REUTERS
In Francia sono in corso i test per un test rapido che promette di essere più affidabile e veloce.
FRANCIA
23.02.2021 - 23:320

Un test rapido che promette di essere ancora più veloce e accurato (grazie ai cammelli)

La prima fase di test ha fornito risultati di poco inferiori a quelli del tampone molecolare, ma in soli 10 minuti

VILLENEUVE-D'ASCQ - Un gruppo di ricercatori francesi è al lavoro su un nuovo test rapido per individuare il coronavirus, che promette di essere più veloce e preciso di quelli in circolazione.

Affidabile quasi quanto un molecolare - Il prototipo, chiamato CorDial-1, non ha ancora ricevuto il via libera dalle autorità competenti, spiega l'agenzia stampa Reuters, ma la fase di test avrebbe dato risultati promettenti: l'analisi di 300 campioni effettuati avrebbe mostrato un tasso di accuratezza del 90% rispetto al tampone molecolare, il metodo più accurato a disposizione per individuare il contagio da coronavirus.

Risultati in 10 minuti - CorDial promette di fornire i risultati entro 10 minuti e può essere usato al di fuori da un laboratorio, spiegano i ricercatori. È il frutto di un progetto che vede impegnati l'Università di Marsiglia, quella di Lilla e il Centro nazionale francese per la ricerca scientifica. Se confermata, l'affidabilità di questo metodo potrebbe sconfiggere i dubbi - espressi da più parte - sull'attendibilità dei test rapidi.

Gli anticorpi dei camelidi - Come funziona CorDial-1? Si basa sui nanobodies, ovvero anticorpi a dominio singolo, della famiglia dei camelidi, ovvero mammiferi come il lama, l'alpaca, il cammello e il dromedario. Questi anticorpi, che sarebbero più stabili di quelli di altre creature animali, vengono innestati sulla superficie di un elettrodo e, quando entrano in contatto con la proteina spike del Sars-CoV-2, interagiscono con essa fino a produrre una variazione della corrente elettrica attraverso l'elettrodo. A questo punto basta collegare CorDial-1 a uno smartphone per visualizzare il mutamento su un grafico. «A dipendenza dell'altezza del segnale, si può dire se sei positivo o negativo al coronavirus» ha spiegato la ricercatrice Sabine Szunerits.

La prossima fase di test prevede una prova di tre mesi su oltre 1000 soggetti.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-10 13:08:07 | 91.208.130.86