Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FRANCIA
4 ore
Neve trasportata in elicottero: critiche alla stazione sciistica
Il ministro Elisabeth Borne: «Non è la soluzione adatta»
STATI UNITI
6 ore
Usa 2020: primo spot di Bloomberg contro Sanders
La clip intende mettere in dubbio la sincerità del candidato
STATI UNITI
6 ore
Auto piena di minorenni investe un agente di polizia
Nel mezzo si trovavano cinque ragazzi di età compresa tra i 14 e i 16 anni
CINA
6 ore
Coronavirus, la Cina inizia a distruggere le banconote 
È una delle strategie intraprese dalla banca centrale cinese per contenere l'epidemia: o disinfettare le monete o eliminarle.
STATI UNITI
6 ore
Il governo Trump valuta restrizioni sui chip per Huawei
La mossa servirebbe a rallentare l'avanzamento tecnologico di Pechino, ma avrebbe delle controindicazioni
CINA
8 ore
Coronavirus: guarito con il plasma. È corsa alle cure
Ottimismo da parte delle autorità sanitarie: «Il virus può essere prevenuto ed è curabile»
FRANCIA/CANADA
9 ore
Pare proprio che Alstom si comprerà Bombardier
Creando un vero e proprio colosso del trasporto ferroviario, la cifra dell'acquisizione si aggira attorno ai 6 miliardi di euro
CINA
9 ore
È morto di coronavirus il direttore dell'ospedale di Wuhan
Liu Zhiming dirigeva il Wuchang Hospital, è il primo responsabile sanitario a perdere la vita per la malattia
ITALIA
9 ore
Ordigno della seconda guerra mondiale rinvenuto poco fuori Milano
La bomba è stata scoperta nel Seveso vicino a Paderno Dugnano causando un gran caos, anche per i pendolari
BULGARIA
10 ore
Un'epidemia di aviaria fra le anatre preoccupa la Bulgaria
Il virus è stato rilevato in un allevamento non lontano dalla capitale, le autorità: «Tutto è sotto controllo»
HONG KONG
10 ore
«Serviamo solo i clienti che parlano in cantonese»
Lo staff della catena Kwong Wing Catering «non parla il mandarino». Un escamotage per tenere lontani i clienti cinesi? La decisione fa discutere
STATI UNITI
11 ore
Facebook: «Le nuove norme sui social siano chiare e condivise»
Nel giorno in cui Mark Zuckerberg è a Bruxelles, la piattaforma pubblica il suo libro bianco sui contenuti dannosi
CINA / STATI UNITI
02.12.2019 - 14:280
Aggiornamento : 14:55

Huawei contro Pompeo: «Dagli Stati Uniti accuse diffamatorie e false»

Il segretario di Stato americano ha sottolineato quanto sia «importante che i Paesi europei non diano il controllo delle loro infrastrutture strategiche ad aziende come Huawei»

di Redazione
Ats

SHENZEN - Huawei «respinge categoricamente le accuse diffamatorie e false diffuse dal governo statunitense. Sono maliziose e consumate, non fanno che del male alla reputazione degli Stati Uniti» e rappresentano «un insulto alla sovranità europea». È quanto scrive in una nota Huawei in risposta al segretario di Stato Mike Pompeo che in un lungo articolo sul sito di "Politico" sottolinea quanto sia «importante che i Paesi europei non diano il controllo delle loro infrastrutture strategiche ad aziende come Huawei o ZTE».

Secondo la società cinese la posizione espressa da Pompeo è un insulto anche nei confronti delle «capacità tecniche» degli operatori europei del settore delle telecomunicazioni. «Ci teniamo - si legge tra l'altro nella nota - a essere assolutamente chiari: Huawei è una società privata al 100%, non controllata in alcun modo dallo Stato cinese e senza alcun massiccio sostegno da parte del governo».

Quanto alle accuse di spionaggio, la società sottolinea di «non essere e non essere mai stata» coinvolta in attività di questo genere e di avere una «reputazione straordinaria» nel campo della Cybersecurity e della protezione dati.

Per Huawei l'approccio giusto alla delicata questione del 5G è quello basato sui fatti, un approccio adottato dall'Europa ed anche da Angela Merkel ed Emmanuel Macron. «Huawei - conclude la nota - è il partner naturale dell'Europa per lo sviluppo del 5G e per sostenere la sovranità digitale» del continente con soluzioni «sicure ed innovative».

In Australia, il bando sul 5G costerà 1'500 posti lavoro - Se l'Australia non farà marcia indietro sul 5G, consentendo a Huawei di partecipare allo sviluppo delle reti, nel Paese salteranno 1'500 posti di lavoro nell'arco dei prossimi 18 mesi. Lo ha detto Jeremy Mitchell, direttore per gli affari pubblici di Huawei Australia, secondo quanto riporta il Financial Times. Il manager ha anche annunciato che l'azienda perseguirà legalmente chi diffonde notizie false e lesive della sua reputazione, in Australia e altrove.

«I nostri fornitori sono in gran parte piccole e medie imprese con circa 30 dipendenti, e in molti casi Huawei sta generando circa l'80% del loro fatturato, quindi senza di noi si trovano in grossi guai», ha detto Mitchell. «Una volta presi in considerazione i subappaltatori impiegati dai nostri principali fornitori, siamo responsabili di circa 1'500 posti di lavoro nel settore delle costruzioni di telecomunicazioni locali. A meno che il divieto per Huawei sul 5G non venga annullato, questi posti andranno persi nei prossimi 18 mesi».

Mitchell ha anche reso noto che Huawei ha assunto come consulente strategico Xenophon Davis, uno studio legale fondato dall'ex politico Nick Xenophon e dall'ex giornalista investigativo Mark Devis. «Xenophon Davis ci fornirà un'assistenza cruciale mentre cerchiamo di difenderci da attacchi malevoli da parte di entità intenzionate a causarci danni alla reputazione», ha affermato Mitchell. «Vogliamo assicurarci che la discussione sulla sicurezza informatica sia basata su fatti e non su insinuazioni infondate che purtroppo stanno dominando il dibattito attuale».
 
 

Commenti
 
Spirito1 2 mesi fa su tio
Di un comunista mai fidarsi
Dioneus 2 mesi fa su tio
Hanno pienamente ragione, forza!
Bayron 2 mesi fa su tio
Sempre fedele all’iPhone. Utilizzare un cellulare comunista..... MAI!
Dioneus 2 mesi fa su tio
@Bayron Ahahahah. La Cina di comunista ha mantenuto ben poco
Bayron 2 mesi fa su tio
@Dioneus .... mi fai pena.
miba 2 mesi fa su tio
Poveri USA! Ormai il treno del 5G l'hanno perso da un pezzo ed ora si attaccano a questi giochetti che ormai sono conosciuti anche dai paracarri....
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-18 04:14:03 | 91.208.130.85