Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
«Gli Usa non pagheranno per la sicurezza di Harry e Meghan»
Lo ha ribadito Donald Trump in un tweet: «Ammiro il Regno Unito e la Regina, ma loro dovevano stare in Canada»
STATI UNITI
1 ora
Gli Usa temono 200mila morti ma New York non va in quarantena
Una situazione critica negli States in cui pandemia, economia e strategie politiche si scontrano
GRECIA
2 ore
Prima vittima di coronavirus a Lesbos
Si tratta di una donna greca di 76anni, preoccupazione per le migliaia di migranti sull'isola in condizioni tragiche
REGNO UNITO
3 ore
«Almeno 6 mesi prima di poter abbassare la guardia»
Secondo gli esperti riprendere una vita normale troppo presto potrebbe portare a un nuovo picco della curva
ITALIA
5 ore
Tra virus e polemiche, ci si avvicina a 100'000 contagi
L'assessore lombardo Caparini ha lanciato pesanti critiche al Governo
ITALIA
5 ore
Una nonnina di 102 anni ha battuto il coronavirus
È stata dimessa la scorsa settimana dall'ospedale San Martino di Genova e la notizia ha fatto il giro del mondo
FILIPPINE
6 ore
Esplode un'aeroambulanza a Manila: 8 i morti
Lo scoppio è avvenuto in fase di decollo, il velivolo era diretto a Tokyo
GERMANIA
8 ore
Caos affitti: Adidas e H&M non vogliono pagarlo
Il Ministro della Giustizia è furente: «È un comportamento indecente e inaccettabile»
GERMANIA
9 ore
Politico CDU si suicida. «Angosciato dal Covid-19»
Si tratta di Thomas Schäfer. Aveva 54 anni
MONDO
11 ore
Spagna in crisi nera: oltre 6'500 morti, 838 solo da ieri
Gli ultimi aggiornamenti sulla situazione internazionale legata al Covid-19
STATI UNITI
11 ore
Trump non mette New York in quarantena
Lo Stato ha fatto registrare 52'000 casi, la metà del totale americano (124'686 contagiati e 2'191 morti).
STATI UNITI
13 ore
Tornado si abbatte sull'Arkansas: almeno 6 feriti
Sono stati registrati anche altri tornado nella zona, il servizio meteo ha lanciato un'allerta
CINA / STATI UNITI
02.12.2019 - 14:280
Aggiornamento : 14:55

Huawei contro Pompeo: «Dagli Stati Uniti accuse diffamatorie e false»

Il segretario di Stato americano ha sottolineato quanto sia «importante che i Paesi europei non diano il controllo delle loro infrastrutture strategiche ad aziende come Huawei»

di Redazione
Ats

SHENZEN - Huawei «respinge categoricamente le accuse diffamatorie e false diffuse dal governo statunitense. Sono maliziose e consumate, non fanno che del male alla reputazione degli Stati Uniti» e rappresentano «un insulto alla sovranità europea». È quanto scrive in una nota Huawei in risposta al segretario di Stato Mike Pompeo che in un lungo articolo sul sito di "Politico" sottolinea quanto sia «importante che i Paesi europei non diano il controllo delle loro infrastrutture strategiche ad aziende come Huawei o ZTE».

Secondo la società cinese la posizione espressa da Pompeo è un insulto anche nei confronti delle «capacità tecniche» degli operatori europei del settore delle telecomunicazioni. «Ci teniamo - si legge tra l'altro nella nota - a essere assolutamente chiari: Huawei è una società privata al 100%, non controllata in alcun modo dallo Stato cinese e senza alcun massiccio sostegno da parte del governo».

Quanto alle accuse di spionaggio, la società sottolinea di «non essere e non essere mai stata» coinvolta in attività di questo genere e di avere una «reputazione straordinaria» nel campo della Cybersecurity e della protezione dati.

Per Huawei l'approccio giusto alla delicata questione del 5G è quello basato sui fatti, un approccio adottato dall'Europa ed anche da Angela Merkel ed Emmanuel Macron. «Huawei - conclude la nota - è il partner naturale dell'Europa per lo sviluppo del 5G e per sostenere la sovranità digitale» del continente con soluzioni «sicure ed innovative».

In Australia, il bando sul 5G costerà 1'500 posti lavoro - Se l'Australia non farà marcia indietro sul 5G, consentendo a Huawei di partecipare allo sviluppo delle reti, nel Paese salteranno 1'500 posti di lavoro nell'arco dei prossimi 18 mesi. Lo ha detto Jeremy Mitchell, direttore per gli affari pubblici di Huawei Australia, secondo quanto riporta il Financial Times. Il manager ha anche annunciato che l'azienda perseguirà legalmente chi diffonde notizie false e lesive della sua reputazione, in Australia e altrove.

«I nostri fornitori sono in gran parte piccole e medie imprese con circa 30 dipendenti, e in molti casi Huawei sta generando circa l'80% del loro fatturato, quindi senza di noi si trovano in grossi guai», ha detto Mitchell. «Una volta presi in considerazione i subappaltatori impiegati dai nostri principali fornitori, siamo responsabili di circa 1'500 posti di lavoro nel settore delle costruzioni di telecomunicazioni locali. A meno che il divieto per Huawei sul 5G non venga annullato, questi posti andranno persi nei prossimi 18 mesi».

Mitchell ha anche reso noto che Huawei ha assunto come consulente strategico Xenophon Davis, uno studio legale fondato dall'ex politico Nick Xenophon e dall'ex giornalista investigativo Mark Devis. «Xenophon Davis ci fornirà un'assistenza cruciale mentre cerchiamo di difenderci da attacchi malevoli da parte di entità intenzionate a causarci danni alla reputazione», ha affermato Mitchell. «Vogliamo assicurarci che la discussione sulla sicurezza informatica sia basata su fatti e non su insinuazioni infondate che purtroppo stanno dominando il dibattito attuale».
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Spirito1 3 mesi fa su tio
Di un comunista mai fidarsi
Dioneus 3 mesi fa su tio
Hanno pienamente ragione, forza!
Bayron 3 mesi fa su tio
Sempre fedele all’iPhone. Utilizzare un cellulare comunista..... MAI!
Dioneus 3 mesi fa su tio
@Bayron Ahahahah. La Cina di comunista ha mantenuto ben poco
Bayron 3 mesi fa su tio
@Dioneus .... mi fai pena.
miba 3 mesi fa su tio
Poveri USA! Ormai il treno del 5G l'hanno perso da un pezzo ed ora si attaccano a questi giochetti che ormai sono conosciuti anche dai paracarri....
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 23:56:55 | 91.208.130.89