Keystone
Il ricovero forzato avverrebbe nei casi più estremi di mancato rispetto della quarantena o dell'isolamento (nella foto d'archivio: poliziotti informano i viaggiatori che entrano in Germania sulle regole della quarantena)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO
MESSICO
2 ore
La barriera anti-vandali diventa un memoriale per le vittime di femminicidio
I nomi di centinaia di donne uccise nel 2020 hanno trasformato la recinzione metallica attorno al Palazzo nazionale
STATI UNITI
2 ore
Un nuovo studio sulle varianti: «Sfuggono agli anticorpi monoclonali»
I ricercatori spingono quindi per «rivedere le terapie» e «svilupparne di nuove»
BRASILE
2 ore
Lula scagionato, potrà correre contro Bolsonaro
La sentenza è arrivata oggi. Anche se l'ex-presidente non si è ancora pronunciato, c'è chi ci spera
FOTO
SVEZIA
5 ore
Stufi di un lockdown che non c'è
Sabato scorso, circa 600 persone hanno manifestato nel centro di Stoccolma. Una prima nel paese scandinavo
ITALIA
5 ore
Un treno fra Roma e Milano che non lascia salire il Covid
Tampone prima di salire, e cordone sanitario, ma bisognerà arrivare in stazione un'ora prima. L'idea in vista dell'estate
FOTO
STATI UNITI
6 ore
Processo ritardato per l'assassino di George Floyd
Uno dei capi d'imputazione (il più importante) potrebbe cambiare. Intanto fuori dal tribunale sfilava #blacklivesmatter
STATI UNITI
8 ore
Nuove regole per i vaccinati
Concesse alcune visite senza mascherina né distanziamento sociale
ITALIA
8 ore
Covid, l'Italia supera i 100'000 morti
La seconda ondata ha già provocato nella Penisola il doppio delle vittime rispetto alla prima
ITALIA
8 ore
Bolzano, fu il figlio a strangolare i genitori e gettarli nell'Adige
Reo confesso, il 30enne chiude un caso
SIRIA
9 ore
Assad e la moglie hanno preso il Covid
La coppia «è in buona salute» e si isolerà per tre settimane
SENEGAL
10 ore
Liberato il leader dell'opposizione Sonko
Il governo si era preparato al primo dei tre giorni di proteste minacciati domenica, mettendo i blindati nelle strade
UNIONE EUROPEA
10 ore
«Lo Sputnik V? Come la roulette russa»
Christa Wirthumer-Hoche ha dichiarato che non ci sono ancora dati sufficienti per l'autorizzazione
REGNO UNITO
11 ore
«Fuga dalla Brexit», dove scappano le società?
Molto bene Dublino e Lussemburgo, malissimo Milano
REGNO UNITO
13 ore
«Buckingham Palace deve indagare a fondo»
Il Labour chiede un'indagine interna sulle rivelazioni di Meghan e Harry: «Questione da trattare con la massima serietà»
GERMANIA
17.01.2021 - 20:170
Aggiornamento : 18.01.2021 - 07:22

Coronavirus: in Germania si pensa a strutture centralizzate per il ricovero forzato per chi non rispetta la quarantena

Diversi Länder tedeschi stanno valutando questa opzione.

Nel vicino Baden-Württemberg saranno «sempre sorvegliate».

BERLINO - Con un'incidenza su sette giorni di 136 nuovi casi d'infezione ogni 100mila abitanti, i Länder tedeschi studiano nuove misure per costringere i propri cittadini al rispetto delle norme anti Covid-19. Tra di esse figura anche la creazione di strutture centralizzate per il ricovero forzato destinate ai recidivi della violazione dell'obbligo di quarantena o d'isolamento.

Come riferisce la Welt am Sonntag, almeno quattro dei sedici Stati federali tedeschi stanno valutando l'idea. 

Il Baden-Württemberg, al confine con la Svizzera, conferma per bocca di un portavoce la volontà di andare in questa direzione. Questi «luoghi d'isolamento», spiega, sarebbero «continuamente controllati da un servizio di sorveglianza». A tale scopo il Land avrebbe già selezionato due cliniche.

Lo Schleswig- Holstein medita invece di raccogliere i cittadini mostratisi a più riprese irrispettosi dell'ordine di quarantena o d'isolamento sui terreni di un penitenziario giovanile a Neumünster, fanno sapere fonti del parlamento locale al domenicale tedesco. La detenzione sarebbe però preceduta da un avvertimento della polizia.

Pensano infine a una struttura centralizzata anche il Brandeburgo e la Sassonia, che per il momento, per i casi più estremi, si appoggiano a ospedali o altre «istituzioni appropriate». Lo rivelano fonti dei rispettivi ministeri della Sanità.

La capitale Berlino non esclude dal canto suo la possibilità di ricoveri forzati, «per esempio anche in un ospedale». Amburgo si limita invece a confermare che, in caso di necessità di un ricovero forzato, sussistono diverse possibilità. In Assia una struttura per il ricovero forzato è stata chiusa perché scarsamente utilizzata.

La Baviera, infine, segue la linea di dialogo (seppur muscolare) con la popolazione. Chi trasgredisce all'obbligo di quarantena o d'isolamento riceve un «energico avvertimento», spiega il locale ministero della Sanità, che precisa che anche le minacce di «isolamento forzato e multe» sono molto efficaci. Qui, il ricovero forzato è visto solo come un'extrema ratio e avverrebbe comunque «in ospedali chiusi o parti chiuse» degli stessi sotto responsabilità dei Comuni.

Al momento sono infatti questi ultimi che, di regola, si occupano in maniera decentralizzata e autonoma di far rispettare l'obbligo di quarantena o isolamento. Ciò avviene per mezzo di avvertimenti, multe salate e - come già oggi accade in casi estremi - con ricoveri forzati. I quattro Länder citati vorrebbero al contrario centralizzare questo compito.

La quarantena è la misura imposta a chi abbia avuto un contatto stretto con una persona dichiarata positiva al nuovo coronavirus o chi rientri da Paesi o aree a rischio. L'isolamento interessa invece i casi confermati. Entrambi prevedono il divieto generale di lasciare la propria abitazione o l'alloggio in cui ci si trova. Nel caso dell'isolamento impongono inoltre di mantenere le distanze dalle persone con cui si convive, ove possibile isolandosi in una stanza dedicata, e applicare precauzioni d'igiene rafforzata.

Al momento in Germania si contano circa 315mila casi attivi d'infezione da SARS-CoV-2, ossia almeno altrettante persone in isolamento o ricoverate.   

  

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 mese fa su tio
Avete fallito, siatene consapevoli
fapio 1 mese fa su tio
Se fosse in CH sarebbero ben pieni...
Rusky 1 mese fa su tio
assurdo torna la selezione ?!
seo56 1 mese fa su tio
Bene 👍🏼👏🏻
Fester 1 mese fa su tio
Paragonare queste strutture ai lager è scrivere da ignoranti...
Galium 1 mese fa su tio
@Fester 👏👏👏
Galium 1 mese fa su tio
Provvedimenti assolutamente condivisibili
Veveve 1 mese fa su tio
Ormai si è persa la ragione...😱
Dani 1 mese fa su tio
Una soluzione alla tedesca.... Qualche dubbio, forse meglio adottare strategie diverse
Um999 1 mese fa su tio
Un settantennio in dietro si chiamavano lagere questi posti, oggi i politici non si indignano più? E a quanto pare neanche i cittadini. Che schifo di dittatura
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-09 02:33:40 | 91.208.130.86