Ti-press (Pablo Gianinazzi)
+1
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
NHL
22 min
Gioia Hofmann: primo punto in NHL
L'attaccante rossocrociato ha contribuito al successo dei Blue Jackets ottenuto sui Seattle Kraken (2-1 all'overtime).
PARIGI
1 ora
Wanda Nara tradita e arrabbiatissima: è finita con Icardi?
La showgirl argentina ha sfogato la sua rabbia su Instagram.
SERIE A
10 ore
Pazzesca rimonta del Milan
Nell'ultima mezzora di gioco i rossoneri hanno trovato tre volte il gol, con Giroud, Kessie e l'autorete di Gunter
NATIONAL LEAGUE
11 ore
Il Langnau vince ancora, il Friborgo non si ferma più
Weekend da sei punti per i Tigers, mentre i burgundi hanno centrato la nona vittoria di fila.
HCL
11 ore
Weekend buio per il Lugano: il Davos espugna la Cornèr Arena
Intraprendenti ma imprecisi, gli uomini di McSorley hanno ceduto ad un più cinico Davos.
HCAP
11 ore
Un ottimo primo tempo non basta: Ambrì battuto a Berna
Avanti 2-0 dopo 20' (reti di D'Agostini ed Heim), i leventinesi sono stati sconfitti 3-2.
SWISS LEAGUE
12 ore
Due punti per i Rockets
La squadra di Landry si è imposta 2-1 alla Bossard Arena.
SERIE A
13 ore
Simone Inzaghi mastica amaro contro la "sua" Lazio
Accelerata decisiva nel finale dei biancocelesti, vittoriosi 3-1 sui nerazzurri
BASKET
14 ore
La Spinelli Massagno sbanca Ginevra
La squadra di Gubitosa si è imposta 76-64 nella città di Calvino. Decisivo l'ultimo quarto.
MOTOGP
16 ore
Aleix Espargaro non ci sta: «Non ha cervello...»
Il pilota spagnolo ha sferrato un attacco durissimo nei confronti del manager di Deniz Oncu, ovvero Kenan Sofouglu.
NATIONAL LEAGUE
16 ore
Sebastian Wännström firma con l'Ajoie
Viste le numerose assenze, il club romando ha deciso di correre ai ripari
HOCKEY FEMMINILE
16 ore
HC Ladies battute dallo Zurigo
La squadra di Benjamin Rogger è stata sconfitta 3-1.
HCL
20 ore
Lugano: ecco Libor Hudacek
Negli ultimi due campionati lo slovacco ha giocato in KHL
FC LUGANO
22.09.2021 - 16:200
Aggiornamento : 20:44

«Si parte dalle certezze, poi possiamo costruire qualcosa»

Mattia Croci-Torti lancia la sfida col GC: «Contini è un tecnico molto elastico, la squadra solida ed efficiente».

«Voglio che a Cornaredo i nostri tifosi si divertano. Baumann? Ha un problema piuttosto serio e difficilmente sarà in campo nel prossimo mese».

LUGANO - Promosso al timone dei bianconeri con un contratto fino al 2023, Mattia Croci-Torti, due giorni dopo la conferenza di "presentazione", è tornato a parlare davanti ai media per lanciare la sfida da campionato col neopromosso GC, in agenda domani a Cornaredo (20.30).

In questi anni il 39enne ha lavorato con diversi mister come Tami, Celestini, Jacobacci e Braga. Domani vedremo il primo Lugano di Croci-Torti?
«Vedremo un Lugano tosto e che giocherà con carattere - interviene il tecnico ticinese - Voglio una squadra aggressiva, coraggiosa e pronta a dare tutto pur di non perdere. Insomma una squadra che lotta dal 1' al 90'. È molto importante che in campo si veda l'identità del gruppo. Sembrano banalità, ma senza la giusta attitudine andiamo in difficoltà. Poi, per il gioco, bisognerà conoscere sempre di più anche i nuovi giocatori e ci vuole del tempo».

Al GC sei stato da ragazzo quando le Cavallette erano al top e vincevano gli ultimi titoli. Sarà una sfida speciale?
«Il GC è una sfida speciale per tutti coloro che amano il calcio svizzero. Sono ancora nettamente la squadra più titolata. Negli ultimi anni hanno perso un po' di credibilità, ma il GC è sempre il GC e il fascino resta. Io ho avuto il piacere di allenarmi con il vero Grasshopper, quello di Chapuisat e tanti altri campioni. È stato un sogno».

In campo porterai una nuova idea tattica?
«Ho tante idee in testa e so cosa ci piacerebbe fare. Non bastano però "uno-due" allenamenti per inculcare dei principi. Si parte dalle certezze, poi piano piano si inizia a costruire. Voglio un Lugano che in casa riesca a mostrare un calcio divertente e propositivo. Voglio che a Cornaredo i nostri tifosi vedano una squadra che giochi con coraggio».

Che Grasshopper ti aspetti domani sera?
«Contini è un allenatore molto elastico, capace di adattarsi e cambiare sistema di gioco. Anche per questo dobbiamo rimanere concentrati su noi stessi. Ricordiamoci che il GC è una neopromossa e vorrà dimostrare di potersela giocare. È una squadra solida. Non hanno superstar, ma sono efficienti».

Ora che il tuo ruolo è ufficialmente cambiato, è mutato anche il tuo rapporto con i giocatori?
«No. Il vice allenatore viene "odiato" lo stesso. Di amici tra i giocatori in Super League non ce ne sono, ne avevo a Chiasso ma qui a Lugano non sono mai stato amico di nessuno. Gli 11 che giocano sono felici e gli altri no. L’ambizione di tutti è partire dal primo minuto».

Di sicuro però stai simpatico e sei ben voluto dalla piazza. Sorpreso da tutto questo affetto?
«Onestamente sono rimasto anche un po’ sorpreso di tutto questo entusiasmo. In questi anni non abbiamo fatto altro che essere il più sinceri possibili. Non sono mai stato visto come una persona falsa. Comunque è stato bello e mi ha fatto piacere. Molti mi hanno detto che ora arrivano i momenti difficili... ma ho sempre risposto che per me ora arriva il bello».

A livello di portieri come siete messi?
«Purtroppo Baumann ha un problema piuttosto serio e difficilmente sarà in campo nel prossimo mese. Osigwe ha avuto la febbre prima del match di Neuchâtel. Come dirò sempre gioca solo chi è al 100%. Di conseguenza in Coppa ha giocato Saipi. Da domani comunque Osigwe tornerà al suo posto. Ha la nostra piena fiducia».

Baumann dunque è infortunato. Bottani e gli altri invece come stanno?
«Bottani è un giocatore che influenza qualsiasi partita. Nella parentesi con Braga ci ha letteralmente trascinato. Giocare senza di lui non è stato evidente. Ha iniziato ieri ad allenarsi e speriamo che domani possa darci una mano, ma vedremo per quanti minuti. L’importante è averlo sempre a disposizione, per questa squadra è un valore aggiunto. Per il resto l'emergenza a centrocampo è finita».

Abubakar e Lungoyi possono giocare insieme dal primo minuto?
«Sì, possono farlo, poi vediamo se già da domani o più in là. In ogni caso è una questione di equilibrio e di scelte in base a quello che vedo negli allenamenti in settimana».

Il mister si è poi soffermato sull'importanza del pubblico negli stadi, con i tifosi tornati sugli spalti dopo il "deserto" che ha caratterizzato l'emergenza Covid.
«È un qualcosa a cui dobbiamo riabituarci. Invece del silenzio assoluto ci sono i tifosi pro e contro. Sarà un fattore da sfruttare. Con il Covid le cose erano un po’ differenti ed è stato più semplice giocare fuori casa, in stadi come Basilea o San Gallo. Ora però dovremo sfruttare anche la carica delle tifoserie avversarie».

CALCIO: Risultati e classifiche

Ti-press (Pablo Gianinazzi)
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 09:45:20 | 91.208.130.86