Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GIURA
7 ore
Due adolescenti provocano un incendio e fuggono
A Porrentruy è scoppiato un incendio boschivo a causa della negligenza di due adolescenti, tuttora ricercati
FRIBORGO
11 ore
La barca si rovescia, morto uno dei due occupanti
Il cadavere di un 67enne è stato rinvenuto oggi al largo di Môtier.
SVIZZERA
11 ore
Un appello in favore dei disabili
Le associazioni chiedono che i portatori di handicap non vengano dimenticati in questo periodo già difficile.
FRIBURGO
12 ore
Troppo alto, si porta via un pezzo di ponte e poi si schianta
Gravi ferite per un conducente 56enne vittima di un incidente figlio della distrazione
BASILEA CITTÀ
14 ore
I falsi nipoti si intascano 19'000 franchi
Una coppia di malfattori è riuscita ad aggirare due anziani nel Basilese, ma poteva andare anche peggio
SVIZZERA
15 ore
«Svizzera scandalosa»
Medici senza frontiere critica la decisione di Berna di accogliere "solo" 20 minori da Lesbo
URI
15 ore
La fermata "Mohrenkopf" è in partenza
In Svizzera non ci sono solo i celebri dolcetti ad avere questo nome controverso.
SVIZZERA
15 ore
Covid, i "saldi di primavera"
Affitti commerciali, approvato a Berna il messaggio sullo sconto a negozi e ristoranti. Ma il governo è contrario
BERNA
16 ore
Una BMW giù per le scale
Pensava fosse l’uscita del parcheggio, e invece si è ritrovato così
SVIZZERA
16 ore
Migros richiama l'apparecchio per la disinfezione «UV-C Mini 3»
C'è il rischio che possa arrecare danni agli occhi e alla pelle
SVIZZERA
17 ore
In Svizzera 3 morti e 488 nuovi casi di Covid-19
Lo conferma il quotidiano bollettino della Confederazione, sono 1'765 le vittime dall'inizio della pandemia
SVIZZERA
17 ore
Consegna tutto l'anno e firma elettronica: miglioramenti per i clienti della Posta
I quotidiani dovranno inoltre essere consegnati entro le 12.30. Queste le misure prese dal Consiglio federale
TURGOVIA
18 ore
Omicidio di Frauenfeld, il ragazzo soffriva di gravi problemi psichici
Il ministero pubblico ha dunque chiesto una terapia stazionaria e l'espulsione dalla Svizzera.
SVIZZERA
18 ore
Aumento di stipendio? Chiederlo ora è pericoloso
È quanto sostiene l'esperto Urs Klinger. «Il capo potrebbe cercare personale all'estero»
SVIZZERA
18 ore
Il Covid «ha rafforzato» il ruolo delle cure palliative
Il Consiglio federale ha proposto oggi alcune misure per il miglioramento della vita in fase terminale
SVIZZERA
20 ore
Coronavirus: nuovo test e medicamento promettente da Roche
Il preparato è approvato per il trattamento dell'artrite. Ridurrebbe il ricorso ad apparecchiature respiratorie.
SVIZZERA
24.07.2018 - 10:100

Disoccupati 50+: «Fatti, non chiacchiere»

Per le associazioni che difendono i disoccupati ultracinquantenni le misure proposte dal Consiglio federale non sono affatto incisive

BERNA - Dal 2015 il Consiglio federale organizza ogni anno una conferenza nazionale sul tema dei «lavoratori in età avanzata» che riunisce rappresentanti della Confederazione, dei Cantoni e delle parti sociali. Per le associazioni che difendono i disoccupati ultracinquantenni le misure proposte non sono affatto incisive.

La quarta conferenza nazionale, che si è tenuta il 26 aprile, era incentrata sulla formazione continua. Nella dichiarazione finale si precisa che «pianificare la propria carriera e aggiornarsi sono compiti che spettano principalmente alle singole persone». I datori di lavoro, le associazioni di categoria, i Cantoni e la Confederazione però devono contribuire garantendo «un accesso paritario alle formazioni continue e alle offerte di consulenza e incentivare le persone a rimanere il più a lungo possibile nel mercato del lavoro».

«Sono anni che ci parlano di formazione. In realtà le persone che si rivolgono a noi, alcuni anche dal Ticino, lavoravano in uffici e banche e hanno una formazione solida», precisa Luigi Miriello di 50etplus. Una constatazione che condivide anche la Conferenza svizzera delle istituzioni dell'azione sociale (COSAS). «È sorprendente constatare che i beneficiari dell'assistenza sociale "anziani" possiedono un livello di formazione più elevato rispetto alle fasce di età più giovani», si legge nel documento "Alternative all'assistenza sociale per le persone di più di 55 anni".

50etplus e Avenir 50plus quest'anno hanno deciso di boicottare l'incontro preparatorio della quarta conferenza in segno di protesta. «All'inizio abbiamo riposto grandi speranze nel dialogo con la Segreteria di Stato all'economia e con il consigliere federale Johann Schneider-Ammann, ma ormai siamo stufi: vogliamo fatti, non chiacchiere», spiega Miriello. «Le aziende che discriminano e licenziano gli over 50 scaricano costi enormi sulla collettività, ma nessuno vuole imporre loro regole più vincolanti. In Francia, ad esempio, le grandi imprese sono obbligate ad avere un tasso minimo di ultracinquantenni fra i dipendenti».

La Segreteria di Stato all'economia, nel suo documento preparato alla conferenza, sottolinea che molte persone fra il 50 e i 64 anni che hanno esaurito le indennità di disoccupazione diventano "inattive", cioè smettono di cercare un impiego. Di questi il 26% sceglie un prepensionamento, un altro 16% il pensionamento. «Ma è veramente una scelta cosciente o è obbligata?», si chiede Miriello. Molte aziende, invece del licenziamento, impongo ai dipendenti "anziani" riduzioni del tasso di occupazione e affidando nuovi incarichi meno interessati. Molti quindi vengono "spinti" al prepensionamento, secondo le associazioni.

Non è un caso che nell'ultimo "Barometro delle 10 principali preoccupazioni degli svizzeri", stilato annualmente dal Credit Suisse, al primo posto a pari merito si piazzino la "disoccupazione" e la "previdenza vecchiaia" fa notare Pierre Bayerdörfer del comitato direttivo di Workfair 50+. «Queste sono le apprensioni dei baby boomer, che prima vivono nell'angoscia di essere licenziati, poi di in quella di dover consumare tutta la loro previdenza vecchiaia» in attesa di arrivare all'età di pensionamento.

Le cifre in dettaglio:

Dopo i 50 anni il rischio di essere licenziati non aumenta. Se si perde il lavoro a quell'età però è molto difficile trovare un altro impiego e la permanenza in disoccupazione si allunga, stando alle cifre pubblicate dalle Segreteria di stato dell'economia (SECO) nel rapporto preparatorio alla quarta conferenza nazionale sui disoccupati "anziani".

Il tasso di disoccupati ultracinquantenni iscritti agli Ufficio regionali di collocamento è tradizionalmente più basso della media. Nel 2017 era del 2,8% contro il 3,3% in generale. Dopo l'introduzione delle revisione della Legge sull'assicurazione contro la disoccupazione, nel 2011, molte persone hanno perso il diritto alle indennità e hanno dovuto rivolgersi all'assistenza. L'aumento dei disoccupati che hanno fatto ricorso all'aiuto sociale dal 2011 al 2016 è stato del 33% in generale, mentre per gli ultracinquantenni del 50,3%.

Utilizzando le statistiche in base ai criteri dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), come suggerito nel documento della SECO, le costatazioni rimangono invariate: il tasso di disoccupazione dai 50 ai 64 anni è più basso rispetto alla media (3,9% contro 4,8% nel 2017), il numero di senza lavoro in questa fascia di età però aumenta più velocemente: +39% fra il 2010 e il 2017, contro +10% in media.

Il tasso di licenziamenti fra i 55 e i 64 anni è pari a quello delle fascia di età 15-24 anni e quello dei 40-54 anni è identico a quello dei 25-39 anni, secondo i calcoli della SECO. Aumenta invece il rischio di esaurire il periodo di indennità senza aver ritrovato un lavoro e la percentuale di ultracinquantenni in disoccupazione da oltre un anno è più elevata rispetto alla media: 54% contro 37%.

Per quanto riguarda la sottoccupazione, cioè le persone con un impiego a tempo parziale che vorrebbero aumentare la percentuale lavorativa senza riuscirci, il tasso risulta più elevato per i 50-64 anni: 8,1% contro 7,3% in generale nel 2017. Il numero dei sottoccupati di questa età è aumentato in maniera esponenziale, +72% contro +33% globalmente.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Egidio 2 anni fa su tio
Sono attualmente in disoccupazione e confermo la situazione vergognosa del sistema. Ho frequentato, per ben 2 anni, una scuola che mi darebbe la possibilità di essere inserito stabilmente nel mondo del lavoro, scuola da me pagata, e l'URC mi ha considerato non collocabile per il 40%, togliendomi quindi le indennità che mi spetterebbero. Le indennità ci spettano poiché tutti i lavoratori ne pagano i premi mensilmente, nella voce AD (assicurazione contro la disoccupazione) ammontante al 1% del salario lordo. Peccato sia l'unica assicurazione che, se si verifica un sinistro (perdita del lavoro), non ti paghi la copertura assicurata! Eh si, paghi l'assicurazione ma non hai la garanzia che questa ti sostenga, anche se non ne hai colpa. Risultato: per 2 anni ho dovuto stringere la cinghia ed inventarmi lavori saltuari, sommati alle ore di impegno scolastico, per poter arrivare alla fine del mese. Per non parlare poi del menefreghismo, dell'arroganza e della incapacità della cassa cantonale, alla quale non frega nulla se stai con un piede in mezzo alla strada. E' un sistema che non funziona e necessita di una bella revisione, secondo me!
volabas 2 anni fa su tio
@Egidio anche se non ti aiutera', sono dalla tua parte, buona fortuna
shooter01 2 anni fa su tio
il CF fa solo chiacchiere inutili. Per loro l'unica cosa che onta sono i preziosi bilaterali e le relazioni con i loro padroni della ue. Se i cittadini di questo paese hanno problemi dopo i 55 anni , si arrangino. Loro tanto stanno seduti sul cadreghino finchè non fanno muffa
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-19 05:46:20 | 91.208.130.87