Archivio Keystone
MONDO
17.06.2020 - 15:140

L'OMS lancia l'allarme sull'inquinamento dell'aria

L'Organizzazione ha stimato che oltre 4 milioni di morti l'anno possono essere attribuiti all'inquinamento dell'aria

Il 50% della popolazione globale sarebbe esposto all'inquinamento

LONDRA - Nonostante gli sforzi per migliorare la qualità dell'aria, metà della popolazione mondiale è esposta a un crescente inquinamento atmosferico. India e gran parte dell'Africa centro-settentrionale sono le zone in cui fra il 2010 e il 2016 è avvenuto l'aumento più importante.

Lo indica lo studio pubblicato sulla rivista Climate and Atmospheric Science dall'università dell'Exeter con l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Anche se le politiche di lungo termine per ridurre l'inquinamento «si sono mostrate efficaci in molte aree, soprattutto in Europa e Stati Uniti, ci sono ancora regioni dove i livelli sono pericolosamente alti, cinque volte superiori a quelli raccomandati dall'Oms, e in alcuni Paesi continuano ad aumentare», commenta Gavin Shaddick, coordinatore dello studio. L'Oms ha stimato che oltre 4 milioni di morti l'anno possono essere attribuite all'inquinamento dell'aria.

Tra le principali fonti di particolato fine c'è l'uso inefficiente dell'energia nelle case, nell'industria, l'agricoltura, i trasporti e gli impianti alimentati a carbone. In alcune regioni si aggiungono anche la sabbia e polvere del deserto, la combustione dei rifiuti e la deforestazione. Anche se l'inquinamento colpisce in modo simile i Paesi ricchi e poveri, sono questi ultimi a sopportare il carico maggiore, con le concentrazioni più alte in Asia.

Nello studio, i ricercatori hanno esaminato l'andamento della qualità dell'aria globale tra il 2010 e 2016, in un contesto generale di sforzi per ridurlo con politiche di breve e lungo periodo, analizzando i dati di monitoraggio terrestre, satellitari e chimici. «Anche se è difficile quantificare in modo preciso l'impatto di politiche specifiche - conclude Shaddick - unire i dati sugli interventi con l'andamento globale, regionale e locale dell'inquinamento dell'aria può dare informazioni essenziali per le future politiche di monitoraggio».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Güglielmo 1 anno fa su tio
Ma va? Che notiziona...
francox 1 anno fa su tio
Eppure c'è ancora gente che dice che non è vero, che nessuno muore di inquinamento. Incredibile ma vero.
sedelin 1 anno fa su tio
intanto si continua a preoccuparsi per un microbo innocuo.
Giovanii 1 anno fa su tio
@sedelin Tu continua ad inquinare che vai bene.
Mah916 1 anno fa su tio
Ma c'e' ancora qualcuno che pubblica notizie provenienti da OMS... Domani potrebbero ritrattare... e comunque si citano sempre fonti o studi, se esistono che le pubblichino e basta!
Blobloblo 1 anno fa su tio
Questa è un emergenza, altro che Covid!!!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-29 03:04:12 | 91.208.130.89