Ti Press
L'OSPITE
04.08.2021 - 18:490

I nostri Molinari siete voi!

Mattia Corti, membro del collettivo "T'aspetto fuori"

Caro UDC, ho letto con interesse la tua presa di posizione a proposito dei fischi in Piazza Riforma, e ci terrei a precisare un paio di cose.

Prima di tutto, a differenza delle precedenti manifestazioni, questa non era organizzata dai Molinari. Non so perché in molti facciano fatica a riconoscerlo, ma i fischi del 1° agosto sono stati organizzati dal collettivo “T’aspetto fuori”, cioè io, Michel Venturelli e alcuni sostenitori. Nella fattispecie la gara di fischi è stata organizzata con una telefonata di 6 minuti e altri 15 minuti tra fare la locandina e creare l’evento su Facebook (che fighi!). Perciò gradirei che non ci usaste come pretesto per la vostra lotta ai Molinari, senza nemmeno citarci!

Quindi adesso veniamo ai motivi di questa manifestazione: se infatti per voi dell’UDC serve il pugno duro per fermare questa ondata d'irrispettosa e pericolosa anarchia, per “T’aspetto fuori” il punto di vista è un tantino differente: anche per noi serve il pugno duro per fermare questa ondata d'irrispettosa e pericolosa anarchia, ma non da parte dei Molinari, bensì da parte del Municipio.

Infatti fate finta di niente, ma se c’è qualcuno che in questa vicenda non ha rispetto per le istituzioni è proprio il Municipio luganese: correggetemi se sbaglio, ma le nostre istituzioni chiedono un permesso edilizio per abbattere uno stabile; chiedono dei test per la presenza di eventuali sostanze tossiche! Ma soprattutto, le nostre istituzioni devono essere un libro aperto per i cittadini: ragione per cui quando si chiede alle istituzioni – in questo caso il Municipio di Lugano e/o la polizia – chi abbia dato l’ordine di abbattere l’ex Macello e quando lo abbia dato, la risposta deve arrivare nel giro di cinque minuti. E soprattutto non deve servire una inchiesta da parte della Magistratura, in corso da due mesi poi, per saperlo! E ancora non lo sappiamo!

E questo, caro UDC, non puoi far finta che sia nulla. Questo, anzi, è sufficiente per poter affermare, come dici tu, che Lugano sia fuori controllo: ma non per le manifestazioni non autorizzate, ma per le scelte, altrettanto non autorizzate, di Municipio e consorelle.

Ecco dunque il perché domenica sera c’erano i fischi: fischi non soltanto da parte dei “Molinari brozzoni”, ma da parte di cittadini che non sopportano più questo modo irrispettoso di gestire l’amministrazione cittadina come fosse un feudo.

E se proprio devo dirla tutta, mi aspetterei da parte vostra un sostegno ai NOSTRI manifestanti: abbiamo un problema sul NOSTRO territorio, perché i NOSTRI giovani non hanno più un luogo di ritrovo. E da parte di una città che ha speso 240 milioni per un’arte elitaria per pochi nobili al LAC, io mi aspetto che ci sia qualche briciola per chi invece l’arte non la celebra ma magari la sta creando: io sogno un centro con sale prove per la musica, per il teatro e per qualsiasi altra performance; sogno spazi per dipingere, per fare laboratori di ricerca e per delle lezioni/conferenze. Sogno dei luoghi che una volta, numerosi e sparsi, abitavano le città ticinesi, accogliendo tanti giovani che oggi magari vediamo al LAC ad esibirsi o vediamo al Festival con un proprio film… Giovani che non sono stati trattati col pugno duro, ma che anzi trovavano autorità capaci di capirli e con le quali era facile dialogare.

Per cui sì, caro UDC: pugno duro! Ma pugno duro verso quei cazzari che senza visioni, senza onestà e senza spessore stanno distruggendo una città!

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-26 05:42:00 | 91.208.130.87