Reuters
MONDO
23.04.2021 - 19:380

Crollo del Bitcoin, bruciato il 22% in sette giorni

A pesare potrebbe essere stata la strategia di tassazione del presidente Joe Biden

NEW YORK - Settima seduta in ribasso in otto giorni per il Bitcoin, che è scivolato sotto i 50'000 dollari, per un calo totale del 22% in sette giorni e 300 miliardi di dollari bruciati.

A causare il crollo, secondo gli analisti, potrebbe esserci l'ipotesi di un drastico aumento delle tasse sulle plusvalenze dei redditi alti, ventilata dall'amministrazione di Joe Biden.

La moneta virtuale ha perso il 5,8% scendendo a circa 48'596 dollari: è la prima volta dall'8 marzo che il valore è inferiore a 50'000 dollari.

JPMorgan e Tallbacken Capital Advisors LLC avevano recentemente avvertito su un potenziale ulteriore ribasso della criptovaluta, dopo il record di 64'870 dollari toccato il 14 aprile.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-09 00:59:48 | 91.208.130.89