ARCHIVIO KEYSTONE
Primi indagati nell'ambito dell'inchiesta sulla mancata zona rossa in Val Seriana.
ITALIA
23.10.2020 - 06:300

Mancata zona rossa in Val Seriana: ci sono i primi indagati

Acquisito il contenuto del telefono dell'assessore al Welfare lombardo Gallera

BERGAMO - La procura di Bergamo ha iscritto nel registro degli indagati Luigi Cajazzo, ex direttore generale della sanità della Regione Lombardia, il suo vice dell'epoca Marco Salmoiraghi e la dirigente Aida Andreassi. Il fascicolo è quello aperto per far luce sulla mancata dichiarazione della zona rossa in Val Seriana tra il 3 e il 7 marzo. 

I tre sono accusati di epidemia colposa: i magistrati pensano che il mancato provvedimento abbia fatto esplodere i contagi di coronavirus nella provincia di Bergamo. Si vuole chiarire anche il perché della chiusura e riapertura nel giro di poche ore, il 23 febbraio, del pronto soccorso dell'ospedale di Alzano Lombardo, dove erano stati scoperti i primi contagi nel territorio poi martoriato dalla pandemia. Altri due indagati sono Francesco Locati e Roberto Cosentina, rispettivamente direttore della Asst di Seriate e direttore sanitario di Asst Bergamo Est. 

La Guardia di Finanza ha poi acquisito il contenuto del telefono dell'assessore al Welfare Giulio Gallera, che non è indagato. Tutte le chat tra febbraio e giugno sono state copiate.

Il Comitato Noi Denunceremo, che si batte per ottenere giustizia per le vittime e le loro famiglie, commenta: «Siamo contenti che la Procura abbia preso sul serio la nostra richiesta di verità che è la richiesta di tutti i familiari delle vittime. Abbiamo sempre avuto fiducia nella giustizia, ora ne abbiamo ancora di più».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 13:35:52 | 91.208.130.86