Cerca e trova immobili

ITALIAL'ultimo saluto a Giorgio Napolitano

26.09.23 - 13:37
Funerali laici alla Camera per il presidente emerito della Repubblica
KEYSTONE/AP/Mauro Scrobogna (Mauro Scrobogna)
Fonte Ats Ans
L'ultimo saluto a Giorgio Napolitano
Funerali laici alla Camera per il presidente emerito della Repubblica

ROMA - Si sono svolti alla Camera italiana a Roma i funerali laici dell'ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. L'ultimo saluto ha attirato numerose personalità italiane e internazionali.

Il feretro è partito in tarda mattinata da Palazzo Madama, dove era allestita la camera ardente. All'altezza del piazzale di Montecitorio, il carro è poi stato scortato dai corazzieri. Il tutto si è svolto con gli onori militari da parte di uno schieramento formato da 100 unità del reparto d'onore e 50 elementi della banca musicale dell'esercito.

Numerosi, come detto, gli ospiti presenti. Fra questi anche capi di Stato stranieri, come il francese Emmanuel Macron e il tedesco Franck-Walter Steinmeier. Fra i tanti da notare anche l'ex presidente francese Françoise Hollande, il primo ministro albanese Edi Rama e la duchessa di Edimburgo, Sophie Helen Rhys-Jones.

I protagonisti della politica italiana hanno sottolineato, nel corso dei loro discorsi, la caratura di Napolitano. «Oggi rendiamo l'ultimo saluto a un protagonista della nostra storia repubblicana quale è stato il Presidente Emerito Giorgio Napolitano. Entrato in Parlamento il 25 giugno del 1953, ha ricoperto tutti i più prestigiosi ruoli istituzionali della nostra Repubblica», ha detto ad esempio il presidente del Senato Ignazio La Russa.

Gianni Letta ha dal canto suo ricordato il difficile rapporto con l'ex premier Silvio Berlusconi, recentemente scomparso: "si chiude anche un capitolo tormentato e complesso di questa storia: dopo Berlusconi, Napolitano, a tre mesi uno dall'altro. Mi piace immaginare che incontrandosi lassù possano dirsi quello che non si dissero quaggiù e, placata ogni polemica, possano chiarirsi e ritrovarsi nella luce".

In tutto la cerimonia è durato poco più della prevista ora e venti. I parlamentari sono rimasti nell'emiciclo per permettere lo svolgimento del protocollo cerimoniale.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE