keystone-sda.ch
GIAPPONE
26.04.2021 - 13:150

Il ritardo nelle vaccinazioni che mette a rischio le Olimpiadi

A 3 mesi dall'inizio delle competizioni la campagna giapponese è fra le più lente al mondo, e i motivi sono diversi

TOKYO - Attualmente il Giappone è fra i paesi più in ritardo per quanto riguarda lo sforzo vaccinale, una lentezza - questa - che oscura le imminenti (mancano poi solo 3 mesi) Olimpiadi.

Al momento, riporta il Guardian, solo l'1.3% della popolazione ha ricevuto almeno una delle due dosi di vaccino, per fare un paragone negli Stati Uniti è il 40% e nel Regno Unito il 49% e in Francia il 20%. A essere vaccinati, al momento, sono solo una parte del personale sanitario e solo 74mila over 65.

Al momento sull'isola l'unico vaccino approvato è quello di Pfizer/BioNTech, il che lascia il Paese in balia dell'export dall'Europa. Una decisione riguardo ad AstraZeneca e/o Moderna è attesa nei prossimi giorni.

Oltre a problemi di tipo logistico come questi, a spiegare la lentezza del Giappone, anche il fatto che il coronavirus non si è mai fatto davvero sentire, almeno fino agli inizi del 2021. Questo ha portato a decidere d'intraprendere la campagna con evidente ritardo rispetto alle altre nazioni (in alcuni casi anche di 3-4 mesi).

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 22:44:05 | 91.208.130.85