Immobili
Veicoli

GERMANIAL'aumento dell'automazione in casa Volkswagen non avrà conseguenze sui posti di lavoro

07.08.21 - 09:49
«Per costruire un sacco di auto, c'è ancora bisogno di molte persone nella produzione nel 2030» assicura Herbert Diess
KEYSTONE
Fonte Ats Akr
L'aumento dell'automazione in casa Volkswagen non avrà conseguenze sui posti di lavoro
«Per costruire un sacco di auto, c'è ancora bisogno di molte persone nella produzione nel 2030» assicura Herbert Diess

WOLFSBURG - Nonostante tutte le difficoltà nel cambiare i processi di lavoro e le qualifiche, il numero uno del gruppo Volkswagen Herbert Diess vede ancora un grande potenziale di lavoro nell'industria automobilistica. L'occupazione rimarrà alta, anche se con un focus parzialmente diverso, ha annunciato in un'intervista all'agenzia di stampa Dpa.

«Per costruire un sacco di auto, c'è ancora bisogno di molte persone nella produzione nel 2030. E molte faranno lavori abbastanza simili a quelli di oggi». Potrebbe essere più automatizzato, ma «rimarrà essenzialmente la produzione».

Questo non deve contraddire lo sviluppo simultaneo di più competenze informatiche in particolare, ha sostenuto Diess. «Naturalmente cresceremo nel software con nuovi dipendenti», ha chiarito. «Ma a differenza delle industrie veloci, il cambiamento nell'industria automobilistica richiede molto tempo».

Diess ha messo in guardia dal prendere una visione troppo cupa di quello che sarà sicuramente un notevole sconvolgimento per i posti di lavoro. Come in altri settori dell'economia, il numero di dipendenti che lavorano da casa è aumentato di recente.

«Il coronavirus ha spinto la digitalizzazione in modo significativo», ha spiegato Diess. «Abbiamo anche imparato a lavorare un po' più distribuiti, con molto più lavoro da casa. D'altra parte, io sono uno di quelli che dicono: il mondo dopo il coronavirus sarà abbastanza simile a quello di prima, con qualche accelerazione». Dopo tutto, i contatti sociali non potrebbero essere mantenuti solo tramite videoconferenze, ha concluso.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA