Reuters
BRASILE
22.03.2021 - 06:000
Aggiornamento : 07:38

Brasile, l'intubazione è (quasi) una sentenza

I decessi tra i ricoveri in terapia intensiva nel paese sudamericano sono molto più alti rispetto alla media globale

Nel 2020, secondo uno studio, l'80% dei pazienti intubati per Covid-19 in Brasile sono deceduti.

BRASILIA - Tra i tanti numeri inquietanti legati al Covid-19 in Brasile - il paese sudamericano è il secondo più colpito dal virus, con quasi 12 milioni di contagi e oltre 290mila decessi legati alla pandemia dall'inizio dell'emergenza -, quello che con ogni probabilità mette in luce più di tutti quanto sia stato (e sia tuttora) drammatico il quadro è la proporzione del numero di morti tra i ricoveri in cure intense rispetto a quelli registrati negli altri paesi.

Secondo le cifre di uno studio, pubblicato in esclusiva dalla BBC, dal febbraio del 2020 allo scorso mese di dicembre, circa l'80% dei pazienti intubati in Brasile per Covid-19 è morto. Ossia, otto persone ogni dieci. E questa proporzione, scrive il network, non ha registrato particolari fluttuazioni tra la prima metà dell'anno e la seconda.

Per tracciare un parallelo, il tasso di mortalità medio registrato a livello globale nel 2020 tra i pazienti che hanno dovuto essere intubati dopo aver contratto il Covid-19 è stato del 50% circa. Una differenza abissale, che potrebbe aumentare ulteriormente in questi mesi.

L'andamento della curva in Brasile non ha mai conosciuto periodi prolungati di pausa, come invece avvenuto in Europa durante la scorsa estate, e i primi dati relativi al 2021 - stando a quanto riportato dagli autori dello studio - mostrano già alcuni segnali di peggioramento. Si tratta per il momento di risultati preliminari e non consolidati, ma che mettono in evidenza «un aumento della mortalità».

Il tasso «è rimasto alto durante tutto l'anno» perché «si è perso troppo tempo a discutere di cure preventive senza alcuna base scientifica e non sono stati fatti gli investimenti necessari per informare su quali fossero le pratiche e le cure efficaci sui pazienti gravemente malati», ha commentatoFernando Bozza, ricercatore della Fondazione Oswaldo Cruz e autore dello studio.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 3 mesi fa su tio
Cambiate il protocollo oppure perseverare a dipendenza degli obiettivi
Don Quijote 3 mesi fa su tio
La vecchiaia, salute precaria, sovrappeso e cattive abitudini sono il preavviso della sentenza, salvo rare eccezioni, è in questa fascia che il virus trova la porta aperta.
Geni986 3 mesi fa su tio
Signori guardate che anche il 50% di intubati morti a livello globale non è da ridere! Dev'essere questo il vero spunto di riflessione dell'articolo! A buon intenditor...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-20 18:35:07 | 91.208.130.89