INMAGINE SA
Stasera a Mendrisio l'anteprima di "Non sono più cappuccetto rosso".
ULTIME NOTIZIE Agenda
SVIZZERA
16 ore
Le opere di Banksy in una mostra che è una prima svizzera
“Banksy - Building castles in the sky” ha aperto le porte questo 1 marzo a Basilea, per vederla avete fino al 30 maggio
CANTONE
3 gior
L’immagine e la parola, quest'anno si fa tutto online e con Nicola Lagioia
Lo scrittore italiano ospite di spicco, verrà presentata anche la Retrospettiva con un film da vedere in streaming
CANTONE
3 gior
La "Poesia del reale" riapre le sue porte
Torna visitabile l'esposizione inaugurata in occasione dei 200 anni dalla nascita di Vincenzo Vela.
CANTONE
1 sett
Dal 1 marzo riapre le porte anche Da Vinci Experience
Il viaggio unico fra le opere e le invenzioni del grande genio fiorentino resterà aperta fino al 30 maggio
LUGANO
1 sett
Ultimi giorni per le "Proiezioni inutili"
La mostra di Silvano Repetto resterà (online) al Masi fino al 28 febbraio
LUGANO
1 sett
Charles Dutoit e l’OSI omaggiano Igor Stravinskij
Il grande compositore russo è protagonista del concerto di giovedì 25 febbraio
GINEVRA
1 sett
Un omaggio alle nuove forme di resistenza
Ai Weiwei, Angela Davis e Svetlana Tikhanovskaya prenderanno parte al FIFDH di Ginevra
CHIASSO
1 sett
Il "Pianeta proibito" di ChiassoLetteraria
Il festival è in programma dal 5 al 9 maggio, pandemia permettendo
CANTONE
2 sett
L'omaggio a Dante delle Colazioni letterarie (online)
Si parte domenica 21 febbraio con Aldo Cazzullo e "Dante padre dell'Italia"
SVIZZERA
2 sett
Non si gioca: salta anche Ludesco, ma...
L'organizzazione non vuole lasciare i fan a bocca asciutta: prevista una cerimonia online e un evento in autunno
MENDRISIO
02.09.2020 - 09:300

Stasera l'anteprima di "Non sono più cappuccetto rosso"

Il corto, per la regia di Giona Pellegrini, è liberamente tratto dal racconto autobiografico di Roberta Nicolò

MENDRISIO - L’anteprima di "Non sono più cappuccetto rosso", cortometraggio prodotto dalla Inmagine SA e coprodotto dalla RSI è in programma per oggi, mercoledì 2 settembre, alle ore 21 nel parco di Villa Argentina a Mendrisio.

Il film, per la regia di Giona Pellegrini, è liberamente tratto dal racconto autobiografico di Roberta Nicolò, che ne ha curato la sceneggiatura. La direzione della fotografia è stata affidata a Giacomo Jaeggli. Nei panni della protagonista l’attrice Federica Carra, che interpreta una giovane donna che affronta i demoni del passato. Insieme a lei, sul set, l’attore italiano Pietro Ghislandi, volto noto al pubblico ticinese. Le riprese si sono svolte interamente in Ticino e anche la crew che ha accompagnato il regista è composta da professionisti del territorio.

La proiezione si svolgerà alla presenza dell’autrice, del regista e di tutto lo staff.

Spiega Pellegrini: «Lavorare a un progetto come questo per me è stato come visitare posti nuovi all'interno di un territorio familiare. Perché sono un appassionato di psicologia, di storie vere e del genere cinematografico drammatico. È quindi stato spontaneo accettare di partecipare al progetto quando Alberto Meroni, il produttore, me lo ha proposto. Per il film ho subito pensato al bianco e nero, perché non si tratta solo di uno stile d'immagine ma di uno strumento selettivo. Senza i colori a decorare e a rendere “normale” il contesto di realtà, alcuni dettagli visivi cambiano. Come per esempio la direzione della luce, o anche la sua intensità e le ombre che ne scaturiscono, il contrasto della pelle, e molto altro. Ho pensato che questa fossa la dimensione perfetta per il film. Una delle cose più delicate è stata senza dubbio la scelta dell’attrice protagonista, che abbiamo fatto attraverso un casting. Una prova difficile per le aspiranti poiché, in pochi minuti e solo ascoltando le mie indicazioni, dovevano calarsi nella parte, senza conoscere le altre scene e senza altri indizi. Federica Carra mi ha subito colpito. Ho visto nella sua interpretazione il dualismo emotivo e contraddittorio che cercavo».

«Il film vuole ripercorrere un breve frammento della mia storia» spiega l’autrice Roberta Nicolò. «È la rivisitazione di un momento fondante della psicoterapia, la chiave di volta che mi ha permesso di riappropriarmi di me stessa e del mio futuro. Un progetto, questo corto, che vuole aggiungersi al racconto omonimo pubblicato nel 2015. Il film racconta la difficoltà dell’essere vittima, nel mio caso vittima di pedofilia. Il delicato momento di rottura nel quale le barriere autoprotettive cedono e lo sgomento rischia di sopraffarti. Un momento delicato quanto poderoso nel quale la parola libertà assume un significato del tutto nuovo, perché comprendi che soltanto tu puoi liberare te stessa dall’oppressione della paura e del dolore. E allora la vita inizia davvero ad appartenerti. È un messaggio a tutti coloro che affrontano un disagio, un momento di difficoltà. L’invito a non arrendersi e a cercare aiuto per ritrovare sé stessi. Un invito a conoscere il tema, a non nascondersi, a parlare, denunciare e soprattutto a prevenire questo fenomeno».

L’obiettivo principale di questo cortometraggio è, infatti, sensibilizzare il pubblico sul tema della pedofilia e dare sostegno a realtà attive in ambito di prevenzione sul nostro territorio come la Fondazione ASPI e l’Associazione Io no.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-05 12:26:09 | 91.208.130.87