Immobili
Veicoli
Guardarsi allo specchio e vedere uno straniero
CHIARA DUBEY
La copertina di "Strangers", il nuovo singolo di Chiara Dubey.
ULTIME NOTIZIE People
STREAMING
CANTONE
48 sec
"If You Want My Love", e il salotto diventa un club
Sonorità "old school" nel nuovo singolo di Agahma, sempre nel solco pop/dance tracciato con i suoi primi due brani
STATI UNITI
9 ore
«Non c'è nessun nuovo sex tape di Kim Kardashian»
Nel video consegnatole da Kanye West ci sono sì dei filmati, ma nulla di sessualmente esplicito
ITALIA
11 ore
Andrea Delogu e l’addio a Francesco Montanari: «Era finito l’amore»
A distanza di un anno la presentatrice ha parlato della fine del suo matrimonio 
ITALIA
13 ore
Tomaso Trussardi fotografato con un’altra donna dopo l’addio alla Hunziker 
Nel mirino del gossip il week-end dell’imprenditore sulla neve 
ITALIA
19 ore
Sfera Ebbasta presto papà, in arrivo un maschietto
L’artista ha svelato il sesso del bebè che aspetta insieme ad Angelina Fiol Lacour
STATI UNITI
21 ore
Il lato oscuro di Playboy: «Stare in quella villa mi ha segnata a vita»
Non solo lustrini, bikini e jet-set nella Mansion di Hugh Hefner. Una docuserie prova a raccontarne storie (e abusi)
ITALIA
1 gior
La “cinquina” di Gigi D’Alessio: è nato Francesco
Il cantante ha festeggiato con la compagna Denise Esposito la nascita del suo quinto figlio
STATI UNITI
1 gior
Anche Elton John ha il Covid
Il cantante ha dovuto rinviare due concerti previsti a Dallas
STATI UNITI
1 gior
Non Covid, ma problemi di produzione degli show...
Sarebbe questa la ragione reale della decisione presa da Adele, secondo Tmz che cita fonti del Caesars Palace
VIDEO
FRANCIA
1 gior
Charlotte Casiraghi apre la sfilata di Chanel... a cavallo
La figlia di Carolina di Monaco ha reso omaggio a una disciplina cara alla fondatrice della maison
SVIZZERA
1 gior
Latifa Echakhch allestirà il padiglione svizzero alla Biennale di Venezia
Il progetto s'intitola "The Concert" ed è stato concepito e realizzato insieme ad Alexandre Babel e a Francesco Stocchi
CINA
1 gior
Da qualche giorno in Cina “Fight Club” ha un finale completamente diverso
Ad accorgersi della novità, chi ha guardato il cult di David Fincher via streaming questo fine settimana
ITALIA
1 gior
Massimo Ranieri: «A 70 anni voglio un altro figlio»
Il cantante ha già una figlia che ha riconosciuto però solo quando aveva 24 anni
VIDEO
LUGANO
2 gior
Pupo: «E pensare che in Ucraina sono un criminale»
Con le donne preferisce il poliamore. E in musica ci parla di una strana maledizione che colpisce alcuni cantanti.
SAN BERNARDINO (GR)
22.07.2021 - 09:300
Aggiornamento : 10:28

Guardarsi allo specchio e vedere uno straniero

"Stranger" è il nuovo singolo di Chiara Dubey, ma è anche l'inno del Floating Notes Festival che avrà luogo nel weekend

SAN BERNARDINO - È un singolo, "Stranger", l'ultimo della cantautrice ticinese Chiara Dubey. Ma è anche un inno, quello della prima edizione del Floating Notes Festival, rassegna di musica sperimentale che andrà in scena questo fine settimana (dal 23 al 25 luglio) nella suggestiva cornice di San Bernardino, nei Grigioni.

È stata quindi un'ottima occasione per parlare con Chiara, sia della kermesse che del suo nuovo brano, che esce oggi sui portali di streaming e negli store online.

Partiamo, una volta tanto, dalla copertina e da questo ritratto femminile incompleto: cosa rappresenta?
«Beh, "Stranger" è fondamentalmente una riflessione sul non conoscere se stessi, o meglio, sul re-imparare a conoscere se stessi. Ho vissuto proprio questo durante i mesi di lockdown, così come immagino molte altre persone. 
L’immagine dovrebbe rappresentare un autoritratto, ma incompleto, impreciso, confuso - come l’immagine che io avevo di me stessa. L’ho anche lasciato senza occhi - il che lo rende un po’ inquietante, lo so - soprattutto per rendere questo viso anonimo e “interrompere” il collegamento con l’anima di questa persona». 

Come è nato questo inno, creato appositamente per il festival?
«Mi è stato proposto di scrivere un pezzo che fosse ispirato al luogo. Ero lusingata che mi fosse stata chiesta una cosa così - a me! Così ci sono andata, quasi preparata e certa di come mi sarei sentita una volta arrivata: pregustavo l'aria che sa di neve e pensavo che, di certo, mi avrebbe suggerito di cercare sonorità glaciali, o insomma, qualcosa del genere. 
Invece è stato diverso. Quella visita ha avuto su di me un impatto più emozionale che sensoriale: la montagna è come parte di un rituale per me, una sorta di portale che mi permette di ritrovarmi, ogni volta, dopo un anno passato a perdermi». 

C'è una nota agrodolce...
«San Bernardino è stato il mio primo assaggio di montagna dopo un anno tutt'altro che frenetico. Un anno immobile, strano, impregnato da solitudine, dove molti di noi hanno dovuto riscoprire la compagnia di se stessi. Forse per questo motivo, arrivare a San Bernardino è stato - seppure io mi aspettassi un'idilliaca giornata di vacanza - un momento riflessivo, introspettivo, liberatorio. Ho pensato alle settimane trascorse in lockdown e alla stranezza dello stato in cui tutti ci siamo ritrovati».

Sembrerebbe quindi che la Chiara che è arrivata a San Bernardino non sia la stessa che è scesa a valle...
«Inizialmente l’avevo presa come una vacanza bizzarra, una pausa, invece è stato inquietante realizzare, abbastanza in fretta, che la persona con cui condividevo la casa (me stessa) era una perfetta estranea. Non mi conoscevo, non davvero, non più. Non c'era mai il tempo o lo spazio necessario per conoscere se stessi o anche solo ascoltarsi. Questo è un lavoro che richiede pazienza. 
La quiete improvvisa mi ha fatto rivolgere l'attenzione verso l'interno: potevo sentire i miei pensieri, sentire davvero ciò che sentivo. È stato come rincontrare una vecchia amica dopo tanto tempo e chiedersi "come abbiamo fatto a perderci di vista per tanto tempo?”». 

È stata una catarsi, riversare questa esperienza in un brano?
«Sì! È stato quasi un modo per chiudere un capitolo e voltare pagina con una nuova, ritrovata consapevolezza. E poi è stato bellissimo registrarla - con tutti i miei amici musicisti (mascherati) che non vedevo da tempo, visto che non c’erano concerti». 

In quale direzione ti stai muovendo, musicalmente parlando?
«Credo di essere ancora nello stesso universo (vasto) del mio album "Constellations" - un misto fra pop sognante, elettronica e neo-classica. Forse, soprattutto se guardo i miei brani in cantiere, le mie scelte stanno diventando un po’ più “coraggiose”». 

Cosa provi nel fare parte della prima edizione del Floating Notes Festival?
«Sono assolutamente onorata, sia io che il mio ensemble non vediamo l’ora di suonare. Sono sicura che saranno giornate magiche». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-27 06:00:48 | 91.208.130.86