Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
10 ore
Cosa ci dirà questa volta Berset?
Il Consiglio federale è pronto a comunicare le nuove misure anti-Covid. Ecco alcune anticipazioni
GINEVRA
11 ore
Omicron nel campus, duemila in quarantena
Due contagi nella Scuola internazionale di Ginevra hanno fatto scattare massicce misure di contenimento
SVIZZERA
11 ore
«Introdurre una tassa per i non vaccinati»
Lo ha proposto Sanija Ameti, co-presidente del movimento Operation Libero
GRIGIONI
13 ore
In vacanza in hotel, ma solo se vaccinati o guariti
Al Kulm di St.Moritz la stagione turistica invernale inizia con una stretta sulle misure sanitarie
SVIZZERA
15 ore
«Presto potremmo dover decidere chi curare e chi no»
Il personale di cura lancia l'ennesimo allarme: le risorse sono scarse e i pazienti continuano ad aumentare.
SVIZZERA
15 ore
Un nuovo record di pacchi per la Posta
Sono 7,4 milioni quelli recapitati tra il 22 e il 30 novembre 2021. Centomila in più rispetto alla Cyber Week del 2020
SVIZZERA
16 ore
Decessi legati al Covid-19 quasi raddoppiati in una settimana
Il tasso di positività per 100mila abitanti è passato da 437,6 a 590,6: ben oltre il doppio del Ticino (269,2).
ZURIGO
16 ore
Un nuovo centro per i test covid all'aeroporto di Zurigo
È stato inaugurato oggi ed è in grado di effettuare 15mila tamponi alla settimana.
SVIZZERA
17 ore
Quarto caso di Omicron in Svizzera
La persona contagiata è rientrata nove giorni fa dal Sudafrica.
SVIZZERA
17 ore
«Nessuna quarantena per i viaggi d'affari»
Swismem si dice scettico sull'efficacia delle quarantene: «Non fermeranno la diffusione del virus».
GRIGIONI
20.11.2018 - 14:290
Aggiornamento : 14:55

Crash del Ju-52: divieto di esercizio per la Ju-Air

Dall’esame sulla carcassa del velivolo sono emersi gravi danni strutturali ai longheroni delle ali, che «non hanno però alcuna relazione con l’incidente»

COIRA - I due Ju-52 di base a Dübendorf della compagnia aerea Ju-Air non possono volare. Il divieto temporaneo è stato emesso con effetto immediato dall'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC).

L'esame condotto dal Servizio di inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI) sulla carcassa dello Ju-52 precipitato il 4 agosto scorso - in cui morirono 20 persone - ha evidenziato gravi danni strutturali ai longheroni delle ali, che non è stato possibile rilevare nel corso delle normali manutenzioni e ispezioni. Secondo le informazioni attualmente disponibili, questi non hanno alcuna relazione con l’incidente del 4 agosto. Le inchieste tecniche del SISI non sono ancora terminate.

Voli ripresi il 17 agosto - Dopo lo schianto di uno dei trimotori Junkers Ju-52 della Ju-Air il 4 agosto 2018, la compagnia aerea ha ripreso l'esercizio di volo con i due rimanenti velivoli dello stesso tipo il 17 agosto successivo. L'UFAC aveva autorizzato i voli per la compagnia «dato che in quel momento nessun indizio riconduceva l'incidente a carenze tecniche di carattere generale». I voli erano ripresi «nel rispetto di alcune misure precauzionali».

Crepe e corrosione - Il rapporto intermedio del SISI non menzionava alcun indizio che riconducesse l'incidente rivelatosi fatale per 20 persone a un grave problema tecnico. Dall'esame della carcassa sono tuttavia emersi «gravi danni strutturali sotto forma di crepe e corrosione del longherone principale (l'elemento portante dell'ala del velivolo) e di altre parti all'interno della superficie alare». Tali danni non erano rilevabili nel corso delle normali ispezioni e manutenzioni e sono stati individuati solo a seguito dell'esame dei rottami recuperati. 

Fermi per controlli - Dato che i due Ju-52 stazionati a Dübendorf HP-HOP e HB-HOS risalgono allo stesso periodo di costruzione e hanno un numero simile di ore di esercizio dell'aeromobile precipitato, dovrà essere garantito che non presentino anch'essi gli stessi danni. Finché non sarà fornita la prova dell'assenza di tali danni o finché non vi si rimedierà, entrambi gli Ju-52 dovranno per ora restare a terra.

La presa di posizione - Ju-Air si dice «d'accordo» con il divieto temporaneo di volo in attesa di verifiche sui suoi velivoli, sottolineando che lo schianto non è stato attribuito a nessun problema tecnico e che quindi «l'aereo trasportava abbastanza carburante e tutti e tre i motori funzionavano ad alta velocità».

JU-Air ha avviato un progetto per garantire che i suoi aerei non subiscano danneggiamenti simili a quelli riscontrati e intende aggiungere un terzo JU-52 alla sua flotta per la prossima estate. 

Precipitato sabato 4 agosto alle 17 sul Piz Segnas, cima di 3'099 metri a cavallo fra Grigioni e Glarona, il velivolo trasportava un gruppo di turisti tra i 42 e gli 84 anni che avevano passato due giorni in Ticino. Erano partiti venerdì 3 agosto da Dübendorf con lo  Ju-52 HB-HOT - soprannominato "Tante Ju" - per prendere parte all'escursione "Südlicher Charme", organizzata da Ju-Air, un'associazione che propone voli panoramici con i celebri aeromobili. L'aereo era decollato alle 16.10 dall'aeroporto di Magadino.

Nell'incidente sono morte in totale otto coppie e quattro altre persone: 17 svizzeri - provenienti dai cantoni di Zurigo, Turgovia, Lucerna, Svitto, Zugo e Vaud - nonché una coppia di austriaci con il figlio.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 08:10:50 | 91.208.130.86