Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
6 ore
«Al-Qaida può attaccare gli Usa nel giro di un anno»
I vertici militari americani sotto torchio sul ritiro delle truppe dall'Afghanistan
STATI UNITI
6 ore
Innesca un incendio e spiega: «Cercavo di bollire dell'urina di orso»
Le autorità pensano che la 30enne possa essere una piromane seriale
SVEZIA
7 ore
Göteborg, il sospetto di un ordigno esplosivo
Il bilancio dei feriti si è aggravato: sono quattro, la loro vita non dovrebbe essere in pericolo
SPAGNA
8 ore
Dal fiume Nervión una ragazza che annega
Si tratta di un'installazione artistica per sensibilizzare sulla crisi climatica
ITALIA
10 ore
Due operai trovati morti nel deposito dell'azoto liquido
È successo alla clinica Humanitas di Rozzano, ancora poco chiara la causa all'origine dell'incidente
STATI UNITI
10 ore
Il killer della strage nelle spa: «Non colpevole»
La procuratrice, lo ricordiamo, intende chiedere la pena di morte per Robert Aaron Long
GIAPPONE
10 ore
Tartaruga sulla pista: aerei in ritardo
Tra gli aerei rimasti a terra più del dovuto vi era anche un Airbus A380 decorato come una tartaruga
EGITTO / ITALIA
11 ore
Zaki, nuovo rinvio al 7 dicembre
«La campagna per liberarlo continua» afferma Amnesty International
STATI UNITI
12 ore
R. Kelly condannato, il sollievo delle vittime
«Sono pronta per iniziare a vivere la mia vita libera dalla paura» ha dichiarato una di esse
ITALIA
13 ore
Controllo del Green Pass: 236 violazioni
Cinque persone sono state denunciate per aver utilizzato un certificato di un'altra persona, o un test Covid falso
STATI UNITI
03.11.2020 - 23:460

Il mondo con gli occhi puntati sugli Stati Uniti

Umori e speranze tra la gente di Filadelfia e di Washington a poche ore dall'elezione del nuovo leader del Paese.

di Redazione
Manuela Cavalieri e Donatella Mulvoni

WASHINGTON - Sono più di 100 milioni di americani che hanno già espresso la loro preferenza grazie all’early voting. La pratica del voto anticipato ha registrato numeri record quest’anno. Certo, tanti hanno giocato d’anticipo per paura delle lunghe file che avrebbero dovuto affrontare, con conseguenti rischi di assembramento. In realtà, oltre alla paura del contagio da coronavirus, le persone si sono mobilitate in massa perché dalla costa est, alla costa ovest del Paese, gli americani hanno vissuto queste elezioni come le più importanti di sempre. Mesi di campagna elettorale hanno messo in luce una Nazione profondamente divisa. Due anime terrorizzate: quella democratica di dover subire altri quattro anni di quello che definiscono il “presidente più catastrofico della storia”, i repubblicani di dover essere governati da Joe Biden, disprezzato e accusato di voler togliere loro ogni libertà, a partire da quella di pensiero. 

In Pennsylvania

In uno stato importante come la Pennsylvania, fondamentale perché in bilico fino agli ultimi giorni prima del voto, bastava guidare per le cittadine periferiche di Filadelfia, per sondare gli umori. Quasi in ogni casa, in giardino il cartello con il nome del candidato preferito. Una lotta importante quella che si è svolta nella periferia, perché le donne che furono decisive nel 2016 per consegnare la vittoria dello Stato a Trump, e quindi la presidenza, hanno in parte cambiato idea. “Io ho votato dem, la mia vicina di casa, come puoi vedere dai cartelli, ha scelto i repubblicani - ci racconta Marie, nella contea di Chester - Tutta la nostra cittadina è in fermento da mesi, al supermercato, dal parrucchiere o a tavola, il tema è sempre stato il prossimo presidente degli Usa”. Tante persone che non si erano mai occupate di politica, si sono mobilitate, mossi tutti da diversi fattori: la pandemia, la disoccupazione, le necessità legate all’assistenza sanitaria, le discriminazioni razziali.

A Filadelfia

Proprio quest’ultimo punto ha fatto schizzare la partecipazione soprattutto dei giovani a Filadelfia, considerata una polveriera per le proteste nate dopo l’uccisione di un afroamericano proprio pochi giorni prima del voto. “Se vogliamo contare e cambiare, dobbiamo votare”, dicono Mike e Luke, durante una manifestazione al Malcom X park, a ovest della città. Di diverso umore i giovani che appoggiano il repubblicano: “Sono sicura che Trump vincerà, se non dovesse accadere è solo perché i democratici hanno imbrogliato”, dice sicura Emily che ci racconta di aver partecipato a uno degli ultimi comizi di Trump nello stato.

A Washington

Clima teso nella capitale, Washington DC. La città è sotto i riflettori da settimane. Il perimetro della Casa Bianca è stato letteralmente recintato. I timori di disordini restano alti. È qui che Donald Trump ha programmato un party esclusivo con 400 ospiti in caso di vittoria. Annullato quello nella sua proprietà, il Trump International Hotel. In città si registra l’arrivo di estremisti di destra come di sinistra. Il rischio di un cortocircuito in caso di vittoria rossa o blu, resta altissimo. In centro sono numerosi i negozianti che hanno preferito chiudere gli esercizi commerciali oppure sbarrare le vetrine con robuste tavole di truciolato. Intanto la folla continua a crescere a Black Lives Matter Plaza, sulla sedicesima strada, a pochi passi dalla Casa Bianca. C’è chi canta, chi prega, chi urla slogan. Tutti aspettano con il cuore in gola il nome del vincitore. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Anna 74 10 mesi fa su tio
voglio trump
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-29 03:03:22 | 91.208.130.85