Immobili
Veicoli
Mayk Wendt
Ogni anno il ghiacciaio del Morteratsch perde un milione di tonnellate di ghiaccio.
GRIGIONI
17.07.2019 - 15:410
Aggiornamento : 16:50

L'innevamento artificiale per salvare i ghiacciai

In Alta Engadina sta per partire un progetto pilota che potrebbe persino permettere la crescita delle lingue di ghiaccio

SAMEDAN (GR) - Ogni giorno il ghiacciaio del Morteratsch, in Alta Engadina, perde un milione di tonnellate di ghiaccio. E gli altri ghiacciai presenti nel nostro paese non stanno meglio. Ma il loro scioglimento potrebbe presto rallentare. Anzi, le lingue di ghiaccio potrebbero addirittura tornare a crescere. Tutto questo potrebbe avvenire se avrà successo il progetto pilota che il prossimo 19 agosto partirà in Alta Engadina e durerà trenta mesi, che prevede l'innevamento artificiale del ghiacciaio nella stazione sciistica del Corvatsch.

Di cosa si tratta? Si parla di riciclaggio dell’acqua di scioglimento: l’intenzione è di raccoglierla in cima al ghiacciaio, per trasformarla in neve durante il periodo invernale. Secondo i ricercatori, se il dieci percento della superficie del ghiacciaio viene ricoperta tutto l’anno con la neve, in un decennio lo stesso potrebbe tornare a crescere.

Il sistema, sviluppato dal glaciologo Felix Keller, costerà 2,5 milioni di franchi. E potrà contare sul sostegno finanziario di Innosuisse, che ha approvato un contributo di un milione.

Bartholet Maschinenbau AG
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Bayron 2 anni fa su tio
Assurdità!!
vulpus 2 anni fa su tio
Oggi la scienza e la tecnologia permette anche questa invasione di campi. Bisognerebbe forse , pensare un attimo quali sono state le condizioni per le quali si sono formati i ghiacciai? Saremmo veramente pronti ad accettare tali situazioni climatiche , affinchè la natura ricrei i ghiacciai? oppure forse vale la pena pensare che quelle condizioni infernali, sono passate e ora la terra si stà nuovamente adeguando ad una nuova situazione? checchè ne dicano esperti e non, oggi dobbiamo vedere questi ghiacciai, come un cubetto di ghiaccio messo su un piano esposto al sole: si scioglie più o meno in fretta, ma si scioglie. E non ci sarà alcuna soluzione pensata dall'uomo che potrà ovviare a questa situazione.
centauro 2 anni fa su tio
E' una iniziativa a scopo sperimentale, mi sembra una buona idea, dopo 30 mesi vedremo gli effetti con relativi costi e quant'altro. Ricordo l'esperimento di ricoprire con teli bianchi il ghiacciaio dello Gemsstock sopra Andermatt, non ho mai saputo quale sia stato il risultato.
miba 2 anni fa su tio
Di cosa si tratta? Non hanno detto la cosa principale: business!
GI 2 anni fa su tio
spreco di denaro e di energia....se effettivamente (!?) la terra si surriscaldasse......oggi innevi e domani s'è già sciolta....
sedelin 2 anni fa su tio
a parte i costi, é possibile sapere se e quanto il progetto influisce sull'impatto ambientale in termini di utilizzo di propulsori (quali?) per il funzionamento dell'impianto?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-24 08:39:26 | 91.208.130.85