Immobili
Veicoli
Depositphotos (EdZbarzhyvetsky)
L'uguaglianza tra uomini e donne è in crescita costante nelle aziende europee.
ULTIME NOTIZIE Economia
SVIZZERA/UCRAINA
2 ore
La zurighese Vetropack sopprime 400 impieghi, a causa dei missili
L'impianto è fortemente danneggiato, e il gruppo non «vede alcuna alternativa»
STATI UNITI
4 ore
Netflix taglia 150 posti di lavoro
È la prima conseguenza del rallentamento della crescita dei ricavi e del calo degli abbonamenti
SVIZZERA
6 ore
Pneumatici sempre più cari
Russia e Ucraina sono i principali fornitori di materie prime. E ora i prezzi stanno schizzando verso l'alto
CINA
14 ore
Buonanotte da una sconosciuta, a un solo yuan
Wong Biying manda messaggi su richiesta per aiutare le persone a riempire il vuoto della solitudine
ITALIA
19 ore
Eni ha aperto un conto in rubli presso Gazprom Bank
Avviene, precisa la società italiana, «su base temporanea» e con la condivisione delle istituzioni italiane
MONDO
21 ore
L'epoca del profitto a tutti i costi? Sembra essere finita
Oggi è fondamentale la «massimizzazione del welfare degli azionisti», secondo il premio Nobel Oliver Hart
STATO UNITI
1 gior
Twitter replica a Musk, ma lui non la beve e risponde «💩»
Nuovo capitolo della saga che coinvolge il social network e il miliardario: «L'acquisizione non può andare avanti»
SVIZZERA
1 gior
Aumenta il prezzo delle case unifamiliari
L'indice di riferimento degli immobili residenziali è sceso dello 0,4% rispetto al trimestre precedente
STATI UNITI
1 gior
Ferie illimitate per i banchieri senior di Goldman Sachs
La decisione mira a cambiare l'immagine della banca, per tornare ad attrarre i giovani talenti
EUROPA
21.01.2021 - 11:590

Uguaglianza uomo-donna in crescita nelle aziende europee

In cima alla classifica Norvegia, Francia, Regno Unito, Finlandia e Svezia, Polonia e Repubblica Ceca i fanalini di coda

BRUXELLES - L'Indice sull'uguaglianza di genere 2020 evidenzia un progresso lento, ma costante, nelle aziende in Europa, malgrado sussistano notevoli differenze tra i singoli paesi.

In Norvegia, Francia, Regno Unito, Finlandia e Svezia le imprese sono ormai prossime al raggiungimento dell'equilibrio di genere ai vertici aziendali, a differenza di quanto accade in paesi come Polonia e Repubblica Ceca, tutt'altro che orientati alla leadership femminile.

È quanto emerge dallo studio europeo presentato da Ewob, l’associazione European Women on Boards, che ogni anno analizza la rappresentanza di genere nei consigli di amministrazione e nei vertici aziendali delle più grandi realtà europee. Sono appena il 6% le società dell'indice di borsa STOXX Europe 600 con a capo una donna.

A ogni azienda coinvolta è stato assegnato un indice sull'uguaglianza di genere, il Gender Diversity Index (Gdi), che non solo consente di operare un confronto tra paesi e aziende, ma permette anche una maggiore comprensione delle performance delle singole aziende, misurandone i progressi e rapportandoli all'anno precedente.

«Rispetto al 2019, l'avanzamento della leadership femminile si è tradotto concretamente in un aumento delle donne Ceo che oggi sono 42 (+14 rispetto all’anno scorso), delle aziende con una C-suite al femminile (oggi 129, 30 in più rispetto all’anno scorso) e in un 9% di presidenze “rosa” dei CdA aziendali (un aumento del 2%)», commenta Päivi Jokinen, Presidente di European Women on Boards. «L'indice di Gender Diversity medio è cresciuto da 0,53 a 0,56 e il numero di aziende con un GDI superiore a 0,8 è raddoppiato, passando da 30 a 62 - ecco la vera essenza del progresso dell'uguaglianza di genere nelle aziende europee».

Con un Gdi di 0,74 (quasi il doppio rispetto a quello polacco) la Norvegia vanta le aziende più performanti in termini di uguaglianza di genere. Il rapporto illustra il ruolo delle donne nella corporate governance delle più grandi aziende europee quotate nell'indice STOXX 600 Europe o, nel caso di alcuni paesi, nei rispettivi indici azionari nazionali. Analizzando i dati relativi al 2020, l'uguaglianza di genere ai vertici aziendali appare ancora lontana: solo il 28% dei ruoli dirigenziali e non dirigenziali nelle 668 aziende analizzate è ricoperto da donne; nell’insieme di aziende esaminate, la presenza femminile all'interno dei CdA si limita al 34%.

Attualmente, il livello di governance che conta la maggiore partecipazione delle donne è proprio quello dei consigli d'amministrazione; sul piano esecutivo si registra la situazione peggiore, poiché la leadership femminile è ferma al 17%. Delle 668 società analizzate, solo 42 (6%) hanno un amministratore delegato donna, e solamente in 130 (19%) è presente una donna Ceo, Coo o Cfo.

La pandemia di Covid-19 non ha solo avuto gravi ripercussioni sulla salute, ma ha anche influito sul benessere e sull'equilibrio tra vita professionale e vita privata di molti dipendenti, in seguito a licenziamenti o misure di disoccupazione temporanea. E a pagare lo scotto maggiore sono state le donne: molte hanno perso il lavoro, altrettante si sono ritrovate alle prese con il difficile compito di conciliare telelavoro, didattica a distanza e cure domestiche. Di conseguenza, si sono accentuate le disuguaglianze di genere all'interno delle società.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-18 12:53:12 | 91.208.130.89