keystone-sda.ch / STR (DAVID ROWLAND)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MONDO
1 ora
Vaccini, «pesano più i profitti o le vite umane?»
L'accusa ai leader della farmaceutica da parte di Amnesty International, che ha pubblicato un rapporto a riguardo
GERMANIA
4 ore
Presunta presa d'ostaggi su un autobus: un arresto
Durante l'operazione è stato chiuso un tratto dell'autostrada A9
SPAGNA
6 ore
La lava del Cumbre Vieja nelle strade di Todoque
«Non si può fare niente» ha ammesso il presidente delle Canarie Ángel Víctor Torres
STATI UNITI
7 ore
Dopo il viaggio nello spazio «ciascuno di noi è cambiato»
La vista sulla Terra dalla Crew Dragon «crea davvero dipendenza»
Sudan
8 ore
Gruppo di militari tenta un colpo di stato, in decine finiscono in manette
Si tratterebbe di sostenitori dell'ex presidente Omar al-Bashir, lui stesso destituito nel 2019
FRANCIA
9 ore
Diffuso online il certificato Covid di Macron
...con tanto di nome, cognome, e altre informazioni private
Germania
10 ore
Un amore alla Bonnie e Clyde: poliziotta innamorata del terrorista di Halle
Si scambiavano lettere. La donna scoperta per aver compatito l'attentatore in una conversazione con i colleghi
STATI UNITI
11 ore
«Il mondo è diviso, siamo sull'orlo del baratro»
L'allarme del segretario generale dell'Onu Guterres. E Biden assicura: «Non cerchiamo una nuova Guerra fredda»
NUOVA ZELANDA
12 ore
Lockdown: fermata auto sospetta piena di sacchetti di KFC
All'interno dell'auto sono stati trovati anche 100'000 dollari neozelandesi. I due dovranno comparire in tribunale
ITALIA
13 ore
Etna, una colonna di fumo e cenere alta 9 chilometri
L'esperto avvisa: non è escluso che nei prossimi episodi di attività, non si presenti lo stesso scenario di La Palma
NUOVA ZELANDA
17.10.2020 - 19:550
Aggiornamento : 20:52

Un trionfo per Jacinda Ardern

Il partito laburista ha ottenuto oltre il 49% delle preferenze. Il National Party si è fermato al 26%

WELLINGTON - Jacinda Ardern governerà la Nuova Zelanda per un secondo mandato dopo una storica vittoria del partito laburista. Un trionfo che la premier "gentile" ha realizzato sconfiggendo il coronavirus e guidando il Paese per i tre anni più duri della sua storia.

Un periodo pieno di sfide iniziato con un sanguinoso attentato e finito con una pandemia globale. Nel mezzo anche la nascita di Neve, la bambina avuta con il compagno conduttore televisivo Clarke Gayford.

«Grazie, non daremo mai per scontato il vostro supporto», ha detto la Ardern rivolgendosi ai suo sostenitori ad Auckland. Il suo Labour ha ottenuto oltre il 49% dei voti contro il 27% del National Party guidato dalla thatcheriana Judith Collins e si avvia a diventare il primo partito in cinquant'anni a formare un governo da solo, un'impresa che la premier non era riuscita a realizzare tre anni fa.

Quello che invece nel suo primo mandato la premier è riuscita ad attuare è stata una politica improntata «all'empatia e alla gentilezza», come aveva dichiarato dopo essere stata eletta la prima volta.

Uno stile disinvolto che l'ha portata a presentarsi all'Assemblea generale dell'Onu con la sua bimba di pochi mesi in braccio, prima volta nella storia delle Nazioni Unite. O a presentarsi al seggio sotto casa con un vassoio pieno di 'scones' (le brioche di tradizione britannica) da offrire ai volontari.

Una capacità di entrare subito in contatto con la sua gente che l'ha aiutata di fronte alla due più grandi crisi del Paese prima del coronavirus. L'attentato di Christchurch, pochi mesi dopo la sua elezione, nel quale 51 musulmani furono massacrati dal suprematista bianco Brenton Tarrant, e l'eruzione del vulcano Waakari sulla piccola White Island, che ha ucciso 21 persone e scioccato la Nuova Zelanda.

Dopo la strage nelle due moschee hanno fatto il giro del mondo le immagini di Jacinda velata che abbracciava rappresentanti della comunità musulmana straziati dal dolore. 'Empatia' ma anche azione. In seguito all'attentato la premier decise di vietare immediatamente la vendita dei fucili d'assalto e varò in tempi record una stretta sulle armi in generale.

Gentilezza ma anche determinazione quando, un altro dei momenti che la portarono al centro delle cronache, si presentò in visita alla regina Elisabetta indossando un caratteristico mantello Maori poco dopo aver dichiarato che la Nuova Zelanda diventerà una Repubblica e la rottura con la monarchia britannica non solo è possibile ma non è neanche lontana».

Sensibilità ma anche fermezza quando durante la campagna elettorale per il primo mandato zittì un giornalista definendo «inaccettabile per qualsiasi donna in qualsiasi posto di lavoro» la domanda sulle sue intenzioni di avere figli.

Ma la vera consacrazione di Ardern è avvenuta con la gestione della pandemia di coronavirus. La decisione a marzo di chiudere i confini e imporre il lockdown quando si contavano solo 102 casi, la Nuova Zelanda fu uno dei primi paesi al mondo a isolarsi, hanno fatto sì che nel Paese ci sono stati soltanto 2000 contagi e 25 morti. Un risultato notevole, mantenuto nonostante una seconda ondata ad Auckland che ha fatto slittare le elezioni e causato lockdown parziali di qualche settimana.

Con questa vittoria schiacciante e i contagi da Covid-19 praticamente a zero la premier dovrà ora dedicarsi a quelle che i critici considerano le promesse mancate del primo mandato, tra le quali case a prezzi accessibili e la povertà che colpisce i bambini. «I veri cambiamenti richiedono dei passaggi che portino le persone con noi», ha detto Ardern nell'ultimo dibattito prima del voto. «Io resto fedele a me stessa, non ho ancora finito».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 03:47:12 | 91.208.130.85