Keystone (archivio)
Il divieto sarà introdotto gradualmente in tutte le stazioni nel corso dei prossimi 12 mesi.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
40 min
«Dai 10 anni devono poter decidere se vaccinarsi»
Il tema è di forte attualità. E l'UFSP ha aperto il dibattito anche sui social.
BERNA
4 ore
Quando l'arrivo dei ricchi rischia di farti perdere la casa
L'Oberland bernese attira milionari da tutto il mondo. Il valore delle case è così schizzato alle stelle.
SVIZZERA
4 ore
Coronavirus: in calo casi, ricoveri e decessi
Rispetto a quella precedente, la scorsa settimana tutti gli indicatori sull'andamento epidemiologico sono diminuiti.
SVIZZERA
5 ore
Una falla nella sicurezza stende "lemievaccinazioni.ch"
La piattaforma, sospesa dallo scorso marzo, non sarà più riattivata.
ZURIGO
6 ore
Condannati gli attivisti che bloccarono l'entrata di Credit Suisse
Pene pecuniarie con la condizionale per i nove imputati.
SVIZZERA
6 ore
Il radar “sfasato” che la polizia svizzera continua a usare
Può segnare fino a 11 km/h in più e ha problemi con le superfici rifrangenti, l'allarme dal produttore
BERNA
8 ore
Covid: 2300 positivi e 42 vittime
Sull'arco di due settimane, il numero totale di infezioni scende a 18'893.
ZURIGO
9 ore
I ricercatori dell'ETH scoprono il tallone d'Achille del coronavirus
Lo studio potrebbe portare allo sviluppo di un medicinale per combattere il Covid-19.
VAUD
9 ore
Richiedente asilo respinta, poi morta. Si indaga
Il Tribunale federale ha annullato la decisione della giustizia cantonale di non entrare in materia.
SVIZZERA
9 ore
Disoccupazione e penuria di personale, il paradosso post Covid
Se da un lato le aziende licenziano dipendenti, dall'altro cercano nuovo personale diversamente qualificato.
VAUD
11 ore
96enne muore dopo un incidente sull'A1
L'auto della vittima aveva urtato un veicolo che era a sua volta andato a sbattere contro una terza vettura.
BERNA
11 ore
Patenti di guida: rinnovato l’Accordo con l’Italia
L’Accordo permette ai conducenti che si stabiliscono nell’altro Stato di convertire la propria licenza di guida.
SVIZZERA
11 ore
Al confine con la Germania c'è un grande viavai
Il turismo degli acquisti è di nuovo possibile senza limitazioni. E in moltissimi ne hanno approfittato.
LUCERNA
12 ore
Diciottenne finisce a testa in giù nel torrente
Ferite gravi per la passeggera che è stata trasportata in elicottero all'ospedale
SVIZZERA
04.06.2019 - 15:490
Aggiornamento : 18:17

Stazioni senza fumo, oggi le prime 4... a ottobre saranno quasi 1000

Il divieto è stato introdotto oggi a Burgdorf, Lyssach, Hindelbank e Schönbühl. Entro la metà del 2020 la misura sarà totale

BERNA - Quattro stazioni ferroviarie svizzere - tutte bernesi - hanno introdotto oggi il divieto di fumare, con zone strettamente delimitate per chi non può farne a meno: Burgdorf, Lyssach, Hindelbank e Schönbühl. A fine ottobre dovrebbero essere quasi 1000 ed entro metà 2020 la maggior parte delle rimanenti dovrebbe seguire.

La stampa era invitata oggi a Burgdorf per avere maggiori ragguagli riguardo all'attuazione del divieto, che era stato annunciato lo scorso novembre con effetto dal 1° giugno 2019 per tutta la Svizzera, ma che sarà introdotto a tappe nel giro di un anno.

«I test effettuati l'anno scorso hanno mostrato che la popolazione sostiene ampiamente le stazioni senza fumo», ha detto Ueli Stückelberger, direttore dell'Unione dei trasporti pubblici (UTP), cui aderiscono 128 imprese elvetiche del settore.

A novembre, dopo mesi di lavori preparatori, l'UTP aveva annunciato il bando con l'intento di migliorare la qualità dell'aria e di diminuire la sporcizia per terra. Ogni anno, i due terzi delle cicche gettate finiscono attorno ai binari: sono 550 chili al giorno, ossia circa 200 tonnellate all'anno.

Soluzione pragmatica - Le stazioni svizzere saranno suddivise in tre categorie. Le grandi, con traffico di lunga distanza e lunghi marciapiedi, saranno dotate di due zone fumatori contrassegnate per marciapiede. Le stazioni medie ne avranno solo una per marciapiede. Le piccole stazioni e le semplice fermate, infine, avranno zone fumatori agli accessi che delimitano il marciapiede.

Il dispositivo scelto, sostengono i responsabili dell'UTP, è un «tipico compromesso svizzero all'insegna del rispetto e della tolleranza» ed è pure una soluzione pragmatica.

Tutti i membri dell'Unione sono di principio tenuti ad adottare questa regolamentazione, ma ci sarà una certa elasticità. L'adeguamento avverrà progressivamente e dovrebbe essere portato a termine entro l'estate del 2020 nelle quasi 2000 stazioni di FFS, BLS, Südostbahn (SOB), Sihltal Zürich Uetliberg (SZU), Zentralbahn (ZB) e Trasporti pubblici friburghesi (TPF).

Le piccole imprese di trasporto a vocazione regionale saranno libere di procedere a una "giusta valutazione" della situazione. Per esempio, le Ferrovie giurassiane (Chemins de fer du Jura) si danno un anno per osservare le reazioni della clientela.

Le stazioni FFS di Basilea, Neuchâtel e Zurigo Stadelhofen, nelle quali test pilota sono stati condotti nel 2018, continueranno a bandire completamente il fumo aspettando l'istallazione di zone fumatori.

Nessuna sanzione per ora - Per l'UTP, queste nuove disposizioni sono il logico seguito del divieto di fumo nei treni entrato in vigore nel 2005: sono nel contempo un provvedimento di salute pubblica e un miglioramento della pulizia nelle stazioni.

Per quanto riguarda le sanzioni, la nuova normativa non ne prevede. In Svizzera non c'è attualmente un quadro giuridico che consenta di multare i fumatori indisciplinati. Il progetto si basa "sulla libertà imprenditoriale delle imprese di trasporto, non su un mandato legale", ha indicato l'Ufficio federale dei trasporti (UFT).

«Contiamo sul buon senso degli utenti», afferma Bruno Galliker, portavoce dell'UTP. Spetterà alle singole compagnie ferroviarie completare i loro regolamenti per le stazioni e proibire il fumo fuori dalle zone d'eccezione. Questi regolamenti già prevedono sanzioni, come l'espulsione dalla stazione, per gli indisciplinati recidivi.

Comparata al resto d'Europa, la Svizzera ha avuto finora una prassi molto liberale in questo ambito. In Francia, Italia, Austria, Paesi Bassi, Belgio e Spagna vige un divieto totale di fumo nelle stazioni, in parte anche sui marciapiedi lungo i binari. In Germania e in Norvegia è permesso fumare unicamente nelle zone delimitate sui marciapiedi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zico 1 anno fa su tio
e quante bottiglie trovate intorno ai binari? proibire di portare bibite sui treni! Poi tranquilli nel 2020 quando la proibizione sarà generale, licenziati almeno 2000 persone che si occupavano della raccolta e smaltimento dei rifiuti. naturalmente nel frattempo avranno trovato una nuova scusa per aumentare i prezzi dei biglietti!
sedelin 1 anno fa su tio
@mirko zxy: allora vietiamo anche il masticamento delle cicche?
sedelin 1 anno fa su tio
copia incolla dagli stati uniti :-( non bastano le zone non-fumatori? questi provvedimenti indicano intolleranza assoluta! se il fumatore rispetta il non fumatore appartandosi nella zona a lui riservata, PERCHÈ le ffs infieriscono sui fumatori?
Bacche80 1 anno fa su tio
550 chili di mozziconi al giorno da pulire. Ecco un buon motivo per limitare il fumo nelle stazioni.
skorpio 1 anno fa su tio
Bene, speriamo anche per la lugano-ponte tresa. E adesso pacchetti a fr. 20 minimo.
Shion 1 anno fa su tio
Meglio tardi che mai. Popolo di drogati.
davide84 1 anno fa su tio
Ma finalmente!
Libero pensatore 1 anno fa su tio
Evviva l’intolleranza e gli intolleranti. Poi però a questa gente fanno tanto comodo i soldi che i fumatori mettono nelle casse dello stato, visto che pagano fior di tasse. Nei locali chiusi benissimo è giustissimo non fumare, ma all’esterno... ci vuole un po’ di tolleranza nella vita. Ma andiamo pure avanti così, prima o poi vieteremo ai bambini di entrare nei ristoranti o nei luoghi pubblici perché piangono e danno fastidio. Divieti su divieti, e non mi si venga a parta degli USA, che hanno poco o nulla da insegnare da questo punto di vista. Tutti intolleranti, fino a quando magari un divieto va a toccarli sul vivo, poi magari ci si accorgerà che la strada è quella sbagliata. Si sensibilizzi piuttosto, si creino delle zone per fumatori, delle dimensioni adeguate (che rappresentano la percentuale di fumatori sul totale della popolazione) ma la si smetta di mettere divieti.
seo56 1 anno fa su tio
Questa è “tirannia” e lo dice uno che non fuma.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-14 21:55:36 | 91.208.130.86