcuno si è fatto male.
SVIZZERA
2 ore
«Una ditta straniera deciderà da chi mandare i pazienti svizzeri?»
Lorenzo Quadri chiede lumi al Consiglio federale sul modo d'agire che Assura intraprenderà il prossimo anno.
VALLESE
3 ore
A 149 km/h sull'80: automobilista nei guai
Al conducente di 47 anni è stata ritirata immediatamente la patente.
SVIZZERA
4 ore
Bilancia dei pagamenti, il saldo è in calo
L'avanzo è inferiore di 11 miliardi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
SVIZZERA
4 ore
Riciclaggio: «Vengono pescati solo i pesci piccoli»
L'ex numero uno dell'ufficio federale è molto critico sul sistema: «Manca la volontà politica di renderlo efficace».
NIDVALDO
4 ore
Vuole recuperare un oggetto perso, ma precipita e muore
L'incidente è avvenuto sul sentiero del drago del Pilatus. La vittima è un 58enne turista tedesco.
VAUD
05.03.2020 - 14:570
Aggiornamento : 16:06

Coronavirus: «Tutti gli svizzeri vi entreranno in contatto»

A sostenerlo è un epidemiologo del Politecnico federale di Losanna

Per l'esperto è dunque fondamentale rallentare il contagio e inasprire le misure di contenimento

LOSANNA - L'epidemia non può probabilmente essere fermata, prima o poi quasi tutta la popolazione svizzera dovrebbe entrare in contatto con il coronavirus: ne è convinto l'epidemiologo Marcel Salathé del Politecnico federale di Losanna (EPFL), secondo cui comunque è fondamentale rallentare il contagio. È quindi da attendersi un inasprimento delle misure di contenimento.

«Guadagnare tempo» - «La cosa più importante ora è guadagnare tempo», afferma Salathé in un'intervista all'agenzia di stampa Keystone-ATS. Da un lato per sviluppare un vaccino e medicine, che potrebbero contenere la diffusione del virus e proteggere i gruppi a rischio; dall'altra, per evitare di sovraccaricare il sistema sanitario.

«Rallentarne la diffusione» - «Non si può lasciare tranquillamente che il virus si diffonda tra la popolazione», sottolinea il ricercatore dell'EPFL, che sul suo canale Twitter argomenta con i numeri. Al giorno d'oggi vi è circa un caso ogni 100'000 abitanti in Svizzera: con una propagazione senza ostacoli si salirebbe in due mesi a circa 500 casi ogni 100'000 abitanti in due mesi. Poiché circa il 5% delle infezioni è critico e richiederebbe il ricovero ospedaliero, 25 persone finirebbero in ospedale. Entro la fine di aprile circa il 5% di tutti i ricoveri sarebbe dovuto al Covid-19 ed entro la fine di maggio una persona su dieci della popolazione svizzera sarebbe infettata: teoricamente tutti i letti d'ospedale sarebbero perciò occupati da pazienti affetti da coronavirus. A quel punto l'epidemia dovrebbe aver raggiunto l'apice. «Questo scenario peggiore deve essere evitato a tutti i costi», afferma Salathé.

«Non è un'influenza stagionale» - L'esperto invita a non banalizzare la situazione. «Chi dice che è come l'influenza stagionale si sbaglia». Il tasso di mortalità è di circa dieci volte superiore; inoltre, a differenza dell'influenza stagionale, non esiste nessun vaccino e nessuna immunità esistente nella popolazione.

«Non sperate nelle temperature calde» - Alcuni sperano in un effetto stagionale, cioè che il numero di infezioni diminuisca con temperature più calde. «Ma questa potrebbe rimanere solo una speranza», mette in guardia lo specialista. Il virus si sta infatti diffondendo anche in regioni calde, come Singapore. L'influenza del fattore meteo rimane comunque difficile da valutare, perché le regioni più calde del mondo hanno anche una diffusione massiccia di climatizzatori, che potrebbero incoraggiare la diffusione del virus.

Secondo Salathé sulla base di simulazioni e dall'analisi di precedenti epidemie è possibile dimostrare che provvedimenti non farmaceutici, come il lavare le mani, il mantenere le distanze e il vietare i grandi eventi contribuiscono effettivamente a rallentare la diffusione della malattia.

Le misure rigorose applicate dalla Cina sono riuscite a rallentare la diffusione del morbo. «Questo sarà un tema importante nei prossimi mesi: l'Europa può fare lo stesso? Molti sono pessimisti e pensano che solo uno stato autoritario come la Cina possa riuscirci». Lo studioso ritiene che i paesi europei possano comunque guadagnare tempo prezioso in questa crisi anche attraverso il coordinamento nazionale e internazionale. Salathé prevede peraltro che i provvedimenti in Svizzera saranno probabilmente intensificati nei prossimi giorni e nelle prossime settimane.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-21 15:21:48 | 91.208.130.86