keystone-sda.ch (Yousef Allan)
Il caso del principe Hamzah deve restare nella «famiglia hashemita», su ordine di re Abdallah.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
22 min
Spari in un hotel a Phoenix: 1 morto e 7 feriti
Una lite fra due gruppi di giovanissimi è degenerata nella violenza in un noto albergo in centro
FOTO
STATI UNITI
51 min
Spari sulla festa di compleanno: 6 morti in Colorado
Strage a un evento privato a Colorado Springs, lo sparatore ha risparmiato i bambini ma si è poi tolto la vita
STATI UNITI
1 ora
La guerra dell'hamburger... che non esiste
Nessun crociata contro la carne rossa da parte dell'amministrazione Biden.
ROMANIA
10 ore
Ora ci si può vaccinare nel castello di Dracula
Questa la strategia messa in atto per cercare di vaccinare sempre più persone
STATI UNITI
13 ore
Maxi sequestro di armi nel Mare Arabico
Lo ha compiuto la Marina statunitense, in corso le indagini per conoscere la destinazione del carico
STATI UNITI
13 ore
La Nasa bacchetta la Cina per il rientro del razzo nell'atmosfera
«È chiaro che non riesce a soddisfare gli standard responsabili per quanto riguarda i detriti spaziali» dice Bill Nelson
AFGHANISTAN
14 ore
Attacco a Kabul, i morti sono 63
Il bilancio potrebbe ulteriormente aggravarsi: i feriti sono 150
STATI UNITI
14 ore
Oltre 45'000 volontari per uccidere 12 bisonti
È l'esito di un concorso di caccia per ridurre il numero di bisonti nel Grand Canyon statunitense
REGNO UNITO
16 ore
Il principe Michael di Kent «aiuta le aziende ad entrare in Russia»
Il Sunday Times denuncia uno «scandalo» che coinvolge il cugino della Regina
GERMANIA
17 ore
Al via da oggi i "privilegi" per i vaccinati
Non dovranno sottostare più al coprifuoco né ai limiti di numero per gli incontri privati
VIDEO
FRANCIA
17 ore
Notte di guerriglia urbana a Frejus
Tre agenti sono rimasti leggermente feriti, auto bruciate e negozi vandalizzati
UNIONE EUROPEA
18 ore
L'Ue non rinnova il contratto con AstraZeneca
L'accordo con l'azienda anglo-svedese prosegue fino a giugno, poi «vedremo cosa succederà»
FOTO
SPAGNA
19 ore
Via lo stato d'emergenza: per alcuni è gioia, per altri ansia
Revocato il coprifuoco in buona parte del Paese: molti sono scesi in piazza, ma per alcuni saranno giorni complicati
GIORDANIA
05.04.2021 - 20:440
Aggiornamento : 22:04

Abdallah ha deciso: i panni sporchi si lavano in famiglia

Il sovrano ha deciso di affidare la questione del principe Hamzah bin Hussein allo zio Hassan bin Talal

AMMAN - Re Abdallah di Giordania ha imposto la linea della mediazione: il caso del principe Hamzah deve restare nella «famiglia hashemita». La decisione è arrivata dopo che il principe ribelle in una conversazione diffusa su Twitter aveva annunciato che non si sarebbe arreso e che non avrebbe "obbedito" agli ordini militari.

Re Abdallah - ha spiegato l'agenzia Petra - ha deciso «di affrontare la questione del principe Hamzah bin Hussein nell'ambito della famiglia hashemita» affidando la vicenda a suo zio, Hassan bin Talal. E, secondo la Petra, Hamzah ha «confermato di aderire all'approccio della famiglia e al percorso» individuato dal sovrano. La linea del Re è stata dunque quella del compromesso per mettere a tacere una crisi, dai contorni di una saga familiare, dagli effetti imprevedibili.

Lo strappo diventa pubblico

La mossa di Hamzah (41 anni) - accusato di aver attentato alla «sicurezza e alla stabilità del Paese» - è sembrata quella di voler portare in pubblico, su Twitter, lo strappo con la famiglia reale giordana. Un fatto senza precedenti nella storia della monarchia hashemita che pure ha visto momenti di tensione al suo interno. Ma la scena internazionale - dalla Ue ai Paesi del Golfo, da Israele ai palestinesi e alla Lega Araba - si è schierata con re Abdallah alla guida di un paese chiave per la stabilità della regione e anche per gli equilibri mondiali.

Scegliendo con cura le parole, il principe - che in precedenti video aveva subito difeso la propria condotta a fronte della «corruzione e dell'incompetenza» in cui, a suo dire, si trova il Paese - ha detto nel suo nuovo messaggio di non voler provocare ora «una escalation».

Al tempo stesso ha affermato con forza che «ovviamente» non avrebbe obbedito agli ordini impartiti dal capo dell'esercito generale Youssef Huneiti che gli aveva intimato di non essere «autorizzato a uscire, a twittare, a comunicare con le persone» e che gli è permesso «solo di vedere la famiglia». «Penso - ha denunciato nel messaggio su Twitter - che sia un po' inaccettabile». A difesa di Hamzah sono scese in campo le sue donne. La madre, la regina Noor, quarta moglie (di origine americana) del defunto re Hussein, e la moglie principessa Basmah Bani Ahmad. «Una calunnia malvagia» ha twittato Noor, aggiungendo di pregare che «la verità e la giustizia prevalgano».

La promessa di fedeltà

Secondo una nota diffusa dal Palazzo reale di Giordania, Hamzah avrebbe promesso di «restare fedele» al fratellastro. «Resterò fedele all'eredità dei miei antenati, a Sua Maestà (il re) e al suo principe ereditario e mi metterò a loro disposizione», avrebbe scritto il principe in una lettera.

Il complotto

La vicenda del complotto contro re Abdallah - come è stato definito - ha incupito ancora di più la Giordania già preda di una difficile situazione economica aggravata da una seria diffusione del Covid-19. Gli arresti di 14-16 persone, oltre due importanti dignitari di corte e il coinvolgimento di Hamzah, hanno scosso Amman e si sono riverberati oltre i confini nazionali.

L'atto di accusa pronunciato dal vice premier (e ministro degli esteri) al-Safadi per spiegare l'intervento anti complotto ha messo in risalto «contatti con entità straniere». Inoltre - ha specificato al-Safadi - Hamzah ha «distorto i fatti» e cercato di mobilitare «leader dei clan» contro il governo. Poi l'accusa a Basmah, la moglie del principe: ha avuto contatti con «una persona con collegamenti a servizi di sicurezza stranieri». La persona in questione - ha riportato il sito Walla - è l'imprenditore israeliano Roy Shaposhnik che, tuttavia, ha smentito ogni sua appartenenza al Mossad ed ha ammesso solo di aver proposto al principe, come amico di famiglia di vecchia data, un aereo per far uscire fuori del Paese la moglie e i figli.

L'appoggio internazionale

Difficile pensare - hanno sottolineato analisti - che Hamzah possa scuotere le fondamenta della monarchia hashemita che ha l'appoggio dell'esercito e della sicurezza. Ma il principe ribelle - hanno aggiunto - potrebbe essere un catalizzatore di simpatie anti-sistema, specie in una fase complessa. La Ue - il presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen arriverà mercoledì prossimo ad Amman - ha dato pieno sostegno al re e «al suo ruolo di moderazione nella regione». Lo stesso il presidente Abu Mazen: «L'intero mondo, senza eccezioni» si schiera «a fianco di Sua Maestà», ha detto l'esponente palestinese che proprio oggi ha fatto tappa ad Amman, prima di recarsi in Germania per visite mediche definite «di routine».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-10 07:43:36 | 91.208.130.89