Immobili
Veicoli

STATI UNITIGli Stati Uniti sono in “recessione tecnica”

28.07.22 - 21:29
Contro le previsioni degli analisti il Pil continua a precipitare e la Fed corre ai ripari. Biden invece minimizza
keystone-sda.ch / STF (Susan Walsh)
Fonte Ats ans
Gli Stati Uniti sono in “recessione tecnica”
Contro le previsioni degli analisti il Pil continua a precipitare e la Fed corre ai ripari. Biden invece minimizza

NEW YORK - L'economia americana si contrae per il secondo trimestre consecutivo, facendo scivolare gli Stati Uniti in 'recessione tecnica' e complicando la battaglia della Fed all'inflazione a colpi di rialzi dei tassi d'interesse.

Dopo il -1,6% dei primi tre mesi dell'anno, il Pil del secondo trimestre è sceso dello 0,9%, sorprendendo gli analisti che scommettevano su un rialzo seppur di misura. Invece il nuovo calo alimenta il dibattito a Washington, scatenando una guerra sulle parole.Per i repubblicani gli Stati Uniti sono ufficialmente in recessione a causa delle politiche dell'amministrazione Biden.

La Casa Bianca, forte anche delle parole del presidente della Fed, Jerome Powell, non condivide la definizione di 'recessione tecnica' per due trimestri negativi di crescita e mette la questione nelle mani del National Bureau of Economic Research. Il Nber, infatti, è il vero arbitro delle recessioni americane, certificate dall'analisi di un'ampia gamma di parametri inclusi i redditi delle famiglie e il mercato del lavoro.

«Il rallentamento dell'economia non è una sorpresa mentre la Fed agisce per far calare l'inflazione», è stato il commento a caldo di Joe Biden, che ha citato Powell e molti nella comunità bancaria secondo i quali «non siamo in recessione».

Anche se "ci troviamo ad affrontare sfide globali storiche, siamo sulla strada giusta ed emergeremo da questa transizione più forti. Il nostro mercato del lavoro resta solido e le spese dei consumatori continuano a crescere", ha aggiunto il presidente rassicurando gli americani sullo stato di salute dell'economia.

Biden è consapevole che una recessione rischia di ridurre ulteriormente le chance dei democratici alle elezioni di metà mandato di novembre, quando si rinnoverà gran parte del Congresso, e di complicare ulteriormente una sua possibile candidatura alla Casa Bianca per il 2024.

La frenata dell'economia apre infatti un altro fronte pericoloso per il presidente, già in calo nei sondaggi e con una fetta del partito democratico che vorrebbe una sua uscita di scena alla fine del primo mandato.

A confortare Biden è il fatto che molti economisti non ritengono che l'economia americana abbia, almeno per il momento, centrato i requisiti di una formale definizione di recessione, che comprendono molti fattori economici.

«Non riteniamo che ci sia una recessione almeno per ora. Certo è che il trend della domanda si sta indebolendo e che c'è un chiaro rallentamento dal primo trimestre», affermano alcuni analisti di Bank of America, constatando il livello anemico delle spese dei consumatori, salite solo dello 0,3%.

«Stiamo assistendo a un forte e necessario rallentamento più che a una recessione», osserva David Mericle, capo economista per gli Usa di Goldman Sachs spiegando che una crescita più lenta è necessaria per riequilibrare la domanda e l'offerta per beni e servizi, e per frenare l'inflazione.

La lotta al caro-prezzi vede la Fed in prima linea. Per la prima volta dai tempi di Paul Volcker, la banca centrale americana ha alzato il costo del denaro dello 0,75% in due riunioni consecutive.

Una mossa aggressiva per raffreddare la domanda e l'economia, e di conseguenza i prezzi, ma che rischia non solo di frenare la ripresa ma di bloccarla del tutto fino a una recessione 'reale'.

Un sentiero c'è ma è sempre più stretto. Wall Street guarda preoccupata ma non si lascia intimidire: i listini americani salgono nella speranza che la nuova contrazione del Pil rassicuri la Fed sull'efficacia delle sue azioni, e quindi la spinga a farsi più colomba rallentando con la velocità dei rialzi.

 «Restiamo resilienti»

«L'economia americana resta resiliente di fronte ai venti contrari», lo afferma il segretario al Tesoro Janet Yellen, «è necessario guardare al di là del dato secco sul Pil, non c'è un sostanziale rallentamento dell'economia o perdite di posti di lavoro», ha detto ancora Yellen, mettendo comunque in evidenza che ci sono «numerosi rischi all'orizzonte, molti dei quali globali». Secondo il segretario al Tesoro inoltre, la Fed sta prendendo le misure giuste per ridurre l'inflazione.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA