Cerca e trova immobili

SUMMIT FRANCIA / REGNO UNITOMacron e Sunak sui migranti: «Costruiremo un nuovo centro di detenzione»

10.03.23 - 17:31
Nel bilaterale di Parigi, Francia e Regno Unito annunciano nuovi finanziamenti nella lotta all'immigrazione irregolare.
Keystone sda
Fonte ats ans
Macron e Sunak sui migranti: «Costruiremo un nuovo centro di detenzione»
Nel bilaterale di Parigi, Francia e Regno Unito annunciano nuovi finanziamenti nella lotta all'immigrazione irregolare.

PARIGI - Il Regno Unito intende aumentare nei prossimi tre anni il suo contributo finanziario allo Stato francese per lottare contro i flussi di migranti irregolari provenienti dalla Francia: è quanto annunciato oggi dal governo britannico, in occasione del summit bilaterale con Emmanuel Macron e Rishi Sunak a Parigi.

«Nel corso dei prossimi tre anni, il contributo del Regno Unito a questo pacchetto sarà di 141 milioni di euro nel 2023-24, 191 milioni di euro nel 2024-25 e 209 milioni di euro nel 2025-2026», si legge in un comunicato diffuso al termine del vertice Francia-Gran Bretagna che si è tenuto all'Eliseo. In totale quindi i fondi stanziati da Londra per il triennio ammontano a 541 milioni di euro.

Il nuovo centro di detenzione - Macron e Sunak hanno pure annunciato un nuovo centro di detenzione per migranti clandestini nel nord della Francia, nell'ambito delle nuove iniziative per far fronte al fenomeno degli attraversamenti irregolari della Manica. «Noi - ha detto Sunak nella conferenza stampa congiunta al termine del vertice - annunciamo un nuovo centro di detenzione nel nord della Francia, un nuovo centro di comando che riunirà per la prima volta le nostre squadre e 500 nuovi agenti che pattuglieranno le spiagge francesi». Fra le altre iniziative del dispositivo, nuovi droni e tecnologie di sorveglianza «per aumentare i livello di intercettazione» ha aggiunto Sunak.

Come ha sottolineato Downing Street, Londra contribuirà al finanziamento del centro, ed è previsto anche che Parigi partecipi «in modo significativo con altri finanziamenti» oltre a quelli in arrivo dal Regno Unito.

Le impressioni sul vertice dei due leader - A margine dei colloqui con Macron, Sunak ha definito «sensata» l'intesa su un incremento dei fondi alla Francia per rafforzare i controlli contro gli scafisti. E ha lasciato intendere di considerare il rilancio della cooperazione con Parigi come un ulteriore componente della strategia per frenare gli sbarchi dei clandestini dopo la recente presentazione al Parlamento britannico del draconiano giro di vite contenuto nell'Illegal Migration Bill.

Dal canto suo, il presidente francese, Emmanuel Macron, si è rallegrato del «nuovo slancio» nelle relazioni bilaterali dopo anni di difficoltà post Brexit. «È un momento in cui ci ritroviamo, un momento di riconnessione e di nuovo slancio», ha detto Macron in una conferenza stampa congiunta all'Eliseo.

Le iniziative - Ecco qui di seguito i punti salienti della rinnovata cooperazione: un nuovo centro di detenzione nel nord della Francia; un nuovo e unico centro di comando con le forze dell'ordine riunite per la prima volta in un unico posto, altri 500 nuovi ufficiali che pattugliano le spiagge francesi; più droni e tecnologie di sorveglianza.

COMMENTI
 

M70 11 mesi fa su tio
i controlli e respingimenti dovrebbero farlo tutte le nazioni..

Trapp 11 mesi fa su tio
Centro di detenzione ??? 😳😳😳

Quasi svizzeri 11 mesi fa su tio
Risposta a Trapp
Se un clandestino entra irrgolarmente è giusto che venga fermato, e nel caso arrestato finchè non viene identificato. Ci sono molti che scappano per evitare il carcer nel loro paese e vengon qui sperando di farla franca per i troppi buonisti o per ragioni che non centran nulla con chi scappa perchè realmente ne ha bisogno, è la base della democrazia i carceri, chi sbaglia paga.

dan007 11 mesi fa su tio
Côme l’Australia li mettete su un isola perduta nel nulla
NOTIZIE PIÙ LETTE