Cerca e trova immobili

BRASILELo zucchero di Nestlé coltivato con prodotti vietati in Europa

25.04.23 - 17:34
Un rapporto stilato da Lighthouse Reports e Repórter Brasil mostra come lo zucchero venga poi rivenduto all'interno dei confini dell'Unione
Depositphotos (aureli)
Lo zucchero di Nestlé coltivato con prodotti vietati in Europa
Un rapporto stilato da Lighthouse Reports e Repórter Brasil mostra come lo zucchero venga poi rivenduto all'interno dei confini dell'Unione

BRASILIA - L'Europa li banna, le multinazionali li usano altrove, per importarne i prodotti nuovamente all'interno dei 27 Stati dell'Unione. Stando a un rapporto stilato da Lighthouse Reports e Repórter Brasil, Nestlé si rifornisce di zucchero coltivato in Brasile con pesticidi classificati come potenzialmente cancerogeni.

Le informazioni sono state ottenute dalle due organizzazioni grazie a una richiesta di accesso basata sul diritto alla libertà di informazione inoltrata al ministero dell'Agricoltura brasiliano. I documenti mostrano che alcune multinazionali, tra cui le tedesche Basf e Bayer e la svizzera Syngenta, esportano verso il Brasile dei prodotti chimici, come pesticidi e fungicidi, che in Europa sono stati vietati in quanto ritenuti potenzialmente dannosi per la salute pubblica.

Ad esempio, un fungicida di Basf che contiene epoxiconazolo, riconosciuto nel 2019 come interferente endocrino per l'uomo e per gli organismi non bersaglio e che rappresenta un preoccupante livello di pericolo per l'uomo e l'ambiente, viene utilizzato in due piantagioni da zucchero il cui raccolto viene in seguito venduto a Nestlé.

Per dare un'idea: una delle piantagioni è amministrata da Copersucar che nel 2020 ha venduto zucchero in Europa per il valore di un miliardo di euro. In Svizzera questa multinazionale ha una joint venture con Alvean, che opera a Ginevra.

Interpellata, Nestlé ha spiegato di «seguire da vicino gli sviluppi normativi ovunque operiamo per garantire la piena conformità di tutti i nostri prodotti».

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Pianeta Terra 11 mesi fa su tio
Povero genere umano . Porcherie fatte per i soldi

F/A-19 11 mesi fa su tio
E poi siamo qui ad inventarci i vaccini contro il cancro, prima ci avvelenano e poi le stesse aziende ci curano, il tutto per il loro tornaconto. Il popolo è trattato peggio dei polli di allevamento, eticamente facciamo schifo!

Nikko 11 mesi fa su tio
Risposta a F/A-19
In questo commento mi sembra molto ben sintetizzato il concetto della massima perversione umana…

Nikko 11 mesi fa su tio
Risposta a F/A-19
… porcherie fatte dalle multinazionali per aumentare i loro proventi… … ma quando abbiamo votato per “multinazionali più responsabili”, la maggioranza dei polli di allevamento ha votato contro l’iniziativa…

Nikko 11 mesi fa su tio
Risposta a F/A-19
… quando si eleggono i rappresentanti politici, i polli di allevamento votano in maggioranza per i partiti che sostengono le lobby delle multinazionali irresponsabili…

Nikko 11 mesi fa su tio
Risposta a F/A-19
… e allora,… in definitiva,… di chi è la colpa originale di questi comportamenti criminali delle multinazionali irresponsabili?…

Nikko 11 mesi fa su tio
Risposta a F/A-19
… dei polli di allevamento che dovrebbero smettere di votare per i rappresentanti dei partiti che sostengono gli interessi delle “lobby dei business” e non quelli del popolo che dovrebbero rappresentare…

Sebasebaseba 11 mesi fa su tio
Ma pensa un po'!

Swissabroad 11 mesi fa su tio
Uno devia sul Canada, l'altro ripudia la Svizzera Nestlè. Insomma se nel marcio c'è la nostra candidatura Svizzera, non si ha il coraggio di dire che fondamentalmente siamo come tutti gli altri. E come gli altri anche noi abbiamo i nostri scheletri negli armadi.

AngeloP 11 mesi fa su tio
come il grano canadese, utilizzo da tutte le grandi aziende che producono pasta che contiene il glifosato!

klich69 11 mesi fa su tio
LA nestle non è CH, solo viene usata per affari, anche i consiglieri federali li sanno, ma frutta soldoni nelle loro Tasche da decenni. Ho lavorato con questa gente.
NOTIZIE PIÙ LETTE