keystone-sda.ch / STF (JEROME FAVRE)
Mike Pompeo attacca la nuova legge sulla sicurezza a Hong Kong, ma la governatrice Carrie Lam la difende.
CINA / STATI UNITI
07.07.2020 - 08:370
Aggiornamento : 10:22

Pompeo: «A Hong Kong censura orwelliana»

La legge sulla sicurezza non è una «sventura», ha dichiarato la governatrice Carrie Lam

HONG KONG - Il capo della diplomazia americana Mike Pompeo ha denunciato ieri sera l'atto di «censura orwelliana» dopo che il governo di Hong Kong ha ordinato alle scuole di rimuovere i libri che potrebbero violare la legge sulla sicurezza imposta da Pechino la scorsa settimana.

«Mentre l'inchiostro è ancora fresco sulla repressiva legge sulla sicurezza nazionale, le autorità locali - in un atto orwelliano - hanno iniziato a rimuovere i libri critici al Partito comunista cinese (Pcc) dagli scaffali delle biblioteche, a vietare gli slogan politici e a chiedere alle scuole d'imporre la censura», ha dichiarato il segretario di Stato americano in una nota, aggiungendo: «Continua la distruzione da parte del Pcc di una Hong Kong libera».

La difesa della nuova legge - Nel frattempo la governatrice di Hong Kong Carrie Lam ha difeso la nuova legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino sull'ex colonia, non ritenendola una «sventura» e dicendosi certa che avrebbe aiutato a ripristinare fiducia e stabilità. Nella conferenza stampa del martedì prima di riunire il suo gabinetto, Lam ha assicurato che la legge sarà «applicata con vigore. Avverto quei radicali (è stato il monito verso gli attivisti e le proteste, ndr) di non tentare di violarla o di attraversare la linea rossa perché le conseguenze previste sono molto gravi». Diritti e autonomia «sono tutelati».

Lam ha negato le accuse contro la legge e i rischi per le libertà. «Sicuramente non è una sciagura. Sono sicura che con il passare del tempo, la fiducia crescerà nel modello 'un Paese due sistemi' e nel futuro di Hong Kong», ha osservato quanto allo schema che regola i rapporti tra i governi locale e centrale e che consente a Hong Kong di mantenere la sua ampia autonomia.

La legge sulla sicurezza nazionale è il cambiamento più forte da quando la città è stata restituita alla Cina dalla Gran Bretagna nel 1997. La norma sanziona, infatti, quattro tipi di reati: sovversione, secessione, terrorismo e collusione con forze straniere e dà alla Cina la giurisdizione in alcuni casi particolarmente gravi. Analisti, legali e nazioni occidentali hanno criticato le categorie particolarmente generiche che vanno a colpire anche molte opinioni pacifiche di dissenso.

Molti residenti e attivisti dell'ex colonia hanno ripulito i loro account sui social media, mentre aziende, biblioteche, librerie e scuole hanno rimosso parole di sostegno ai movimenti pro-democrazia e libri incriminabili dalla nuova censura.

Lam ha respinto le accuse di allarme e ha affermato che la normativa vuole proteggere le libertà della maggioranza: «Non ho visto paure diffuse tra la gente nell'ultima settimana. Questa legge sulla sicurezza nazionale, nel confronto con altre analoghe di altri Paesi, è in realtà relativamente mite».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-01 06:00:32 | 91.208.130.89