Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FRIBURGO / APPENZELLO ESTERNO
8 ore
Liquami nei torrenti, maxi moria di pesci
FRIBURGO / VAUD
8 ore
La barca si capovolge, nuotano oltre un'ora per raggiungere la riva
VAUD
9 ore
La polizia passa all'azione e sloggia i manifestanti
GRIGIONI
9 ore
Violento scontro, conducenti feriti e furgoni distrutti
BERNA
9 ore
L'impresa estrema di 4 ricercatori in spedizione nell'Artico
SVIZZERA
10 ore
UBS e Credit Suisse, un topmanager sarebbe stato pedinato
SVIZZERA / STATI UNITI
10 ore
In vigore la convenzione contro le doppie imposizioni
NEUCHÂTEL
10 ore
Trovato un cadavere vicino ad una scuola
SOLETTA
11 ore
La maggioranza degli svizzeri si fida delle centrali nucleari
BASILEA CITTÀ
11 ore
L’autista dello scuolabus picchia il bambino di 9 anni
ZURIGO
13 ore
Scritte contro Erdogan, la giustizia svizzera sconfessa la Turchia
SVIZZERA
13 ore
Siamo sempre più spaventati, xenofobi e un po’ omofobi
SOLETTA
13 ore
Bimba cade da cavallo e perde la vita
SVIZZERA
13 ore
«Tassare al 90% i capitali oltre i 2 miliardi»
SAN GALLO
14 ore
Poliziotto si spara alla gamba durante un'esercitazione
VAUD
25.05.2019 - 15:420
Aggiornamento : 18:05

Spennato da una prostituta, viene scaricato (anche) dalla giustizia

Si era innamorato della ragazza, ma poi ha capito che lei voleva solo i suoi soldi. Per il giudice c’è stata ingenuità, non frode

LOSANNA - Nella primavera del 2017 un uomo ha incontrato una ragazza in un centro massaggi, dove lei lavorava come prostituta. I due hanno iniziato a vedersi molto spesso, lei si è attaccata al suo “ammiratore” e gli ha mostrato disponibilità.

Ma in pochissimo tempo la ragazza si è ritrovata a chiedere all’uomo 5’000 euro quale “aiuto” per una presunta operazione al cuore a cui suo padre avrebbe dovuto sottoporsi. Lui si è fidato, senza chiedere alcuna prova o giustificazione, né un certificato medico.

«Ha insistito per due settimane - ha spiegato in Tribunale, dove la faccenda è infine arrivata la scorsa settimana -. Diceva che suo papà rischiava di morire. Mi ha fatto tenerezza».

La relazione tra i due è proseguita e con essa anche le spese. Nell’anno seguente l’uomo ha infatti sponsorizzato i viaggi della ragazza nel suo paese d’origine e ha anche accettato di versarle 1’700 franchi al mese a condizione che lei smettesse di prostituirsi.

La verità è venuta a galla quando mentre si trovava “con la sua ragazza” un giorno un altro uomo ha bussato alla porta. E ha spiegato che anche lui la sosteneva economicamente, affinché non dovesse lavorare come prostituta.

A questo punto, sentendosi truffato, lui si è rivolto alla giustizia. Ma il procuratore pubblico non si è lasciato convincere dall’avvocato, secondo cui il suo cliente sarebbe stato manipolato. E il Tribunale cantonale è giunto alla stessa conclusione: non c’è frode, in quanto l’uomo ha scelto volontariamente di mantenere la ragazza e avrebbe potuto rendersi conto più volte che gli stava mentendo. Ha peccato d'ingenuità.

Ora non gli resta che pagare (ancora) le spese processuali pari a 770 franchi, oltre alla fattura dell’avvocato.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-21 01:20:14 | 91.208.130.85