KEYSTONE
Il ponte di Brooklyn
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Trombosi: gli USA mettono in pausa il vaccino Johnson & Johnson
La decisione arriva in seguito a sei casi di formazione di «coaguli di sangue», uno dei quali ha portato a un decesso
MONDO
1 ora
OMS: «Stop alla vendita di animali selvatici vivi»
«...Almeno fino a quando non siano regolati degli standard minimi di igiene e sorveglianza»
AUSTRIA
2 ore
«Sovraccarico di lavoro», si dimette il Ministro della Sanità
«Non ho più energie» ha detto il 60enne Rudolf Anschober
REGNO UNITO
3 ore
Gli over 50 sono vaccinati, ora tocca ai 45enni
Si è conclusa in leggero anticipo la prima fase della campagna nazionale
FOTO
REGNO UNITO
4 ore
La prima sera al pub dopo mesi: «È stato eccitante»
Locali affollati dopo lo stop di quasi 100 giorni a causa delle restrizioni Covid
GIAPPONE
6 ore
Fukushima, le acque contaminate saranno sversate in mare
Il governo di Tokyo ha confermato la decisione. Lo smaltimento inizierà nell'arco di due anni
FOTO
STATI UNITI
6 ore
La poliziotta voleva usare il Taser, ma ha preso la pistola
Le autorità del Minnesota hanno ricostruito la dinamica dell'intervento che è costato la vita a Daunte Wright.
BHUTAN
8 ore
Il 93% degli adulti vaccinati in 16 giorni: lo sprint del Bhutan
Nel piccolo stato asiatico le vaccinazioni anti-Covid hanno preso il via il 27 marzo
STATI UNITI
15 ore
Sparatoria in un liceo nel Tennessee: un morto
Un agente addetto alla sicurezza dell'istituto è invece rimasto ferito
AUSTRALIA
16 ore
Niente prima dose per tutti entro ottobre
Il governo Morrison ha rivisto l'obiettivo per la campagna vaccinale
MONDO
17 ore
In Europa oltre un milione di morti per il Covid
L'Europa è l'area più colpita del mondo davanti ad America Latina e Nord America
SPAGNA
17 ore
Coronavirus: aumento dei casi in Spagna, “effetto Settimana Santa”
La trasmissione del virus è attualmente «più lenta» grazie all'effetto dei vaccini e di alcune restrizioni
STATI UNITI
04.10.2020 - 20:360
Aggiornamento : 22:44

Torna il lockdown, da New York a Parigi

Chiuse scuole e attività «non essenziali» in otto quartieri della Grande Mela.

A Marsiglia e nella capitale francese coprifuoco per bar e ristoranti. E anche in Inghilterra e Israele la situazione è critica

NEW YORK - Il mondo che conta ormai 35 milioni di contagi dall'inizio della pandemia, cerca di correre ai ripari mentre la nuova ondata del coronavirus fa registrare, di giorno in giorno, nuove impennate dei casi. Con le grandi capitali simbolo del pianeta che impongono via via misure sempre più restrittive.

A cominciare da New York dove da mercoledì scatterà, in nove quartieri, un vero lockdown. Mentre l'America segue con il fiato sospeso le condizioni di salute del presidente Trump, infettato dal Covid, ad annunciare la stretta nella Grande Mela è stato il sindaco Bill De Blasio spiegando che saranno le zone di Brooklyn e Queens, focolai dei nuovi casi, a chiudere.

E anche Parigi stringe le maglie: a fronte dell'impennata dei casi (17 mila quelli nuovi registrati ieri in Francia) e la mancanza di un inversione della curva nella capitale e nell'Ile-de-France domani si passerà in "zona di allerta massima", color "scarlatto" invece dell'abituale rosso. Con la chiusura dei bar.

Segnali chiari che la seconda ondata del virus fa paura ormai quanto la prima. E potrebbe durare: «La strada può essere ancora accidentata, fino a Natale e oltre», ha messo in guardia Boris Johnson, primo ministro di un Paese, il Regno Unito, che continua a vedere impennarsi le curve epidemiologiche. L'ultimo dato, riferito a sabato, parla di un record 12'800 nuovi contagi in Gb anche se la cifra è difficilmente interpretabile con le medie dei giorni precedenti (circa 7 mila nuovi contagi ogni 24 ore) perché nel conteggio sono stati inclusi anche casi che non erano stati registrati nell'ultima settimana. Una situazione di allerta che continua a riguardare anche Israele dove il premier Benjamin Netanyahu valuta la possibilità di estendere il lockdown che scade il 14 ottobre.

Tornando in Francia, due settimane dopo la stretta che ha imposto a Marsiglia la chiusura generale di bar e ristoranti e a Parigi quella anticipata alle 22, il progredire apparentemente inarrestabile dei contagi, unito all'aumento di ricoveri e di occupazione di letti in rianimazione, ha costretto le autorità a tornare alle dolorose chiusure anche a Parigi. La rivolta dei ristoratori di Marsiglia non dovrebbe ripetersi a Parigi, anche perché i gestori di brasserie e bistrot hanno presentato al governo un proprio protocollo che - qualora riuscissero ad evitare di abbassare la saracinesca - si impegnano a rispettare: raccolta di nomi e indirizzi dei clienti, misurazione della febbre ad ogni avventore, tetto massimo di 8 coperti per ogni tavola.

Già giovedì scorso, sui criteri presi in considerazione dalle autorità sanitarie per definire il colore di un territorio sulla cartina di Francia, si erano accese tutte le spie nella regione di Parigi: il tasso di incidenza oltre la barra dei 250 casi per 100'000 abitanti, precisamente a 261; il tasso di occupazione di letti nelle rianimazioni da parte dei pazienti Covid-19 al 34,8% quando la soglia di allerta è fissata al 30%; infine, il tasso di incidenza del contagio per gli over 65 ben oltre la soglia critica di 100.

Il ministro della Salute, Olivier Véran - facendo digrignare i denti a sindaci e ristoratori della regione di Marsiglia costretti a chiudere dalla settimana scorsa - aveva concesso alla capitale altri 4 giorni per verificare la stabilità di questa tendenza al peggio. Non sono arrivate cifre a contraddire il trend in atto, quindi da domani mattina scatterà il giro di vite, dopo consultazione stasera con la sindaca Anne Hidalgo. La stessa prima cittadina, pur riconoscendo che la situazione è «molto grave» nella capitale, ha detto che «nulla è ancora deciso, si sta ancora discutendo». L'imput che Emmanuel Macron ha dato al governo è quello di continuare sempre, ove possibile, a tenere tutto aperto ed in funzione, ricorrendo alle misure di chiusura che penalizzano la società intera soltanto in casi estremi.

Quanto alla reazione dei parigini, il governo sembra almeno confortato da un sondaggio Elabe per BFM-TV secondo il quale il 61% degli abitanti dell'Ile-de-France sono favorevoli a una chiusura completa dei bar. Quanto ai ristoranti, il governo ha ceduto il passo al Consiglio scientifico, l'Authority che domani annuncerà se il protocollo autogestito dei ristoratori per rimanere aperti sia accettabile, almeno per qualche giorno.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-13 14:34:45 | 91.208.130.89