Keystone
REGNO UNITO
16.07.2020 - 12:290
Aggiornamento : 12:52

Corte dà ragione alla "sposa dell'Isis": può tornare nel Regno Unito

Shamina Begum era fuggita in Siria quando aveva 15 anni

LONDRA - Il Regno Unito deve autorizzare il rientro in patria di Shamima Begum, ventenne 'sposa dell'Isis', fuggita da Londra 15enne con due coetanee nel 2015 per unirsi ai miliziani del Califfato in Siria per poi essere catturata e finire in un campo profughi della zona.

Lo ha stabilito oggi la Corte d'Appello dando ragione al ricorso presentato dalla sua famiglia contro la revoca della cittadinanza britannica decisa d'autorità nei suoi confronti nel febbraio 2019 da Sajid Javid, allora ministro dell'Interno del governo di Theresa May.

Il rientro resta peraltro congelato al momento, poiché l'Home Office (il dicastero dell'Interno) ha già preannunciato appello di fronte alla Corte Suprema. «Quella di oggi è un verdetto molto deludente, faremo istanza d'appello e il provvedimento (di revoca della cittadinanza) manterrà i suoi effetti» sino al giudizio finale, ha detto un portavoce ministeriale. «La priorità assoluta del governo resta quella di garantire la sicurezza nazionale e di proteggere i cittadini».

La sentenza è stata invece accolta con favore dall'avvocato di Shamima Begum, Daniel Furner, secondo il quale essa rappresenta «un memento del fatto che i diritti fondamentali» di una cittadina britannica «non si estinguono anche se questa si sposta all'estero o se ci sono accuse gravi contro di lei».

Sollievo è stato espresso pure dall'organizzazione per i diritti umani Liberty, che ha assistito la famiglia nella causa.

Il governo conservatore aveva invocato a sostegno del provvedimento la norma del diritto internazionale che consente di revocare la cittadinanza a persone che siano in grado di ottenerne un'altra: sostenendo che Begum, pur nata e cresciuta in Gran Bretagna, avrebbe potuto diventare cittadina del Bangladesh grazie a sua madre. La famiglia ha tuttavia replicato che la giovane non ha mai vissuto nel Paese asiatico, mentre le autorità bengalesi hanno escluso di poterle dare il passaporto.

A suo tempo la decisione del governo May era stata contestata pubblicamente solo dall'allora leader laburista, Jeremy Corbyn, e da pochi altri esponenti d'opposizione o di maggioranza, stando ai quali Shamima avrebbe dovuto essere indagata ed eventualmente processata nel Regno per i suoi legami con l'Isis, ma non privata del diritto al rimpatrio. L'ex 'sposa di Allah' ha rilasciato nel 2019 una serie d'interviste, nelle ultime delle quali si è detta infine pentita. Ha inoltre partorito un bebè, avuto da un ex miliziano, che secondo alcune fonti sarebbe morto oltre un anno fa fra gli stenti del campo profughi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-27 04:33:06 | 91.208.130.85