LOCARNO FILM FESTIVAL“Espectáculo a diario”, un viaggio nel cinema popolare messicano

19.01.23 - 11:00
È questo il tema della Retrospettiva di Locarno76
LOCARNO FILM FESTIVAL
“Espectáculo a diario”, un viaggio nel cinema popolare messicano
È questo il tema della Retrospettiva di Locarno76

LOCARNO - Si va a Locarno, ma si torna indietro nel tempo con la Retrospettiva della 76esima edizione del Locarno Film Festival, in programma dal 2 al 12 agosto prossimi.

“Espectáculo a diario – Las distintas temporadas del cine popular mexicano” (“Ogni giorno uno spettacolo – Le molte stagioni del cinema popolare messicano”) proporrà un’inedita panoramica della produzione cinematografica messicana tra gli anni Quaranta e Sessanta. Per la seconda volta la Retrospettiva locarnese punta i suoi riflettori sul Messico: la prima fu nel lontano 1957. Il programma è curato da Olaf Möller con la collaborazione di Roberto Turigliatto e mostrerà, fra le altre, opere di Emilio Fernández, Alejandro Galindo, Chano Urueta, Ramón Peón, Fernando de Fuentes, René Cardona Sr e Jr e di molti altri, presentando 36 film rari, alcuni dei quali mai visti sinora, tutti da scoprire.

Il cinema messicano oggi è sulla cresta dell'onda: Guillermo Del Toro, Alfonso Cuarón e Alejandro González Iñárritu sono solo alcuni dei nomi che oggi fanno del Messico uno dei Paesi più rilevanti del cinema contemporaneo. Ma lo sguardo visionario di questa generazione di cineasti è profondamente radicato in una ricca tradizione di cinema popolare, tanto amato in patria quanto sconosciuto o poco studiato all’estero. «Il desiderio è di provare a cambiare la percezione di una produzione cinematografica e culturale così ricca e importante» ha dichiarato Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival. «Sulla scia di una nuova e più forte consapevolezza postcoloniale, questi film, che finora sono sfuggiti all'attenzione dei cinefili, meritano di essere scoperti e valorizzati come un movimento cruciale d'indipendenza culturale e creativa, di originalità linguistica e formale. C’è un intero mondo che merita ancora di essere scoperto: musical, commedie, luchadores, vampiri, detective e mostri, melodrammi rivoluzionari, noir e film di toreri. Dalla fantascienza all’horror, dai gialli ai film religiosi. Tutti i colori del cinema messicano in un’unica Retrospettiva».

Olaf Möller, co-curatore della Retrospettiva, si occuperà anche di una raccolta di saggi che approfondiranno dal punto di vista storico e critico il valore di questa produzione. «Presenteremo le opere di tutti i maggiori maestri del periodo, ma anche di molti dei minori, attraverso gemme di tutti i generi. Soprattutto, mostreremo come l';alto e il basso abbiano bisogno l’uno dell’altro e come una cultura cinematografica fiduciosa nel suo pubblico sia arrivata a osare essere tutto e a provare qualsiasi cosa desiderasse fare».

La Retrospettiva è organizzata dal Locarno Film Festival in collaborazione con i partner ufficiali Cinémathèque suisse e MUBI. MUBI, servizio di streaming globale, produttore e distributore di film, presenterà sulla sua piattaforma un focus sul cinema messicano durante il mese di agosto: una celebrazione della Retrospettiva che così potrà espandere digitalmente i suoi confini. La Retrospettiva è resa inoltre possibile dall’appoggio delle principali istituzioni cinematografiche messicane come Cineteca Nacional México, Filmoteca UNAM e l’Instituto Mexicano de Cinematografía (IMCINE).

Dopo la presentazione a Locarno, la Retrospettiva sarà esportata, grazie al coinvolgimento d'istituzioni svizzere e internazionali, in varie e prestigiose sedi.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE