Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
8 ore
Quirinale: ancora una fumata nera nella quinta giornata di votazione
Sergio Mattarella ha ricevuto 336 voti. Domani molto probabilmente sarà la giornata decisiva
FRANCIA
11 ore
Macron e Putin d'accordo sulla necessità di una de-escalation
Non si è parlato di un'offensiva da parte della Russia, ha fatto sapere l'Eliseo
ITALIA
13 ore
Quirinale: quinta fumata nera
Maria Elisabetta Casellati ha ricevuto solamente 382 voti. Doppio votazione oggi: si riparte alle 17.00
ITALIA
15 ore
Giuliano Ferrara ricoverato d'urgenza per un infarto
Il celebre giornalista si trova all'ospedale di Grosseto, in condizioni gravi ma stabili
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
La sorella di Omicron sarebbe anche in Lombardia
Sul portale internazionale di dati genomici sono stati segnalati dieci casi di BA.2 nella vicina Penisola
FRANCIA
17 ore
Fermata la mamma del bambino trovato morto in una valigia
La donna era in fuga dalla sera di mercoledì, giorno in cui il piccolo di 10 anni è scomparso da casa
REGNO UNITO
18 ore
Il rapporto sul Partygate rischia di essere monco
La polizia ha chiesto all'alta funzionaria Gray di «fare riferimenti minimi» perché le indagini non siano compromesse
ITALIA
19 ore
Il giallo di Camilla Canepa, i dottori sapevano che era vaccinata
La 18enne e la sua famiglia avevano avvisato i medici, nonostante questo non sono state seguite le linee guida dell'Isth
FLORIDA
21 ore
Le ricerche dei 40 dispersi verranno interrotte. C'è un sopravvissuto
Dopo l'incidente avvenuto sabato a 70 chilometri dalle coste della Florida, sono stati ritrovati cinque corpi in mare
Germania
19.10.2021 - 16:310

Molestie sessuali e favoritismi: così è stato licenziato il direttore di uno dei più importanti quotidiani tedeschi

Un'inchiesta del New York Times scoperchia il quotidiano tedesco Bild: «una cultura di sesso, giornalismo e denaro»

BERLINO - Il licenziamento in tronco di Julian Reichelt è iniziato con una carriera in ascesa. Per anni il giornalista ha abusato della sua autorità nei confronti di stagiste e dipendenti e per anni, nonostante le denunce, il presidente del gruppo editoriale Mathias Döpfner lo ha difeso e promosso a direttore della Bild, uno dei maggior media europei.

La questione Reichelt inizia nel 2016, quando aveva 36 anni. A quel tempo aveva una relazione segreta con una tirocinante di 25 anni. Come riportato in una testimonianza depositata agli investigatori di uno studio legale assunto dalla Bild per chiarire il comportamento del giornalista all’interno della redazione, l'uomo sapeva di non poter avere una relazione con la giovane dipendente. Aveva infatti detto: «se lo scoprono, mi licenziano».

Eppure le cose sono andate diversamente. Perché la relazione andò avanti e sempre in quel mese di novembre una donna che lavorava alla Bild denunciava di essere stata molestata da Reichelt. Allontanato, tornò qualche tempo dopo, promosso al primo posto della redazione.

Il New York Times ha raccolto la storia di una donna che nel 2018 era praticante alla Bild e che era stata portata da Reichelt in un albergo non lontano dal posto di lavoro dove avevano fatto sesso. L'allora praticante lo aveva raccontato in un'inchiesta interna avvenuta a marzo, ma il risultato fu che il direttore venne sospeso per 12 giorni, dopo i quali reintegrò l'azienda senza nessun cambiamento, se non che fu affiancato da una condirettrice, Alexandra Würzbach. La donna aveva inoltre spiegato che aveva guadagnato un posto migliore per quella relazione e che un editore le aveva detto: «Sono stanco di dover assumere donne con cui il signor Reichelt ha avuto rapporti».

È inoltre saltato fuori nell'inchiesta il fatto che il presidente di Axel Springer cercava di coprire il direttore della Bild. Questo perché, come rivelano dei messaggi mandati a un amico il primo marzo, aveva scritto: «Dobbiamo stare particolarmente attenti nelle indagini perché il signor Reichelt è l'unico e ultimo giornalista in Germania che ha ancora il coraggio di ribellarsi al nuovo stato autoritario della DDR», o Germania dell'Est comunista. Questo in riferimento alle chiusure imposte da Angela Merkel durante la pandemia.

Tutto ciò era rimasto interno all'azienda finché le testimonianze dell'indagine interna non sono arrivate nella redazione del New York Times, che le ha pubblicate. Tra le dichiarazioni più d'impatto da parte di impiegati, giornalisti ed editori c'è la seguente: «Chi va a letto con il capo, ottiene un lavoro migliore». La redazione newyorkese ha spiegato che le carte consultate hanno rivelato «una cultura del lavoro che mescolava sesso, giornalismo e denaro aziendale».

Lo scandalo esploso, Julian Reichelt è stato licenziato in tronco dopo la pubblicazione. Lo ha comunicato lo stesso presidente e amministratore delegato di Axel Springer in una nota, con l'accusa al giornalista di aver abusato della sua posizione per anni per molestare le dipendenti e di non aver saputo separare la sfera privata da quella professionale.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-29 05:33:26 | 91.208.130.87