Keystone
SVIZZERA
01.10.2021 - 17:000

Vendite d'auto? «Un caos» a causa della crisi dei chip

L'associazione degli importatori Auto-Svizzera segnala un calo delle vendite a causa della produzione bloccata

Questo nonostante l'aumento della domanda. «La crisi dei semiconduttori ha messo completamente a soqquadro il mercato»

BERNA - Nonostante un aumento della domanda, tornano a scendere le vendite di automobili in Svizzera, a causa del perdurare delle difficoltà nel settore dei semiconduttori.

In settembre sono state infatti immatricolate 19'648 vetture nuove, l'8% in meno dello stesso mese del 2020. Sull'arco dei primi nove mesi dell'anno i veicoli che hanno lasciato i concessionari sono stati 180'073, il 10% in più su base annua, indica l'associazione degli importatori Auto-Svizzera in un comunicato odierno.

«La crisi dei semiconduttori ha messo completamente a soqquadro il mercato», afferma il portavoce dell'organizzazione Christoph Wolnik, citato nella nota. «L'approvvigionamento di veicoli nuovi si è bloccato, il che ha anche un grande impatto sul commercio dell'usato». Eppure dopo il crollo del mercato causato dalla pandemia il settore potrebbe decollare, dato che «la domanda è aumentata in modo massiccio», spiega Wolnik. Ora si spera che la situazione torni alla normalità nel corso del 2022.

Inoltre, per non compromettere il raggiungimento degli obiettivi di emissioni di CO2 i fabbricanti di veicoli stanno dando la priorità alla produzione e alla consegna di modelli con motori alternativi. In settembre la quota di vetture ibride o elettriche vendite in Svizzera ha raggiunto il 54%. Sempre molto gettonati rimangono inoltre i 4x4: il 47% dei veicoli acquistati fra gennaio e settembre avevano la trazione integrale, mentre si conferma il calo del diesel, al 14%.

Come sempre interessante è la classifica dei singoli marchi: primeggia Volkswagen (19'879 vetture vendute nei primi nove mesi), davanti a Mercedes (16'548), BMW (15'828) Skoda (13'636), Audi (13'082), Seat/Cupra (10'222), Toyota (8319) e Ford (6544). Molto più indietro è il marchio forse più conosciuto nel settore dell'auto elettrica, Tesla (4203), che presenta anche una crescita su base annua del 13%, a fronte del +35% di Audi, del +31% di Toyota e del +17% di Volkswagen.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-04 17:34:28 | 91.208.130.85