Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
UNIONE EUROPEA
27 min
Ema, la revisione della pillola anti-Covid è iniziata
L'agenzia europea ha avviato oggi la procedura di rolling review
ITALIA
1 ora
Allerta rossa in Sicilia e Calabria
Si prevedono rovesci di forte intensità, locali grandinate e forti raffiche di vento
GERMANIA
1 ora
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ROMANIA
1 ora
Scuole chiuse e coprifuoco contro la quarta ondata
Nell'ultimo fine settimana la percentuale di vaccinati ha superato quelle degli infetti
ISRAELE
3 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
3 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
5 ore
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
FOTO E VIDEO
ITALIA
6 ore
Maltempo in Sicilia e Calabria, trovato un cadavere
Centinaia gli interventi da parte dei Vigili del fuoco
STATI UNITI
8 ore
Cosa è successo quel giorno sul set di “Rust”
Tanta maretta nella troupe, un aiuto regista superficiale e molto stress dietro a quelle riprese finite in tragedia
CINA
8 ore
Amnesty International chiuderà gli uffici a Hong Kong
Il motivo? La legge sulla sicurezza nazionale cinese
CINA
10 ore
35 casi di Covid e a Pechino salta la maratona
Continua la linea durissima cinese contro i focolai di coronavirus
ITALIA
23.05.2020 - 20:300

I negozi dello shopping milanese sono rimasti (semi) deserti

Nel primo sabato di riapertura tanta gente si è riversata nei parchi e nelle vie della metropoli meneghina.

Pochi di loro, però, si sono fermati a fare compere nei negozi. Poca gente anche all'interno di bar e ristoranti. Mentre lo smart-working è sempre più apprezzato.

MILANO - A riempirsi, nella Fase 2, a Milano, sono quasi solo i luoghi all'aperto, dai parchi alle vie più amate dai giovani per la vita notturna, mentre le attività commerciali, a cinque giorni dalla riapertura, sono ancora molto lontane dai tempi pre Covid. Idem per tutti i servizi legati al lavoro: con gli uffici svuotati dallo smart working, i bar e i fast food da pausa pranzo rimangono deserti. E anche di sera, i ristoranti lavorano molto più con l'asporto che con i coperti.

Questa mattina, nel primo sabato di riapertura della maggior parte dei negozi, i milanesi sono tornati a passeggiare in centro, nella principale via dello shopping in corso Vittorio Emanuele e in piazza Duomo, ma la voglia di shopping non era quella di un normale sabato precedente la pandemia.

«Sicuramente oggi ci sono più persone a passeggio rispetto alla settimana, ma poche - ha notato la responsabile di un negozio di abbigliamento - entrano a comprare». Secondo la commessa di un grande store di cosmetici, «non è un sabato normale di maggio, in giro c'è almeno il 50/60% in meno della gente. Di più rispetto alla settimana, ma non come prima». In un'ora, in uno store di abbigliamento sportivo, sono entrate 90 persone, mentre «in un sabato normale - ha raccontato un commesso - saremmo stati almeno a quota 400».

La Galleria, il salotto buono di Milano, è orfana di turisti e alcuni caffè e ristoranti storici hanno ancora la serranda abbassata. Non va meglio nei mercati comunali, dove oggi hanno debuttato le bancarelle non alimentari. A quello storico di viale Papiniano, a due passi dai Navigli, alle 10.30 del mattino si camminava facilmente mentre prima «per andare da un banco all'altro, ci si metteva mezz'ora - ha spiegato un ambulante - Io sono qua da 52 anni e spero nella ripresa, ma vedo che la gente non ha soldi».

Il calo non dipende solo dalla crisi: forte è anche l'impatto del lavoro a distanza. Nel cuore della nuova 'city', l'area di Porta Nuova dove il solo grattacielo Unicredit conta 4mila dipendenti, la vita normale riprende molto lentamente. Basta un dato: oggi il 90% dei dipendenti della sede centrale è abilitato a lavorare da remoto e solo il 10% a turno lavora in ufficio. Pur con il bar interno e la mensa chiusi, ai dipendenti viene consigliato di non uscire per la pausa pranzo e i bar vengono frequentati dai pochi rimasti solo per il caffè del mattino o l'aperitivo a fine lavoro.

Molti locali hanno approfittato della possibilità di allargare gli spazi esterni, dove tendono a concentrarsi i clienti. Se il timore del luogo chiuso come favorevole al contagio è comune a molti, all'aperto sembra che le paure si affievoliscano un po'. Dopo il caso Navigli, la movida ha causato disagi anche a Brescia, dove il sindaco Emilio Del Bono - dopo che ieri piazza Arnaldo è stata chiusa a mezzanotte per le troppe presenze - ha deciso di mettere un coprifuoco alle 21.30.

Non sono solo i locali serali a essere un richiamo per chi è rimasto chiuso in casa per mesi: tanti oggi, come nei giorni scorsi, hanno approfittato dei parchi cittadini, spesso raggiunti in bici perché sui mezzi pubblici continua a circolare molta meno gente rispetto a prima. E non solo per la diminuita capienza, ma «perché mi sento più sicura - racconta una ragazza alla Biblioteca degli Alberi - all'aperto o, al limite, nella mia macchina». Effetto anche dei dati che oggi vedono 86.825 persone contagiate in Lombardia, (441 più di ieri) e 15.840 morti, di cui 56 in un giorno.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 anno fa su tio
Ancora un paio di settimane e poi arrivano i ticinesi!
Brega84 1 anno fa su tio
Certo con quali soldi......
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 18:03:55 | 91.208.130.85