Ti Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ARGOVIA
35 min
Auto in fiamme nel tunnel del Bözberg
La galleria sull'A3 è stata temporaneamente chiusa. Portate in salvo 12 persone.
FOTO
EMIRATI ARABI UNITI / SVIZZERA
2 ore
Ecco come appare il lussuoso appartamento di Federer a Dubai
L'asso di tennis ha preferito trascorrere l'inverno nell'esclusivo attico con la sua famiglia
VAUD
2 ore
L'ex direttore del CHUV (in pensione) al capezzale dell'HRC
Pierre-François Leyvraz è stato nominato direttore a interim dell'ospedale Riviera-Chablais.
SVIZZERA
2 ore
Imprese responsabili, l'ultima parola spetterà al popolo
Dopo anni di tira e molla in Parlamento, il prossimo mese di novembre si dovrebbe votare sull'iniziativa.
SOLETTA
2 ore
La centrale di Gösgen si rifà il trucco
L'impianto di Däniker verrà disattivato sabato per la consueta revisione annuale.
SVIZZERA
3 ore
Swiss: entro l'autunno sarà servito l'85% delle destinazioni
La compagnia aerea continua ad ampliare la sua offerta: a fine giugno voleranno 37 aerei su 91
SVIZZERA
3 ore
I viaggi all'estero sono a proprio rischio
La Confederazione sottolinea che non saranno più organizzati voli di rimpatrio
SVIZZERA
4 ore
No al taglio dell'IVA per sostenere ristorazione e turismo
Il Consiglio degli Stati è stata respinta una mozione in tal senso di Marco Chiesa
SVIZZERA
4 ore
La distanza sociale? È raccomandata, ma non c'è più la multa
Nell'ambito dell'attuale situazione epidemiologica, per il Consiglio federale le sanzioni non sarebbero più giustificate
SVIZZERA
5 ore
Freno ai costi, iniziativa riuscita
Il PPD è riuscito a raccogliere 103'761 firme
SVIZZERA
14.01.2020 - 15:530

Macellazione, lacune nell'attenzione al benessere animale

Sono state riscontrate delle autorità federali, che per oltre un anno hanno eseguito un'indagine in tutto il Paese. Controllati anche quattro macelli ticinesi

di Redazione
ats

BERNA - Il mancato rispetto del benessere animale in Svizzera è il principale problema nel processo di macellazione. Lo dicono le autorità federali che, per oltre un anno, hanno eseguito un'indagine in tutto il Paese.

L'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV), cui compete l'alta vigilanza in materia, tra gennaio 2018 e marzo 2019, ha effettuato controlli in 67 macelli di grandi e piccole dimensioni in tutto il Paese (47 nella Svizzera tedesca, compreso l'insieme dei Grigioni, e nel Liechtenstein; 16 in Romandia e l'insieme del Vallese; e quattro in Ticino) in cui si pratica l'abbattimento di bovini, ovini, caprini e suini.

Pur costituendo il 10% dei mattatoi elvetici, l'analisi non è rappresentativa, sottolinea un rapporto pubblicato oggi dall'Unità federale per la filiera agroalimentare (UFAL), cui l'USAV ha affidato l'indagine. Infatti in parte sono state scelte apposta aziende a rischio, le cui lacune erano già state notate in precedenti ispezioni cantonali (l'attuazione delle prescrizioni legali nei macelli è di competenza dei Cantoni).

Se "moltissimi" dei macelli visitati trattano con cura gli animali loro affidati e il sistema del controllo delle carni è «fondamentalmente buono», la «maggior parte» dei mattatoi - soprattutto quelli piccoli - presenta lacune nell'ambito della protezione degli animali durante tre delle sei fasi del processo di macellazione: il ricovero durante la notte, lo stordimento e il dissanguamento.

Durante la notte gli animali frequentemente non hanno accesso all'acqua e quasi sempre sono privati di foraggio e di una lettiera. «Spesso manca il controllo dell'efficacia dell'avvenuto stordimento», scrive l'UFAL. Questo è generalmente dovuto alla mancanza di sensibilizzazione o di formazione, ai sostenuti ritmi di lavoro e al poco tempo disponibile per l'abbattimento. La potenza della corrente dell'apparecchiatura ad esempio non è sempre sufficiente. Per i bovini il periodo tra stordimento e dissanguamento è troppo lungo.

Nella maggioranza dei mattatoi, il personale non verifica se il dissanguamento, soprattutto per i maiali, è avvenuto correttamente. Le piccole strutture non documentano i controlli. L'UFAL aggiunge che l'autocontrollo dei macelli in materia di protezione animale è spesso latitante.

Dall'analisi emerge anche che gran parte dei veterinari ufficiali (cui compete il controllo delle carni) espleta i propri compiti nei grandi macelli, ma spesso non è presente, a causa di risorse limitate, in quelli di esigua capacità produttiva. Nell'ambito della verifica delle carni, essi si concentrano prevalentemente sul controllo degli animali prima della macellazione e sul controllo delle carni alla fine della macellazione. Ciò comporta anche che il benessere degli animali non venga analizzato conformemente alle norme o che in alcune aziende non venga controllato affatto.

Nei macelli con lacune l'USAV ha ordinato alle autorità cantonali veterinarie competenti di ripristinare immediatamente una situazione conforme alla protezione degli animali adottando le necessarie misure e i Cantoni hanno subito reagito. La Confederazione ha poi chiesto ai Cantoni di rivalutare i bisogni in personale veterinario e in risorse.

Più a medio termine, per sensibilizzare il personale dei macelli, verrà aggiornata la formazione e la formazione continua. Infine, le raccomandazioni dell'UFAL sono integrate nella revisione in corso dell'Ordinanza concernente la protezione degli animali nella macellazione (OPAnMac). I principali adattamenti riguardano i metodi di stordimento.

L'USAV verificherà fra tre anni se le misure avviate avranno ottenuto l'efficacia auspicata.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-04 20:22:15 | 91.208.130.85