Cerca e trova immobili

SVIZZERALa Migros del futuro: prezzi più bassi e filiali più piccole

23.06.24 - 10:07
Importanti indiscrezioni sul futuro della distribuzione dal numero uno Migros, Mario Irminger. Occupazione inclusa.
Imago
Fonte ats
La Migros del futuro: prezzi più bassi e filiali più piccole
Importanti indiscrezioni sul futuro della distribuzione dal numero uno Migros, Mario Irminger. Occupazione inclusa.

BERNA - Migros vuole diventare più economica con i suoi marchi e le filiali più piccole. Secondo il numero uno Mario Irminger non ci saranno ulteriori tagli ai posti di lavoro.

L'espansione dei marchi propri è una «netta rottura» con la strategia condotta finora, spiega il presidente della direzione generale della Federazione delle Cooperative Migros (FCM) in un'intervista pubblicata oggi dalla "SonntagsZeitung".

I prodotti di marca più popolari sono indiscussi e continueranno a essere offerti, mentre quelli meno richiesti saranno eliminati dalla gamma - non è ancora chiaro quali. La quota di mercato dei prodotti di marca propria è attualmente pari a un buon 80%, aggiunge il CEO.

Il gigante arancione prevede che in futuro i consumatori avranno un potere d'acquisto inferiore. In termini di prezzo, Migros vuole avvicinarsi ai discounter senza diventarne essa stessa uno. Una fusione con Denner è fuori discussione. «Abbiamo bisogno di Denner per poterci difendere dai due discounter tedeschi», spiega il numero uno di Migros.

Il futuro - I negozi del futuro non avranno un aspetto molto diverso da quello attuale. Invece di grandi filiali, ci saranno più negozi piccoli, afferma Irminger. A suo dire non esistono più i grandi acquisti del week-end: in media, i clienti fanno la spesa tre o quattro volte alla settimana.

Il Gruppo Migros è attualmente in fase di riorganizzazione. «Non ci saranno più soppressioni di impieghi così importanti», assicura il CEO nell'intervista. Tuttavia, sono possibili riduzioni dei posti di lavoro su scala minore.

I tagli già noti riguarderanno diverse aree, rileva Irminger. Con la vendita dei negozi specializzati andranno persi anche posti di lavoro nell'amministrazione, nella logistica e nell'informatica. Molte posizioni permanenti sono state convertite in lavori temporanei e i posti vacanti non sono stati rioccupati.

All'inizio di febbraio, il Gruppo Migros aveva annunciato che sarebbero stati tagliati fino a 1'500 dei circa 100'000 impieghi totali. Questa settimana è stato reso noto che Melectronics verrà venduta a MediaMarkt e che il gigante arancione intende separarsi da altre filiali. Molti dipendenti dovranno cercare un nuovo lavoro.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE