Cerca e trova immobili

GIAPPONEToshiba si congeda dalla borsa

22.11.23 - 15:53
Dal mese prossimo il colosso giapponese dell'elettronica non sarà più quotato
Depositphotos (drserg)
Fonte ats
Toshiba si congeda dalla borsa
Dal mese prossimo il colosso giapponese dell'elettronica non sarà più quotato

TOKYO - Dopo 74 anni in borsa, la riunione straordinaria degli azionisti del colosso giapponese dell'elettronica Toshiba mette la parola fine alla quotazione e conferma il delisting del titolo dalle piazze azionarie di Tokyo e Nagoya, già dal mese prossimo, mentre la direzione subentrata tenta di aprire un nuovo corso per il ritorno spedito alla redditività.

Lo scorso settembre un fondo di investimento composto da investitori giapponesi, Japan Industrial Partners, ha portato a termine il piano di acquisto di oltre il 78% delle azioni di Toshiba, nel tentativo di estromettere gli attivisti stranieri, e consentire all'azienda di concentrarsi su settori più vantaggiosi, come lo sviluppo di infrastrutture e la ricerca quantistica.

«Toshiba ha stupito il mondo con la sua incredibile tecnologia», ha dichiarato il presidente di Toshiba, Taro Shimada, durante l'assemblea. «Vorremmo far brillare di nuovo le nostre idee innovative in tutto il globo, ed essere gestiti da un'assemblea dei soci quanto più stabile e duratura».

Fondata nel 1875 e trasformatasi rapidamente in un vasto conglomerato industriale all'inizio del XX secolo, Toshiba è stata una delle aziende simbolo della ripresa postbellica del Giappone, e tra i principali pilastri della sua innovazione tecnologica: dalla produzione di massa di elettrodomestici, ai primi computer portatili, fino alla costruzione delle centrali nucleari e la ricerca avanzata sui microchip. Attualmente impiega quasi 100'000 dipendenti, e nell'anno fiscale 2022 ha registrato un fatturato di circa 3300 miliardi di yen, quasi 20 miliardi di franchi.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE