ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il congedo di paternità conquista giovani e anziani
Ampio consenso per la proposta in votazione il prossimo 27 settembre, secondo il sondaggio di 20 minuti e Tamedia
FOTO
SAN GALLO
9 ore
Canyonista spagnolo scomparso: «Lo conosco, era molto esperto»
Alex Arnold spera ancora che possa essere ritrovato in buone condizioni, anche se è quasi impossibile.
SVIZZERA
10 ore
Un'auto in fiamme svela un cadavere
Ancora poco chiara la dinamica dell'incidente di questa sera a Wädenswil
SVIZZERA / LIBANO
13 ore
Solidarietà elvetica: raccolti oltre 3 milioni di franchi per Beirut
La colletta continua sul sito ufficiale della Catena della Solidarietà
SVIZZERA
15 ore
Manodopera residente, misure ritardate a causa del coronavirus
Il pacchetto era stato elaborato dal Governo lo scorso maggio
SCIAFFUSA
15 ore
Morta Esther Bührer, prima "senatrice" sciaffusana
È stata consigliera agli Stati dal 1979 al 1991.
SVIZZERA
17 ore
Tanti turisti svizzeri, ma non bastano
I pernottamenti sono in calo del 27%, stando al bilancio intermedio estivo tracciato da Svizzera Turismo.
SAN GALLO
17 ore
Tragedia in canyoning: «Erano esperti, venivano dalla Navarra»
Il quarto torrentista risulta ancora disperso. «Non c'è alcuna speranza di trovarlo in vita».
SVIZZERA
17 ore
Nuotate fatali per due uomini
Un 87enne svizzero è annegato nell'Untersee (TG). Un turista ceco è invece morto nelle acque del lago di Hallwil (AG).
GRIGIONI
18 ore
Più sicurezza sul Lucomagno
Il duplice intervento di protezione, effettuato nei comuni di Disentis e Medel, avrà un costo di 720'000.
SVIZZERA
19 ore
Altro giorno sopra i 200 contagi
Il totale dei casi positivi da inizio pandemia sale a 37'403. I decessi sono 1'715.
SVIZZERA
19 ore
Latitante da 17 anni, è stato arrestato in Svizzera
La Fedpol è stata attivata dalla rete europea Enfast e ha predisposto mirati servizi di localizzazione
BASILEA / CANTONE
11.05.2015 - 20:260
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Nel tram con 40 chili di carne

Esplode il contrabbando di carne. Il caso di Basilea e il fenomeno ticinese: "Aspetto nuovo. 130 casi di quantitativi superiori ai 10 chili dall'inizio dell'anno, ossia uno al giorno"

BASILEA - Le cronache di frontiera suscitano sempre molto interesse in Svizzera. Oggi giunge da Basilea un ulteriore reportage sull'ormai famosissimo tram 8, che collega la città svizzera a Weil am Rhein, località tedesca presa d'assalto dai "turisti della spesa" svizzeri.

Basilea-Weil am Rhein, uno dei valichi più frequentati - Sempre più confederati fanno la spesa all'estero. La Germania è di gran lunga la più gettonata. La tedesca Weil am Rhein è diventata una delle capitali degli acquisti. Il valico che la collega a Basilea è il più frequentato di tutta la Svizzera Nord-occidentale. Oltre ai basilesi, sono sempre di più gli acquirenti dalla Svizzera interna che si recano nella cittadina del circondario di Lörrach.

Arriva l'Ascensione, "ho già paura" - Come vivono le guardie di confine basilesi questo assalto alla vicina Germania? Al valico di Weil am Rhein-Friedlingen, sulla Hiltalingerstraße, hanno tutti un gran da fare. Il ponte dell'Ascensione si avvicina e per Patrick Gantenbein, guardia di confine a Basilea, saranno giorni di lavoro intenso: "Ho già paura adesso", confida a 20min.ch. Con la fine del cambio fisso a 1.20, il traffico tra la Svizzera e la Germania si è intensificato ulteriormente. Gli svizzeri acquistano in Germania di tutto, dagli alimentari agli occhiali da vista, dai prodotti per l'igiene personale ai pezzi di ricambio per l'auto. E da metà gennaio vanno anche a fare il pieno carburante. Un litro di Diesel costa a Weil am Rhein da 1,299 a 1,319. In autostrada il prezzo sale a 1,349. In Svizzera il gasolio risulta più caro, attorno all'1,50 franchi circa.

Il tram numero 8 - Ma a suscitare una certa preoccupazione è il tram numero 8 della linea dei trasporti pubblici basilese. Una delle fermate che collega le due città si trova in dogana. Forse un unicum in Svizzera. I controlli da parte svizzera sono sporadici. Le risorse messe a disposizione per potenziare i controlli non sono sufficienti. Pochi uomini e quindi, pochi controlli. Ma quelli effettuati, "a campionamento statistico, hanno sempre successo", ha confermato Gantenbein.

Carne a prezzi stracciati - La guardia di confine non nasconde il suo stupore: "Lei non si immagina tutta la merce che si porta la gente". Il record, così ha raccontato Gantenbein spetta a un uomo salito sul tram con ben 40 chilogrammi di carne fresca in diversi sacchetti. Se si considera che la carne di maiale marinata per il barbecue costa 4,44 euro al chilo, 6 salsicce da arrostire 1,49 euro e un tubetto di senape Thomy 0,79 centesimi (Supermercato Kaufland, ndr), si capisce, almeno in parte, i motivi dell'esodo a cui si sta assistendo.

Contrabbando di carne in aumento in Ticino - Anche in Ticino i controlli sono a campione e, per quanto riguarda la carne, si assiste negli ultimi sei mesi circa a un incremento importante del contrabbando. A spiegarci il fenomeno è Davide Bassi, portavoce delle guardie di confine regione IV: "Attraverso i nostri confini (della regione IV, ndr) passano circa 170mila veicoli al giorno, che corrispondono a circa quasi 2 veicoli al secondo. Quotidianamente troviamo un documento falsificato, 7 persone ricercate per vario titolo e, in media, facciamo una quindicina di multe al giorno". L'aspetto nuovo riguarda il contrabbando di carne: "Dalla fine del 2014 sono aumentate le quantità rinvenute. Se prendiamo in considerazione i quantitativi superiori ai 10 chilogrammi riscontrati dalle nostre guardie di confine abbiamo soltanto nel Ticino 130 casi, ossia uno al giorno". Il fenomeno sorprende e pone interrogativi tra le guardie di confine. "Abbiamo anche rinvenuto quantità di carne fino a 70 chilogrammi". Il contrabbando cambia le sue dinamiche e, come ha commentato Bassi, "c'è ed è costante". Dall'Italia giungono le sigarette, provenienti dai Balcani, il vino ("nelle ultime ore abbiamo fermato un'importazione illegale di 250 litri di vino), salumeria e addirittura delle attrezzature idrauliche per un valore di diverse migliaia di franchi". In tutti i casi, Bassi rassicura: "I controlli ci sono e avvengono anche in quelle fasce di confine dove si trovano i valichi incustoditi per andare a scovare proprio chi cerca di sfruttare quei passaggi".

Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 07:54:42 | 91.208.130.85