Immobili
Veicoli

SVIZZERANel web 3.0 si possono pagare le vacanze in criptovalute

16.11.22 - 16:27
Al via la sperimentazione di Hotelplan Group, obiettivo digitalizzare ulteriormente il mondo del turismo.
Deposit
Nel web 3.0 si possono pagare le vacanze in criptovalute
Al via la sperimentazione di Hotelplan Group, obiettivo digitalizzare ulteriormente il mondo del turismo.

GLATTBRUGG (ZH) - Turismo e criptovalute. Un connubio curioso e sconosciuto a più, tanto da far stropicciare gli occhi ai neofiti in campo di finanza e web. Ma partiamo dall’inizio. 

Di cosa si tratta - Per criptovalute si intende genericamente una moneta virtuale decentralizzata, cioè non controllata dalle banche. E fin qui tutto bene. Blockchain è invece un insieme di strumenti e tecnologie in grado di svolgere funzioni simili a quelle poste in essere da banche o intermediari finanziari.

A questo punto, se un gigante Svizzero del turismo in fatto di organizzazione e prenotazione viaggi decide di aderire alla rete blockchain, il gioco è fatto: i viaggi possono essere pagati in criptovaluta. Tutto ciò è già possibile con il tour operator elvetico Hotelplan che, dallo scorso aprile, accetta, come mezzo di pagamento delle prenotazioni, anche Bitcoin ed Ethereum.

Al via la sperimentazione - «Se il nuovo metodo di pagamento è apprezzato dai clienti - spiega Laura Meyer, CEO Hotelplan Group - potremmo considerare di estenderlo a tutte le prenotazioni online, nonché alle altre nostre unità aziendali svizzere Interhome Group e bta first travel».

In effetti, attualmente, nelle 83 filiali di Hotelplan Suisse in Svizzera e con Finass Reisen, possono essere accettati pagamenti digitali solo a partire da un minimo di 5mila CHF. Saranno dunque i turisti a decidere sul successo o meno dell’iniziativa, che si inserisce nel pieno del processo di evoluzione 3.0 del Web.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE