Depositphotos (Klanneke)
ARGENTINA
13.03.2019 - 10:290

Uccide il marito che voleva violentare la figlia

Il 46enne è stato accoltellato 185 volte. Anche la ragazza è stata arrestata

JOSÉ CLEMENTE PAZ - Una 38enne argentina è stata arrestata dopo aver confessato l'omicidio del marito. Il fatto è avvenuto sabato scorso a José Clemente Paz, in provincia di Buenos Aires: la donna ha dichiarato di aver sorpreso, tornando a casa, il coniuge che stava cercando di abusare sessualmente della figlia 18enne. È quindi andata in cucina e, dopo aver preso un coltello, si è scagliata contro l'uomo.

L'autopsia ha rilevato 185 coltellate sul corpo del 46enne: molte sono superficiali ma quattro, sferrate a cuore e polmoni, sono risultate letali.

La madre si è immediatamente consegnata alla polizia, riferiscono i media argentini. Dopo il sopralluogo nella casa dove è avvenuto il delitto, però, gli agenti hanno deciso di arrestare anche la figlia: sono stati infatti ritrovati due coltelli insanguinati. Dal carcere le due donne stanno fornendo la medesima versione dei fatti.

Il caso sta dividendo l'Argentina: da una parte chi crede che un omicidio non sia mai giustificabile, dall'altra chi ritiene che la 38enne abbia agito al culmine dell'esasperazione, contro un uomo noto per essere violento e che avrebbe costretto la moglie a prostituirsi. «Mia sorella e mia nipote hanno vissuto 21 anni di calvario» ha dichiarato la sorella della donna.

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 03:54:12 | 91.208.130.89