Archivio Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VAUD
3 ore
Caduta mortale nella gola del Chauderon
Una 62enne è precipitata per una cinquantina di metri
URI
3 ore
In retromarcia sull'A2 per evitare controlli
Pericolosa manovra di tre autotrasportatori, che volevano sottrarsi a un controllo perché i loro veicoli presentavano difetti tecnici
FOTO
TURGOVIA
5 ore
Scoppia la polemica su questo cartellone elettorale
La decisione di una candidata al Gran Consiglio turgoviese di farsi ritrarre con un fucile d'assalto ha riportato alla mente la strage avvenuta a Zugo
VIDEO
BERNA
5 ore
Quando l'acqua anziché cascare... risale
Curioso fenomeno quello immortalato nell'Oberland bernese. Ma c'è una spiegazione
SVIZZERA
5 ore
Quasi 90enne, il Glacier Express è sempre più amato
Il caratteristico treno rosso ha registrato un +10% di passeggeri: «Continua a essere una delle esperienze ferroviarie di maggior richiamo del mondo»
LUCERNA
7 ore
Beccato con la targa contraffatta e senza patente
Il 32enne polacco è stato fermato ieri nei pressi di Triengen
SVIZZERA
8 ore
Feriti sulle piste: 140 interventi in un weekend
È stato un fine settimana intenso per la Rega. Numerosi gli sciatori soccorsi per infortuni
ARGOVIA
8 ore
Trovata morta una donna scomparsa a fine dicembre
Il corpo della 64enne è stato rinvenuto a pochi chilometri di distanza dal suo domicilio
SVIZZERA
8 ore
Il cervo dello Jägermeister ha perso il suo significato cristiano
Il TAF ha stabilito che il logo del noto digestivo, un cervo con una croce, può essere commercializzato senza ferire i sentimenti religiosi
LUCERNA
8 ore
Arrestati dopo una folle sfida notturna
Gara automobilistica ad alta velocità, in pieno centro di Lucerna, fra due giovani. Uno di loro si trovava pure in stato d'ebbrezza
SVIZZERA-CINA
9 ore
Gli svizzeri in Cina: «Abbandonati da Berna»
Il DFAE afferma di essere in contatto con i confederati che si trovano nel paese asiatico. Ma molti dicono di non essere mai stati contattati
GINEVRA
10 ore
I frontalieri arrivano da sempre più lontano
Lo storico Claude Barbier mette in guardia su un possibile problema culturale: «Spesso questi lavoratori non comprendono gli usi e i costumi locali»
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
11 ore
«Ogni tre giorni c'è un'auto in contromano sulle autostrade»
Quello avvenuto sabato nel canton Berna è solo l'ultimo caso di una lunga serie. Via Suisse: «15 conducenti contromano da inizio 2020»
SVIZZERA
14 ore
Quando gli apprendisti sono costretti a portare il caffè
Ai giovani in formazione vengono spesso affidati compiti non previsti nella loro funzione. I sindacati chiedono più controlli
BERNA
20 ore
«Abbiamo suonato il clacson per avvisare i conducenti»
Parla il testimone dell'incidente avvenuto questo fine settimana sull'A6
VAUD
21 ore
Uscito dall'ospedale, non si hanno più notizie di Nexhit
L'uomo è psicologicamente fragile
SVIZZERA
24.07.2018 - 10:100

Disoccupati 50+: «Fatti, non chiacchiere»

Per le associazioni che difendono i disoccupati ultracinquantenni le misure proposte dal Consiglio federale non sono affatto incisive

BERNA - Dal 2015 il Consiglio federale organizza ogni anno una conferenza nazionale sul tema dei «lavoratori in età avanzata» che riunisce rappresentanti della Confederazione, dei Cantoni e delle parti sociali. Per le associazioni che difendono i disoccupati ultracinquantenni le misure proposte non sono affatto incisive.

La quarta conferenza nazionale, che si è tenuta il 26 aprile, era incentrata sulla formazione continua. Nella dichiarazione finale si precisa che «pianificare la propria carriera e aggiornarsi sono compiti che spettano principalmente alle singole persone». I datori di lavoro, le associazioni di categoria, i Cantoni e la Confederazione però devono contribuire garantendo «un accesso paritario alle formazioni continue e alle offerte di consulenza e incentivare le persone a rimanere il più a lungo possibile nel mercato del lavoro».

«Sono anni che ci parlano di formazione. In realtà le persone che si rivolgono a noi, alcuni anche dal Ticino, lavoravano in uffici e banche e hanno una formazione solida», precisa Luigi Miriello di 50etplus. Una constatazione che condivide anche la Conferenza svizzera delle istituzioni dell'azione sociale (COSAS). «È sorprendente constatare che i beneficiari dell'assistenza sociale "anziani" possiedono un livello di formazione più elevato rispetto alle fasce di età più giovani», si legge nel documento "Alternative all'assistenza sociale per le persone di più di 55 anni".

50etplus e Avenir 50plus quest'anno hanno deciso di boicottare l'incontro preparatorio della quarta conferenza in segno di protesta. «All'inizio abbiamo riposto grandi speranze nel dialogo con la Segreteria di Stato all'economia e con il consigliere federale Johann Schneider-Ammann, ma ormai siamo stufi: vogliamo fatti, non chiacchiere», spiega Miriello. «Le aziende che discriminano e licenziano gli over 50 scaricano costi enormi sulla collettività, ma nessuno vuole imporre loro regole più vincolanti. In Francia, ad esempio, le grandi imprese sono obbligate ad avere un tasso minimo di ultracinquantenni fra i dipendenti».

La Segreteria di Stato all'economia, nel suo documento preparato alla conferenza, sottolinea che molte persone fra il 50 e i 64 anni che hanno esaurito le indennità di disoccupazione diventano "inattive", cioè smettono di cercare un impiego. Di questi il 26% sceglie un prepensionamento, un altro 16% il pensionamento. «Ma è veramente una scelta cosciente o è obbligata?», si chiede Miriello. Molte aziende, invece del licenziamento, impongo ai dipendenti "anziani" riduzioni del tasso di occupazione e affidando nuovi incarichi meno interessati. Molti quindi vengono "spinti" al prepensionamento, secondo le associazioni.

Non è un caso che nell'ultimo "Barometro delle 10 principali preoccupazioni degli svizzeri", stilato annualmente dal Credit Suisse, al primo posto a pari merito si piazzino la "disoccupazione" e la "previdenza vecchiaia" fa notare Pierre Bayerdörfer del comitato direttivo di Workfair 50+. «Queste sono le apprensioni dei baby boomer, che prima vivono nell'angoscia di essere licenziati, poi di in quella di dover consumare tutta la loro previdenza vecchiaia» in attesa di arrivare all'età di pensionamento.

Le cifre in dettaglio:

Dopo i 50 anni il rischio di essere licenziati non aumenta. Se si perde il lavoro a quell'età però è molto difficile trovare un altro impiego e la permanenza in disoccupazione si allunga, stando alle cifre pubblicate dalle Segreteria di stato dell'economia (SECO) nel rapporto preparatorio alla quarta conferenza nazionale sui disoccupati "anziani".

Il tasso di disoccupati ultracinquantenni iscritti agli Ufficio regionali di collocamento è tradizionalmente più basso della media. Nel 2017 era del 2,8% contro il 3,3% in generale. Dopo l'introduzione delle revisione della Legge sull'assicurazione contro la disoccupazione, nel 2011, molte persone hanno perso il diritto alle indennità e hanno dovuto rivolgersi all'assistenza. L'aumento dei disoccupati che hanno fatto ricorso all'aiuto sociale dal 2011 al 2016 è stato del 33% in generale, mentre per gli ultracinquantenni del 50,3%.

Utilizzando le statistiche in base ai criteri dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), come suggerito nel documento della SECO, le costatazioni rimangono invariate: il tasso di disoccupazione dai 50 ai 64 anni è più basso rispetto alla media (3,9% contro 4,8% nel 2017), il numero di senza lavoro in questa fascia di età però aumenta più velocemente: +39% fra il 2010 e il 2017, contro +10% in media.

Il tasso di licenziamenti fra i 55 e i 64 anni è pari a quello delle fascia di età 15-24 anni e quello dei 40-54 anni è identico a quello dei 25-39 anni, secondo i calcoli della SECO. Aumenta invece il rischio di esaurire il periodo di indennità senza aver ritrovato un lavoro e la percentuale di ultracinquantenni in disoccupazione da oltre un anno è più elevata rispetto alla media: 54% contro 37%.

Per quanto riguarda la sottoccupazione, cioè le persone con un impiego a tempo parziale che vorrebbero aumentare la percentuale lavorativa senza riuscirci, il tasso risulta più elevato per i 50-64 anni: 8,1% contro 7,3% in generale nel 2017. Il numero dei sottoccupati di questa età è aumentato in maniera esponenziale, +72% contro +33% globalmente.

Commenti
 
Egidio 1 anno fa su tio
Sono attualmente in disoccupazione e confermo la situazione vergognosa del sistema. Ho frequentato, per ben 2 anni, una scuola che mi darebbe la possibilità di essere inserito stabilmente nel mondo del lavoro, scuola da me pagata, e l'URC mi ha considerato non collocabile per il 40%, togliendomi quindi le indennità che mi spetterebbero. Le indennità ci spettano poiché tutti i lavoratori ne pagano i premi mensilmente, nella voce AD (assicurazione contro la disoccupazione) ammontante al 1% del salario lordo. Peccato sia l'unica assicurazione che, se si verifica un sinistro (perdita del lavoro), non ti paghi la copertura assicurata! Eh si, paghi l'assicurazione ma non hai la garanzia che questa ti sostenga, anche se non ne hai colpa. Risultato: per 2 anni ho dovuto stringere la cinghia ed inventarmi lavori saltuari, sommati alle ore di impegno scolastico, per poter arrivare alla fine del mese. Per non parlare poi del menefreghismo, dell'arroganza e della incapacità della cassa cantonale, alla quale non frega nulla se stai con un piede in mezzo alla strada. E' un sistema che non funziona e necessita di una bella revisione, secondo me!
volabas 1 anno fa su tio
@Egidio anche se non ti aiutera', sono dalla tua parte, buona fortuna
shooter01 1 anno fa su tio
il CF fa solo chiacchiere inutili. Per loro l'unica cosa che onta sono i preziosi bilaterali e le relazioni con i loro padroni della ue. Se i cittadini di questo paese hanno problemi dopo i 55 anni , si arrangino. Loro tanto stanno seduti sul cadreghino finchè non fanno muffa
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-17 20:28:20 | 91.208.130.86