Cerca e trova immobili

ITALIA«Il cielo piange la scomparsa di mio padre»

10.02.24 - 22:07
Oggi l'ultimo saluto a Vittorio Emanuele di Savoia, deceduto a 86 anni
IMAGO
Fonte Ats ans
«Il cielo piange la scomparsa di mio padre»
Oggi l'ultimo saluto a Vittorio Emanuele di Savoia, deceduto a 86 anni

TORINO - In una giornata piovosa - «anche il cielo piange per la scomparsa di mio padre» aveva detto ieri Emanuele Filiberto - sono stati celebrati i funerali di Vittorio Emanuele, il mancato re d'Italia, morto a 86 anni. Rose rosse e gigli hanno invaso il duomo a cui si è aggiunto il verde per comporre la bandiera italiana. Le note sono state quelle dell'Inno Sardo intonate dal Coro Francesco Veniero della chiesa Santuario Madonna del Pilone.

Nel duomo si fa silenzio quando entra Marina Doria, moglie amatissima di Vittorio Emanuele per settant'anni: occhiali scuri e capelli legati in una coda bassa, ha percorso la navata centrale con il capo chino. Dopo di lei sono entrate la nuora Clotilde e le nipoti Vittoria e Luisa. Emanuele Filiberto era dietro il feretro, commosso fino alle lacrime in molti passaggi dell'omelia.

«Ora che Vittorio Emanuele vede Gesù negli occhi fa bene a dirgli grazie» - ha detto Paolo de Nicolò, gran priore degli ordini dinastici della casa reale - Una così ampia partecipazione è la testimonianza del bene concreto che il principe Vittorio Emanuele ha saputo donare a quanti lo hanno conosciuto. Nella sua umana fragilità ha saputo essere un uomo il cui ricordo vive e vivrà in tutti noi. Alle generazioni che seguiranno in particolare al principe Emanuele Filiberto e alle principesse Vittoria e Luisa il compito di rendere contemporaneo il suo agire in favore dei poveri e dei bisognosi. A Marina Doria il nostro commovente abbraccio. Vittorio Emanuele dal Cielo sarà orgoglioso di vedere quanto realizzerete nel nome della Casa Savoia». Anche papa Francesco ha mandato un messaggio di benedizione.

Ma quella di oggi non è stata solo la giornata dei funerali di Vittorio Emanuele, è stato un cambio di passo in casa Savoia, la nuova generazione che traccia una linea all'insegna della concordia, giurano in molti. Aimone di Savoia Aosta - figlio di Amedeo d'Aosta in lite con Vittorio Emanuele per motivi dinastici - è arrivato davanti al duomo un'ora prima delle esequie e, particolare che non è sfuggito ai nostalgici, ha apposto il Drappo reale sulla bara. «È un gesto che mi commuove», ha detto uno di loro asciugandosi le lacrime, e tanti lo hanno imitato. «Sono molto felice, ma tra Aimone e me ci sono sempre stati una forte amicizia e un grande affetto», ha commentato Emanuele Filiberto dopo i funerali.

Dopo la benedizione della bara la regina emerita di Spagna Sofia e poi Carlo Alberto di Monaco hanno abbracciato Marina Doria e Emanuele Filiberto. Madre e figlio, prima che l'auto portasse via le spoglie di Vittorio Emanuele, hanno dato un bacio e una carezza alla bara. Ultima destinazione sarà Superga.

«Già da tanto tempo papà voleva essere sepolto a Superga - ha detto Emanuele Filiberto prima di andare via, sciogliendosi in un sorriso - Mio padre è nato a Napoli e sarà sepolto a Torino: è questa l'unità d'Italia, è questa la nostra Italia, è questa casa Savoia».

NOTIZIE PIÙ LETTE