Immobili
Veicoli

CINACritiche a Pechino per le piste da sci: «Sono i Giochi più insostenibili di sempre»

05.02.22 - 15:07
Le associazioni ambientaliste contrarie all'innevamento artificiale. Duri i toni dell'idrologa Carmen de Jong
IMAGO / Chinaimages
Fonte N. Hänggi / 20 Minuten
Critiche a Pechino per le piste da sci: «Sono i Giochi più insostenibili di sempre»
Le associazioni ambientaliste contrarie all'innevamento artificiale. Duri i toni dell'idrologa Carmen de Jong
Gli atleti svizzeri hanno invece dichiarato di non essere infastiditi dalla pista o dalla mancanza di neve, ma più dal vento

PECHINO - Una bella pista bianca in mezzo alle montagne di Xiaohaituo, in Cina, sta per accogliere gli sciatori ai Giochi Olimpici di Pechino.

Tuttavia, volgendo gli occhi a destra, o a sinistra, il paesaggio è verde e marrone. Questo perché a Pechino - nonostante il freddo - la neve scarseggia, ed effettuare le gare di sci sarà possibile solo grazie alla neve artificiale che è stata sparata da 200 grandi cannoni. Altri 100 cannoni sono poi stati attivati a Zhangjiakou, la stazione per il biathlon, lo sci di fondo e il salto con gli sci.

Una situazione che ha provocato forti critiche, in particolare da parte delle associazioni ambientaliste.

«Possiamo farli sulla Luna, o su Marte»
La geologa e idrologa Carmen de Jong ha definito quelli di quest'anno come i «Giochi più insostenibili di sempre», spiegando che facendo così «potremmo tenere i Giochi olimpici anche sulla Luna, o su Marte». La cosa peggiore, secondo de Jong, è che l'innevamento artificiale avviene in una zona che soffre una carenza d'acqua, e per innevare sono necessari milioni di metri cubi d'acqua.

Il Governo cinese ha però respinto ogni accusa. Per Pechino, si tratta di giochi invernali «verdi e puliti», con l'acqua necessaria per i cannoni che «sarà riutilizzata» e con l'energia che proviene «al 100% da fonti rinnovabili». Dichiarazioni a cui de Jong non crede: per lei è solo «una favola per bambini».

La costruzione della pista nella zona montuosa di Xiaohaituo, a nord di Pechino, ha attirato diverse critiche anche per il danno ambientale e ai residenti. Per realizzare le piste, sono ad esempio stati abbattuti 24'272 alberi, e interi villaggi sono stati reinsediati per poter svolgere le gare del trampolino olimpico, anch'esso di nuova costruzione. In tutto, sono state colpite circa 1'500 persone.

Cosa ne pensano gli atleti svizzeri?
Lo sciatore svizzero Niels Hintermann non è particolarmente infastidito dalla pista. «Sì, abbiamo tutti visto queste immagini. È molto particolare vedere solo quella striscia bianca, ed è naturalmente molto diverso dalla Svizzera, però il paesaggio è comunque bello». «In ogni caso, durante la gara non ho comunque il tempo di guardare cosa c'è a destra e a sinistra» ha concluso Hintermann, concentrandosi sugli aspetti sportivi.

Un'opinione condivisa anche da Marco Odermatt: «La pista sembra molto bella. È ripida, ci sono curve, e si procede veloce». «La neve è un po' diversa da quella che conosciamo dall'Europa», ha poi spiegato, aggiungendo di avere in realtà più problemi con il vento. 

Effettivamente, per via del vento ci sono state diverse critiche già dopo la seconda gara di prova. I risultati sono stati infatti influenzati dalle forti raffiche: mentre alcuni sciatori hanno lottato con il vento contrario, altri sono stati praticamente trasportati al traguardo. E l'ultimo allenamento prima della gara è stato persino cancellato, poiché il vento era troppo forte.

COMMENTI
 
Aldina Fum 6 mesi fa su tio
E chissà se un giorno gli atleti saranno più consci degli effetti collaterali delle loro competizioni e si comportino di conseguenza...
Aldina Fum 6 mesi fa su tio
Niente di nuovo sotto il sole, tutti i giochi si sono sempre contraddistinti per enormi distruzioni ambientali, gran sperpero di risorse e milioni/miliardi, costruzioni poi cadute nell'oblio...
Busca 6 mesi fa su tio
Avanti così, il CIO assegnerà le prossime olimpiadi invernali a Dubai (hanno scartato il Monte Bar) e quelle estive, in agosto in Patagonia.
Moga 6 mesi fa su tio
Ma soprattutto complimenti per aver scelto un paese governato da una dittatura
egi47 6 mesi fa su tio
Schiaffatevelo in testa lo sport professionistico non capisce nessuna ragione, soldi, soldi e soldi tutto il resto é fuffa.
Gimmi 6 mesi fa su tio
Come al solito agli ambientalisti ,non gli va mai bene niente!
Dalu 6 mesi fa su tio
Che idiozia! Come la pista di sci in mezzo al deserto negli Emirati arabi🤦🏻‍♂️ la demenza umana non ha limiti purtroppo
seo56 6 mesi fa su tio
Gli svizzeri si sa…. vanno dove tira il vento!!
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO