keystone-sda.ch / STF (Dolores Ochoa)
+5
ECUADOR
26.05.2020 - 11:280

Proteste e scontri violenti contro le misure del Governo

Sono migliaia le persone scese in piazza per manifestare contro le decisioni di Lenin Moreno

QUITO - Migliaia di persone sono scese in piazza a Quito per protestare contro le misure di austerità annunciate dal Governo per ottenere un risparmio di almeno 4'000 milioni di dollari di spesa pubblica.

Impiegati statali, professori, studenti, militanti sindacali e membri delle comunità indigene hanno sfilato ieri nella capitale dove si sono registrati incidenti nella Plaza Santo Domingo, fra i manifestanti, che indossavano mascherine sanitarie e guanti, e forze di polizia.

Gli agenti, ha riferito il quotidiano La Hora, hanno risposto ad un lancio di oggetti da parte dei dimostranti con l'uso di gas lacrimogeni.

Un'altra manifestazione di migliaia di lavoratori convocati dal sindacato Cut e di contadini hanno risposto ad un appello a manifestare anche a Guayaquil, principale città portuale e industriale dell'Ecuador.

Il Governo ecuadoriano ha annunciato il taglio delle spese pubbliche dando la colpa alla crisi legata al Covid-19, ma secondo i manifestanti, le riforme di austerity erano già programmate da tempo. Lo scorso ottobre, lo ricordiamo, la decisione del Governo di eliminare i i sussidi statali ai combustibili e di liberalizzare il prezzo di benzina e diesel aveva scatenato una delle maggiori rivolte nella storia dell'Ecuador, con scontri e manifestazioni che hanno costretto le autorità a ripensarci.

Nelle proteste di ieri, i militanti hanno rivendicato la revoca dei licenziamenti, garanzie per il bilancio della pubblica istruzione e il rafforzamento delle strutture sanitarie del Paese.

keystone-sda.ch / STF (Dolores Ochoa)
Guarda tutte le 9 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 mese fa su tio
governo ladro :-(
sedelin 1 mese fa su tio
certo che era tutto programmato. la gente non va presa per fondelli, altrimenti succede questo, giustamente!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-09 03:55:18 | 91.208.130.86