Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
4 min
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
FOTO E VIDEO
UNIVERSO
23 min
Potremmo aver trovato il primo pianeta fuori dalla nostra galassia
A 28 milioni di anni luce, gli astronomi hanno notato ciò che «corrisponde al passaggio di un pianeta»
ITALIA
1 ora
Attacco hacker alla San Carlo
L'azione è già stata rivendicata, l'azienda non ha intenzione di pagare
SUDAN
1 ora
«Tornare al passato non è un'opzione», 10 morti nelle proteste
I manifestanti contro il golpe sono nuovamente scesi in strada, tra scontri e barricate
CINA
2 ore
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
3 ore
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
FOTO
GIAPPONE
4 ore
La principessa Mako si è sposata
Per l'unione con il non nobile Kei Komuro, molto criticata, rinuncia al suo status e si trasferirà a New York
ITALIA
5 ore
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
STATI UNITI
6 ore
Quella pistola era stata usata poco prima, con munizioni vere
Emergono altri dettagli riguardanti la tragedia sul set del film “Rust”
AFGHANISTAN
14 ore
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ITALIA
12.05.2020 - 07:470
Aggiornamento : 09:27

Maxiblitz a Palermo, arrestati 91 mafiosi

In manette boss, gregari, estorsori e prestanome di due storici clan palermitani.

PALERMO - La Guardia di finanza di Palermo ha arrestato 91 tra boss, gregari, estorsori e prestanome di due storici clan palermitani. Il maxiblitz, coordinato dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Palermo guidata da Francesco Lo Voi, ha colpito i clan dell'Acquasanta e dell'Arenella.

In manette sono finiti esponenti di storiche famiglie mafiose palermitane come quelle dei Ferrante e dei Fontana. Le accuse contestate sono a vario titolo di associazione mafiosa, estorsione, intestazione fittizia di beni, ricettazione, riciclaggio, traffico di droga, frode sportiva e truffa.

L'inchiesta ha svelato gli interessi dei due clan di Cosa Nostra negli appalti e nelle commesse sui lavori eseguiti ai Cantieri navali di Palermo, nelle attività del mercato ortofrutticolo, nella gestione delle scommesse on line e delle slot machine, oltre che in quella "storica" del traffico di droga e nelle corse dei cavalli. Lunghissima la lista delle attività commerciali sottoposte al racket del pizzo. Sequestrati anche beni del valore di circa 15 milioni di euro (quasi 16 in franchi).

Il blitz è in corso in Sicilia, Lombardia, Piemonte, Liguria, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Marche e Campania. Impegnati 500 uomini della Gdf, con l'appoggio di un mezzo aereo e di unità cinofile addestrate per la ricerca di armi, stupefacenti e valuta.

I nomi degli indagati sono noti da decenni agli inquirenti: come i Fontana, "famiglia" storica di Cosa nostra palermitana descritta dal pentito Tommaso Buscetta come una delle più pericolose.

Dalle indagini è emerso il ruolo di vertice di Gaetano Fontana, scarcerato per decorrenza dei termini nel 2013 dall'accusa di mafia, tornato in cella nel 2014 e nel 2017 uscito nuovamente dopo aver scontato la pena. Oggi sono stati arrestati anche i fratelli: Giovanni, un lungo elenco di precedenti per ricettazione, omicidio, porto abusivo di armi e resistenza a pubblico ufficiale, e Angelo, dal 2012 sottoposto all'obbligo di soggiorno a Milano.

Per gli inquirenti Gaetano Fontana sarebbe il punto di riferimento indiscusso dei "picciotti" dell'Acquasanta, ruolo che avrebbe mantenuto anche mentre era detenuto. I Fontana gestivano le imprese che operano nella cantieristica navale, nella produzione e commercializzazione di caffè, e avrebbero il controllo di decine di supermercati, bar e macellerie e del mercato ortofrutticolo, delle scommesse on line e delle slot machine.

I fratelli Gaetano, Giovanni e Angelo Fontana vivevano da tempo a Milano, ma hanno mantenuto forti interessi nel capoluogo siciliano.

Altro personaggio di rilievo dell'indagine è Giovanni Ferrante, braccio operativo del clan Fontana. Ferrante usava attività commerciali del quartiere per riciclare i soldi sporchi, ordinava estorsioni e imponeva l'acquisto di materie prime e generi di consumo scelti dall'organizzazione. Già condannato per mafia, dal 2016 è stato ammesso all'affidamento in prova ai servizi sociali. Uscito dal carcere, ha consolidato la propria posizione di leader all'interno della famiglia mafiosa e per la gestione degli affari illeciti usava come intermediatrice la compagna, Letizia Cinà. Molto temuto, modi violenti, in una intercettazione dopo essere stato scarcerato dice: «Oramai non ho più pietà per nessuno! Prima glieli davo con schiaffi, ora glieli do con cazzotti... a colpi di casco... cosa ho in mano... come mi viene».

Altro personaggio di spicco è Domenico Passarello, a cui era stata delegata la gestione dei giochi e delle scommesse a distanza, del traffico di stupefacenti, della gestione della cassa e della successiva consegna del denaro ai vertici della famiglia per versamento nella cassa comune.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-26 13:34:01 | 91.208.130.85