Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VAUD
3 ore
Caduta mortale nella gola del Chauderon
Una 62enne è precipitata per una cinquantina di metri
URI
3 ore
In retromarcia sull'A2 per evitare controlli
Pericolosa manovra di tre autotrasportatori, che volevano sottrarsi a un controllo perché i loro veicoli presentavano difetti tecnici
FOTO
TURGOVIA
5 ore
Scoppia la polemica su questo cartellone elettorale
La decisione di una candidata al Gran Consiglio turgoviese di farsi ritrarre con un fucile d'assalto ha riportato alla mente la strage avvenuta a Zugo
VIDEO
BERNA
5 ore
Quando l'acqua anziché cascare... risale
Curioso fenomeno quello immortalato nell'Oberland bernese. Ma c'è una spiegazione
SVIZZERA
5 ore
Quasi 90enne, il Glacier Express è sempre più amato
Il caratteristico treno rosso ha registrato un +10% di passeggeri: «Continua a essere una delle esperienze ferroviarie di maggior richiamo del mondo»
LUCERNA
7 ore
Beccato con la targa contraffatta e senza patente
Il 32enne polacco è stato fermato ieri nei pressi di Triengen
SVIZZERA
8 ore
Feriti sulle piste: 140 interventi in un weekend
È stato un fine settimana intenso per la Rega. Numerosi gli sciatori soccorsi per infortuni
ARGOVIA
8 ore
Trovata morta una donna scomparsa a fine dicembre
Il corpo della 64enne è stato rinvenuto a pochi chilometri di distanza dal suo domicilio
SVIZZERA
8 ore
Il cervo dello Jägermeister ha perso il suo significato cristiano
Il TAF ha stabilito che il logo del noto digestivo, un cervo con una croce, può essere commercializzato senza ferire i sentimenti religiosi
SVIZZERA
22.01.2020 - 12:410
Aggiornamento : 16:08

Coronavirus, Berna seguirà le raccomandazioni dell'OMS

Per ora le autorità sanitarie federali e gli aeroporti svizzeri non hanno adottato misure specifiche in merito virus che ha infettato alcune centinaia di persone, soprattutto in Cina

di Redazione
ats

BERNA - Per ora le autorità sanitarie federali e gli aeroporti svizzeri non hanno adottato misure specifiche in merito al coronavirus che ha infettato alcune centinaia di persone, soprattutto in Cina.

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), interpellato da Keystone-ATS, spiega che eventuali provvedimenti dipendono dagli sviluppi della situazione, che vengono costantemente monitorati.

Berna si attiene prima di tutto alle raccomandazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), che proprio oggi, dalle 12.00, tiene una riunione di crisi a Ginevra. Per gli esperti dell'OMS si tratta di accertare se il nuovo coronavirus (2019-nCoV) «rappresenti un'emergenza di salute pubblica di livello internazionale e quali raccomandazioni dovrebbero essere fatte per fronteggiarla», si legge in una nota della stessa OMS diramata l'altro ieri.

L'UFSP comunque deciderà autonomamente dall'OMS sul da farsi, «in funzione di quanto è ragionevole e giusto per la Svizzera», ha riferito un portavoce. L'Ufficio aggiorna costantemente le proprie informazioni sul virus sul proprio sito internet, ma solo in tedesco e francese.

Per l'UFSP, misure negli aeroporti come quelle adottate da diversi scali nel sudest asiatico sono premature. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ritiene attualmente limitato il rischio di introduzione del virus agli aeroporti di Londra, Parigi e Roma, i soli tre scali europei con collegamenti diretti con la metropoli cinese di Wuhan, focolaio iniziale del virus, fa notare l'UFSP.

Intanto però il Regno Unito introduce controlli «precauzionali» in aeroporto, riferisce la Bbc anticipando l'annuncio del ministro della sanità, Matt Hancock, di fronte al parlamento. I controlli riguarderanno in particolare i passeggeri dei tre voli settimanali che collegano Wuhan con l'aeroporto londinese di Heathrow.

Le misure preparate da Hancock prevedono la presenza di team medici specializzati all'arrivo di ogni aereo da Wuhan, l'indicazione per l'atterraggio e lo sbarco di un'area isolata del terminal 4, la diffusione nello scalo di annunci informativi e volantini sulle precauzioni da seguire.

In Svizzera gli scali internazionale di Zurigo e Ginevra attendono raccomandazioni dell'UFSP: per ora non hanno adottato alcun provvedimento particolare per proteggere viaggiatori e dipendenti dal coronavirus, hanno indicato a Keystone-ATS dei portavoce.

Anche a Davos - Davos scende in campo anche contro il nuovo e temuto coronavirus proveniente dalla Cina: la Svizzera è pronta a fare la sua parte, ha detto il consigliere federale Alain Berset, che oggi in margine al Forum economico fra le montagne retiche ha avuto vari incontri ad alto livello sul tema. Il capo del Dipartimento federale dell'interno (DFI) ha parlato innanzitutto con il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus. La Confederazione ha offerto il suo sostegno per far fronte all'emergenza, come aveva già fatto per esempio durante l'epidemia di Ebola del 2014.

«Aiutiamo dove possiamo», ha detto Berset in un incontro con i giornalisti, «siamo a disposizione», ha aggiunto, senza voler fornire dettagli sui contorni dell'aiuto. Per quanto riguarda la Svizzera, «siamo ben preparati», ha detto. Per questo genere di situazioni esiste un piano d'azione che viene applicato sulla base degli sviluppi sul terreno.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-17 20:28:49 | 91.208.130.87