Keystone
Robson (sinistra) e Safechuck (destra) con il regista di "Leaving Neverland" Dan Reed.
STATI UNITI
18.11.2019 - 15:570

Le sedicenti vittime di Michael Jackson presto di nuovo in tribunale?

I protagonisti del documentario-shock "Leaving Neverland" potrebbero riuscire a portare la loro querela a Jacko per pedofilia davanti a un giudice

LOS ANGELES - I due uomini protagonisti del discusso (e scioccante) documentario "Leaving Neverland" sulla presunta pedofilia di Michael Jackson potrebbero riuscire a riaprire il caso e tornare in tribunale.

Stando a quanto riportato dal portale americano Tmz.com, Wade Robson e James Safechuck, avevano già citato in giudizio Jacko per pedofilia su minori nel 2017. Il procedimento era stato però respinto per via della prescrizione e aveva finito per arenarsi in corte d'appello.

A cambiare le carte in tavola una nuova legge dello stato della California che annulla la prescrizione per casi di abusi sessuali su minori. Robson e Safechuck, quindi, potrebbero portare il loro caso - e le accuse a Jackson - davanti a un giudice e a una giuria. 

Non è però sicuro che questo succederà veramente, come puntualizza anche Tmz, ci sono ancora da fare tutti gli incontri preliminari fra le parti. E il giudice potrebbe cambiare idea sul fatto di procedere, o meno. 

"Leaving Neverland" era andato in onda lo scorso gennaio, scioccando l'opinione pubblica e pesando come un macigno sull'immagine di Michael.

Le supposte molestie, subite dai due ragazzi, avevano dato vita a un movimento globale di protesta nei confronti del Re del pop. I suoi eredi avevano definito il documentario «ingiusto» e «un linciaggio in pubblica piazza».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-05 15:35:06 | 91.208.130.86