Guardarsi allo specchio e vedere uno straniero
CHIARA DUBEY
La copertina di "Strangers", il nuovo singolo di Chiara Dubey.
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
6 ore
Michelle Hunziker: «Io e Tomaso facciamo anche 500 km per una cena»
La presentatrice ha parlato del suo rapporto col cibo
ITALIA
10 ore
Belen e la passeggiata con Antonino: «Non ci siamo mai lasciati»
La coppia si fa fotografare insieme e l’argentina rompe il silenzio sulla crisi 
STATI UNITI
12 ore
Finalmente "Squid Game" è doppiato in italiano
Il primo gioco diventa così "Un, due, tre, stella!" invece di "Green Light, Red Light"
STATI UNITI
15 ore
24 occasioni per ascoltare Adele dal vivo
La superstar ritorna con "Weekends with Adele" al Colosseum del Caesars Palace
ITALIA
1 gior
Serena Grandi: «Io, martoriata dalla chirurgia estetica»
L’attrice ha pubblicato un’autobiografia in cui si pente di aver fatto ricorso al bisturi
ITALIA
1 gior
Claudio Santamaria: «Pensavo che Francesca fosse troppo bella per me»
L’attore ha parlato di come è nato il rapporto con la moglie
SVIZZERA
1 gior
"Loving Highsmith" apre le Giornate di Soletta
Il documentario sulla scrittrice è diretto da Eva Vitija
STATI UNITI
1 gior
Quella volta che Bradley Cooper si trovò un coltello puntato nella metro: «Una cosa da matti»
L'attore ha ricordato in un'intervista podcast quanto successogli nel 2019: «Ho fatto quello che non si dovrebbe fare»
STATI UNITI
1 gior
Raid della polizia a casa di Marilyn Manson
Il motivo riguarda le indagini per presunti abusi su diverse ex-fidanzate, sequestrati diversi supporti di dati
CANTONE
1 gior
Racconti fantastici, premiato "Solo testa" al concorso Altroquando
Mike Papa di Anagni, convincendo anche Giona A. Nazzaro, ha ottenuto il primo posto
ITALIA
1 gior
Fedez: «Io e Chiara facciamo terapia di coppia»
La confessione in tv del rapper che però minimizza: «È una cosa normale»
AUSTRALIA
1 gior
È morto Dalaithngu, l'aborigeno di "Crocodile Dundee"
«Scompare un artista iconico, che ha segnato la storia del cinema australiano»
FOTO
CANTONE
1 gior
Due fiabe ticinesi da mettere sotto l'albero
“La fuga di margherita” e “Misha, il re dei trovatelli” sono due carinissime idee regalo nostrane per i più piccoli
ITALIA
2 gior
Modà, Kekko Silvestre ha sposato due volte la sua Laura
Il cantante ha raccontato la sua particolare scelta dopo 23 anni di fidanzamento
SAN BERNARDINO (GR)
22.07.2021 - 09:300
Aggiornamento : 10:28

Guardarsi allo specchio e vedere uno straniero

"Stranger" è il nuovo singolo di Chiara Dubey, ma è anche l'inno del Floating Notes Festival che avrà luogo nel weekend

SAN BERNARDINO - È un singolo, "Stranger", l'ultimo della cantautrice ticinese Chiara Dubey. Ma è anche un inno, quello della prima edizione del Floating Notes Festival, rassegna di musica sperimentale che andrà in scena questo fine settimana (dal 23 al 25 luglio) nella suggestiva cornice di San Bernardino, nei Grigioni.

È stata quindi un'ottima occasione per parlare con Chiara, sia della kermesse che del suo nuovo brano, che esce oggi sui portali di streaming e negli store online.

Partiamo, una volta tanto, dalla copertina e da questo ritratto femminile incompleto: cosa rappresenta?
«Beh, "Stranger" è fondamentalmente una riflessione sul non conoscere se stessi, o meglio, sul re-imparare a conoscere se stessi. Ho vissuto proprio questo durante i mesi di lockdown, così come immagino molte altre persone. 
L’immagine dovrebbe rappresentare un autoritratto, ma incompleto, impreciso, confuso - come l’immagine che io avevo di me stessa. L’ho anche lasciato senza occhi - il che lo rende un po’ inquietante, lo so - soprattutto per rendere questo viso anonimo e “interrompere” il collegamento con l’anima di questa persona». 

Come è nato questo inno, creato appositamente per il festival?
«Mi è stato proposto di scrivere un pezzo che fosse ispirato al luogo. Ero lusingata che mi fosse stata chiesta una cosa così - a me! Così ci sono andata, quasi preparata e certa di come mi sarei sentita una volta arrivata: pregustavo l'aria che sa di neve e pensavo che, di certo, mi avrebbe suggerito di cercare sonorità glaciali, o insomma, qualcosa del genere. 
Invece è stato diverso. Quella visita ha avuto su di me un impatto più emozionale che sensoriale: la montagna è come parte di un rituale per me, una sorta di portale che mi permette di ritrovarmi, ogni volta, dopo un anno passato a perdermi». 

C'è una nota agrodolce...
«San Bernardino è stato il mio primo assaggio di montagna dopo un anno tutt'altro che frenetico. Un anno immobile, strano, impregnato da solitudine, dove molti di noi hanno dovuto riscoprire la compagnia di se stessi. Forse per questo motivo, arrivare a San Bernardino è stato - seppure io mi aspettassi un'idilliaca giornata di vacanza - un momento riflessivo, introspettivo, liberatorio. Ho pensato alle settimane trascorse in lockdown e alla stranezza dello stato in cui tutti ci siamo ritrovati».

Sembrerebbe quindi che la Chiara che è arrivata a San Bernardino non sia la stessa che è scesa a valle...
«Inizialmente l’avevo presa come una vacanza bizzarra, una pausa, invece è stato inquietante realizzare, abbastanza in fretta, che la persona con cui condividevo la casa (me stessa) era una perfetta estranea. Non mi conoscevo, non davvero, non più. Non c'era mai il tempo o lo spazio necessario per conoscere se stessi o anche solo ascoltarsi. Questo è un lavoro che richiede pazienza. 
La quiete improvvisa mi ha fatto rivolgere l'attenzione verso l'interno: potevo sentire i miei pensieri, sentire davvero ciò che sentivo. È stato come rincontrare una vecchia amica dopo tanto tempo e chiedersi "come abbiamo fatto a perderci di vista per tanto tempo?”». 

È stata una catarsi, riversare questa esperienza in un brano?
«Sì! È stato quasi un modo per chiudere un capitolo e voltare pagina con una nuova, ritrovata consapevolezza. E poi è stato bellissimo registrarla - con tutti i miei amici musicisti (mascherati) che non vedevo da tempo, visto che non c’erano concerti». 

In quale direzione ti stai muovendo, musicalmente parlando?
«Credo di essere ancora nello stesso universo (vasto) del mio album "Constellations" - un misto fra pop sognante, elettronica e neo-classica. Forse, soprattutto se guardo i miei brani in cantiere, le mie scelte stanno diventando un po’ più “coraggiose”». 

Cosa provi nel fare parte della prima edizione del Floating Notes Festival?
«Sono assolutamente onorata, sia io che il mio ensemble non vediamo l’ora di suonare. Sono sicura che saranno giornate magiche». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-02 02:32:25 | 91.208.130.86