keystone-sda.ch / STF (Hiro Komae)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
Italia
24 min
Cannabis legale, «Mancano quattro giorni all'assassinio della democrazia»
Raccolte quasi 600mila firme online, ma moltissimi comuni non vogliono concedere i certificati elettorali
CONGO
52 min
La droga estratta dalle marmitte delle auto che spopola a Kinshasa
Si chiama bombe, ha effetti devastanti e ha portato anche il presidente del Paese a dare l'allarme
SAN MARINO
3 ore
A San Marino l'aborto sarà legale
Lo ha deciso il popolo con una larga maggioranza, la festa di chi ha voluto il referendum dopo 18 anni di campagna
ITALIA
3 ore
L'ex guru social di Salvini coinvolto in un'inchiesta per droga
Le scuse di Luca Morisi: «Non ho commesso reati ma la mia è stata una grave caduta come uomo»
FOTO
GRECIA
4 ore
Forte terremoto a Creta, un morto e alcuni feriti
L'epicentro della scossa è stato localizzato a una ventina di chilometri a sud di Candia
AFGHANISTAN
5 ore
I talebani avvertono i barbieri: «Non tagliate le barbe»
Il taglio sarebbe contrario alla legge islamica. Il monito talebano: «I trasgressori saranno puniti».
ISLANDA
5 ore
Non sarà un Parlamento a maggioranza femminile
Tre seggi sono stati riassegnati a degli uomini dopo il riconteggio
GERMANIA
5 ore
L'Spd s'impone al fotofinish
I socialdemocratici avanti con il 25,7% dei voti, crollo dei conservatori. Quale coalizione per governare?
MONDO
7 ore
Le giovani generazioni «vivranno una vita senza precedenti»
Ci saranno più inondazioni, più siccità, più ondate di calore. È l'avvertimento di uno studio internazionale
GERMANIA
18 ore
Il dopo-Merkel da cardiopalma, per gli exit poll Spd e Cdu sono a pari merito
Stando ai sondaggi i due partiti di maggioranza sarebbero o fermi a quota 25% o comunque molto vicino
Regno Unito
19 ore
Sabina Nessa, arrestato il presunto assassino
La 28enne è stata accoltellata a morte lo scorso 17 settembre poco lontano dalla sua abitazione
Islanda
22 ore
Prima europea con più donne che uomini in Parlamento
Il traguardo è stato raggiunto senza il bisogno d'istituire delle “quote rosa”
MESSICO
22 ore
Militari messicani sconfinano per errore negli States, arrestati
Un manipolo di 14 soldati è finito brevemente in manette, «non sapevano dell'esistenza di un confine»
FOTO
SAN MARINO
22 ore
San Marino alle urne per depenalizzare l'aborto
È una delle poche nazioni in Europa dove è ancora illegale, si vota oggi dopo una battaglia politica lunga 18 anni
GERMANIA
1 gior
Oggi in Germania si decide il volto del dopo-Merkel
Che si prospetta instabile, con un testa a testa fra Laschet e Scholz che non avranno i numeri per governare da soli
ISRAELE
1 gior
Cisgiordania, scontri e morti
Le forze di sicurezza israeliane hanno ucciso almeno quattro membri di Hamas in una vasta operazione
STATI UNITI
1 gior
Deraglia l'alta velocità: tre morti nel Montana
Un treno che correva tra Chicago e Seattle è uscito dai binari. Diversi i feriti
SPAGNA
1 gior
Altre bocche, altre eruzioni: chiuso l'aeroporto di La Palma
A preoccupare, nell'immediato, è la quantità di cenere che ha ricoperto l'isola
Regno Unito
1 gior
Uccisa a coltellate mentre raggiungeva un'amica al bar
I londinesi hanno organizzato ieri sera una veglia in suo onore
PIANETA
1 gior
Chi è libero, su internet? Gli islandesi alla grande, i cinesi, invece...
Maglia nera alla Cina, in particolare per l'ampia censura
Afghanistan
1 gior
I talebani espongono sette impiccati
Non è chiaro in quali circostanze siano stati giustiziati gli uomini, se prima o dopo il loro arresto
Croazia
1 gior
Tre bambini morti strangolati, il principale sospettato è il padre
Quello che doveva essere un tranquillo weekend con i figli, è diventato un fatto di sangue
NIGERIA
2 gior
Attacco jihadista, 8 soldati uccisi
È successo nella regione del Borno, nel nord-est della Nigeria
CANADA/CINA
2 gior
Lady Huawei è tornata a casa
La direttrice finanziaria del colosso cinese era stata arrestata nel 2018 in Canada. È stata estradata
STATI UNITI
2 gior
Sgomberati tutti i migranti accampati al confine
Non c'è più nessuno sotto il ponte di Del Rio, alla frontiera messicana
STATI UNITI
2 gior
Linda Evangelista chiede 50 milioni di dollari
La top model vuole essere risarcita per il «disagio emotivo» e per le perdite economiche subite
GIAPPONE
28.04.2021 - 20:440
Aggiornamento : 20.05.2021 - 11:49

La maledizione delle Olimpiadi di Tokyo

Il 2021 è solo l'ultimo capitolo del travagliato rapporto tra i Giochi olimpici e la capitale giapponese

Gli organizzatori hanno ancora diversi nodi da sciogliere, primo fra tutti la presenza o meno del pubblico durante lo svolgimento delle gare sportive.

TOKYO - «La fiamma olimpica rimarrà accesa perché rappresenterà un faro di speranza per il mondo durante questi tempi difficili e diventerà la luce in fondo al tunnel in cui il mondo si trova attualmente». Così aveva dichiarato il presidente del Comitato olimpico internazionale Thomas Bach quando, il 24 marzo dello scorso anno, era stata presa la sofferta decisione di rinviare le Olimpiadi di Tokyo 2020.

Le prime Olimpiadi a essere state rinviate e non soppresse o sospese, come avvenuto altre volte in occasioni di importanti eventi storici. Fino all’ultimo, infatti, si era creduto di poter comunque celebrare lo spirito sportivo con l’apertura dei Giochi olimpici ma poi ci si era dovuti arrendere ad una pandemia che ha messo in ginocchio il sistema sanitario ed economico mondiale. Inizialmente il Comitato internazionale aveva preso in considerazione l’ipotesi di uno slittamento ad altro periodo, ottobre o novembre dello stesso anno, di modo da rispettare le scadenze contrattuali e le consegne già stabilite, come le abitazioni del Villaggio olimpico vendute a privati cittadini per migliaia di euro. Dopo una lunga conference call tra il primo ministro giapponese Shinzo Abe e Thomas Bach, a cui avevano partecipato anche il presidente del Comitato organizzatore Yoshiro Mori ed il ministro giapponese dei Giochi olimpici Seiko Hashimoto, è arrivato invece il temuto annuncio: «I Giochi non si terranno in estate ma nel 2021».

Le speranze riposte nel 2021
In una dichiarazione congiunta del Cio e del Comitato organizzatore di Tokyo 2020, si legge che «sulla base delle informazioni fornite oggi dall’Oms, al fine di salvaguardare la salute degli atleti, di tutti i partecipanti ai Giochi olimpici e della Comunità internazionale, i Giochi olimpici devono essere riprogrammati per una data successiva al 2020 ma non oltre l’estate 2021». La speranza era quella che, a distanza di un anno, la situazione sanitaria, a livello mondiale, potesse migliorare. Invece, dopo oltre 12 mesi dallo scoppio della pandemia, l’emergenza non può certo dirsi conclusa ma, al contrario, per l’insorgenza di nuove varianti del coronavirus e i ritardi della campagna vaccinale, la maggior parte dei Paesi, specialmente quelli più poveri, contano migliaia di nuovi contagi ogni giorno.


keystone-sda.ch / STF (Eugene Hoshiko)

Tale nuova ondata sta colpendo anche il Giappone ed il governo sta valutando l’ipotesi di dichiarare nuovamente lo stato di emergenza nelle prefetture di Tokyo, Osaka, Kyoto e Hyogo, approfittando del periodo di vacanza chiamato "Settimana d’oro" che va dal 29 aprile al 3 maggio. Questa situazione, a soli tre mesi dall’inizio ufficiale dei Giochi olimpici, complica non poco le cose. Una gran parte dell’opinione pubblica rimane contraria all’apertura delle Olimpiadi temendo un rialzo della curva dei contagi a causa dell’arrivo di atleti e delegazioni sportive provenienti da 200 Paesi del mondo. Inoltre gli organizzatori hanno ancora diversi nodi da sciogliere, primo fra tutti la presenza o meno del pubblico durante lo svolgimento delle gare sportive.

Il nodo: pubblico sì o no?
Se, da una parte, si è già vietato l’ingresso per chi arriva dall’estero, rimane da decidere se autorizzare o meno la presenza del pubblico pagante. Al vaglio ci sono diverse ipotesi tra cui limitare al 50% i posti disponibili rispetto alla capienza totale delle strutture sportive oppure vietare in toto la presenza di spettatori. Se, come detto, è la prima volta in assoluto che i Giochi olimpici vengono rinviati, spesse volte la Storia ne ha condizionato lo svolgimento. Ci sono state Olimpiadi soppresse per vie della guerra, boicottate per tensioni politiche ed anche temporaneamente sospese per eventi drammatici.


keystone-sda.ch / STF (Hiro Komae)

La "tregua olimpica" e la guerra
Da sempre le Olimpiadi simboleggiano la pace e l’amicizia tra i popoli e fin dai tempi antichi, in Grecia, era in vigore la cosiddetta "tregua olimpica", ossia un periodo in cui dovevano cessare tutte le inimicizie pubbliche e private e nessuno, anche se si trovava ad attraversare dei territori nemici per recarsi ai Giochi, poteva essere attaccato. In epoca moderna, dal 1992, in occasione di ogni Olimpiade, il Cio chiede ufficialmente alla Comunità internazionale di osservare la tregua olimpica. Da quando, nel 1896, si svolse ad Atene la prima edizione dell’Olimpiade moderna, i Giochi sono stati annullati 5 volte e sempre per cause legate allo scoppio della guerra. Il 4 luglio 1912, il Cio assegnò la sesta edizione dei Giochi moderni a Berlino e fu proprio Pierre de Coubertin ad inviare un telegramma al Kaiser Wihelm II per informarlo della scelta fatta.

Il programma olimpico venne stilato e si diede avvio a grandiosi lavori di costruzione, tra cui il Grunewald, uno stadio da 30 mila posti. Tuttavia, il 28 giugno 1914 a Sarajevo venne ucciso l’arciduca Francesco Ferdinando, successore al trono austro-ungarico, e lo scoppio della Prima Guerra Mondiale, protrattasi fino al novembre del 1918, portò alla cancellazione delle Olimpiadi di Berlino del 1916. I Giochi del 1940 vennero assegnati alla città di Tokyo dalla 36a sessione del Cio riunitasi a Berlino nel 1936. Tale assegnazione rappresentava, per il Giappone, una occasione di riscatto dopo il devastante terremoto del 1923 e dovevano altresì celebrare il 2.600° anniversario dell’incoronazione di Jimmu che, secondo la leggenda, fu il primo imperatore del Giappone.


keystone-sda.ch

Nel 1937, tuttavia, scoppiò il secondo conflitto sino-giapponese ed il 16 luglio del 1938 il membro giapponese del Cio scrisse al presidente del Comitato internazionale che «ci dispiace che le ostilità prolungate, senza prospettiva di pace immediata, significheranno la cancellazione dei Giochi di Tokyo». Le Olimpiadi estive vennero assegnate ad Helsinki mentre quelle invernali, che dovevano tenersi a Sapporo, a St.Moritz. Tali Giochi non ebbero mai luogo per via dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale che portò alla sospensione a tempo indeterminato delle attività del Cio. La 39a sessione del Comitato olimpico internazionale, tenutasi nel 1939, aveva assegnato i Giochi del 1944 a Londra ma l’Inghilterra, così come la Francia tre mesi prima, decise di unirsi alla guerra contro la Germania ed il conflitto divenne mondiale.

Quando i Giochi si macchiano di sangue
Londra ospitò i Giochi estivi del 1948 in uno scenario ancora segnato dal recente conflitto: tali Olimpiadi vennero chiamate i "Giochi dell’Austerità" e si svolsero senza la partecipazione di atleti provenienti dalla Germania e dal Giappone. Nonostante la fine di due devastanti conflitti mondiali, pur trovandosi in tempo di pace, altri Giochi olimpici sono stati pesantemente condizionati da importanti e drammatici eventi storici. Durante lo svolgimento dei Giochi estivi del 1972 a Monaco di Baviera, un gruppo terroristico palestinese chiamato "Settembre nero" fece irruzione negli alloggi degli atleti israeliani. A causa del sequestro e della successiva sparatoria per liberare gli ostaggi morirono 11 atleti ed un poliziotto tedesco, oltre che 5 fedayyin. Le Olimpiadi vennero sospese per 34 ore ma poi si decise di continuarle per lanciare un messaggio di speranza e pace tra i popoli.


keystone-sda.ch
Le bandiere a mezz'asta ai Giochi olimpici del 1972 dopo l'attentato per mano di Settembre Nero in cui furono uccisi 11 atleti israeliani e un agente di polizia tedesco.

Anche i Giochi di Atlanta del 1996 vennero macchiate dal sangue: una bomba esplose nel villaggio olimpico uccidendo 2 persone e ferendone più di 100. Anche in questo caso, però, il Comitato olimpico internazionale decise di non soccombere davanti allo spettro del terrorismo ed i Giochi ebbero regolarmente inizio.

Le Olimpiade boicottate
Discorso a parte vale per le Olimpiadi boicottate. Le prime furono quelle di Mosca del 1980. Pur con le Olimpiadi alle porte, il 24 dicembre 1979 l’Unione Sovietica decise di invadere militarmente l’Afghanistan con l’intenzione di deporre il presidente della Repubblica Democratica Afghana Hafizullah Amin e rimpiazzarlo con uno di proprio gradimento. Gli Stati Uniti pensarono ad una azione di boicottaggio mondiale e molti Paesi del blocco occidentale si accodarono a tale decisione. Gli Stati Uniti ed altre 42 nazioni decisero di non prendere parte alle competizioni dando vita ad una sorta di Olimpiade alternativa tenutasi a Philadelphia con il nome di ‘Liberty Bell Classic’. Lo stesso scenario si ripeté in occasione delle Olimpiadi di Los Angeles del 1984: 15 nazioni del blocco sovietico, capeggiate dalla Russia, decisero di boicottare i Giochi a cui invece partecipò, a sorpresa, la Repubblica Popolare Cinese dopo più di 30 anni di assenza.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 13:11:26 | 91.208.130.87