Leandro Ghetti, colui alla guida del progetto Innocenti Evasioni.
ULTIME NOTIZIE Agenda
BELLINZONA
4 ore
Ecco cosa fare oggi e domani a Rabadan
Lunedì è la giornata del Rabathlon, ma ci saranno anche fondue al formaggio e tanta musica.
CANTONE
10 ore
Le vacanze di Carnevale sono più belle sulla neve
Ce n'è per tutti i gusti, sia per grandi che per piccini
ASCONA
1 gior
La primavera del San Materno apre con "Morphoses"
La compagnia losannese Cie Utilité Publique l'8 marzo porta sul palco asconese un Ovidio (parecchio) rivisitato
LUGANO
2 gior
Rapunzel diventa un musical tutto da cantare per grandi e piccini
L'appuntamento è per il 4 aprile prossimo al Palazzo dei Congressi di Lugano
LOCARNO
2 gior
"Fame mia - Quasi una biografia" al Teatro di Locarno
Venerdì 28 febbraio sarà in scena l'attrice e autrice dello spettacolo Annagaia Marchioro
CANTONE
2 gior
Un week-end a tutto Rabadan (ma non finisce qui)
Ecco alcune delle migliori proposte per passare qualche bel momento nella Svizzera italiana
LUGANO
2 gior
Museo in erba, a Carnevale ogni arte vale
Cinque giorni di vacanza, altrettanti atelier
CHIASSO
3 gior
Giles Corey arriva al Murrayfield Pub
Il cantautore di Chicago è il protagonista del concerto di questa sera
LUGANO
3 gior
Peppe Servillo & Solis String Quartet questa sera in concerto
L'occasione è il lancio del nuovo progetto podcast-first di Rete Due, "Klondike - L'oro del viaggio"
CUREGLIA
3 gior
In mostra lo sguardo su Parigi di Marcello Togni
Fino a domenica si potranno ammirare a Casa Rusca gli scatti dell'artista ticinese
LUGANO
4 gior
"Aspettando la pioggia" venerdì e sabato
La Compagnia Teatro Paravento porta in scena uno spettacolo liberamente tratto dal racconto “La lluvia” di Arturo Uslar Pietri
CANTONE
4 gior
Tantissimo carnevale questo weekend, dal Rabadan alla Stranociada
Si fa festa anche nei paesi più piccoli, da Sonvico a Gudo, da Tenero a Corippo
MENDRISIO
4 gior
Brahms e Beethoven in duo alle matinée di Mendrisio
A esibirsi nel Maginifico Borgo questo 1 marzo, il violinista turco Cihat Askin e il pianista torinese Roberto Issoglio
LUGANO
5 gior
L'OSI e Khatia Buniatishvili al LAC
In programma musiche di Rossini, Beethoven e Schubert
CANTONE
08.11.2016 - 06:000
Aggiornamento : 12:08

Non sarà un'avventura, ma Innocenti Evasioni

In attesa di vederlo esibirsi al Palacongressi il 26 novembre, abbiamo incontrato Leandro, colui alla guida del progetto fiorentino Innocenti Evasioni, uno straordinario tributo a Battisti

LUGANO - Quel giorno, il 26 novembre (compra i biglietti), Leandro Ghetti (voce, chitarra, pianoforte, Hammond) e i suoi compagni di viaggio (Niccolò Chimenti: chitarra, tastiere; Luca Silvestri: basso; Eugenio Nardelli: batteria) ci (ri)porteranno in un universo infinito di suoni, di pensieri e di parole...

Leandro, quando e con quale brano hai scoperto Battisti?

«Avrò avuto otto anni… Mio padre mi fece ascoltare - in vinile - “Acqua azzurra, acqua chiara”. Fu la prima canzone di Battisti che mi entrò in testa...».

La tua somiglianza con Lucio è impressionante... Che mi dici al riguardo?

«È sicuramente un elemento importante, soprattutto nel momento in cui cominci a mettere in piedi un tributo a un grande artista. Non è indispensabile, ma dà quel tocco in più, che riesce ad amplificare l'emozione dello spettatore, perché, alla fine, il concerto non è fatto solo di musica ma anche di immagini».

Raccontami la nascita del progetto...

«L’idea risale al 2004: ero nell'auto di mio padre con la mia ragazza e, per caso, trovai una musicassetta di Battisti, una raccolta di brani conosciutissimi aggregati ad altri un po’ “di nicchia”. In quel momento mi venne l'idea: perché non provare a fare un tributo? Ne parlai a Niccolò (il chitarrista, ndr) con cui già suonavo in un altro gruppo. L'idea gli piacque e cercammo altri due musicisti...».

Cosa vuoi anticipare a coloro che assisteranno allo spettacolo?

«Lo spettacolo si focalizzerà sul periodo Mogol-Battisti, con brani, quindi, venuti alla luce tra la metà degli anni Sessanta e il 1980. Oltre a riproporre le canzoni, racconteremo anche qualche aneddoto, qualche curiosità, sulla vita dei due artisti e, nel contempo, spiegheremo, nei limiti del possibile, anche qualche testo».

Come sarà impostato lo show?

«Alterneremo grandi successi come “Mi ritorni in mente”, “Un'avventura”, “Fiori rosa fiori di pesco” ad altre canzoni meno inflazionate come “Respirando”, “Il nostro caro angelo”, “Insieme a te sto bene”, fino ad arrivare al Battisti autore. Lavoriamo molto anche sulle dinamiche: ci saranno momenti più rock e altri più intimisti».

Hai parlato di aneddoti: vuoi anticiparne almeno uno?

«A me piace molto quello che raccontiamo prima di “Innocenti evasioni”: il protagonista sta aspettando l'amante, quindi prepara la tavola, mette lo champagne nel ghiacco, accende il fuoco nel camino, quando qualcuno suona alla porta... Ma non è l'amante, è la sua ragazza! Da lì, di conseguenza, si crea una situazione molto divertente, in cui il protagonista si arrampica sugli specchi per cercare di risolvere l'imbarazzante situazione...». 

Qual è il tuo “rapporto” con gli album di Battisti pubblicati dopo la fine del sodalizio con Mogol?

«Gli ultimi dischi di Battisti, i cosiddetti “Bianchi”, sono stati concepiti in maniera opposta ai canoni di composizione del pop. Generalmente, viene prima scritta la musica e poi il testo, che deve adattarsi metricamente alla melodia. Con Panella è accaduto volutamente il contrario. Non solo, testo e musica sono ostici, di non facile comprensione. Personalmente, preferisco il prima periodo, però credo che nei “Bianchi” Battisti abbia cercato di scrivere canzoni “non ricantabili”. Ci sono comunque alcuni brani che mi piacciono molto, ad esempio “Don Giovanni” e “Le cose che pensano”».

Quali gli altri tuoi ascolti?

«Ho ascoltato e ascolto sempre di tutto: da ragazzino ascoltavo metal e grunge, ma contemporaneamente studiavo musica classica col pianoforte... Non mi pongo limiti: pop, rock, funky, musica italiana… Dipende anche dallo stato d'animo...».

Qual è l’ultimo disco che hai comprato?

«Ti sembrerà strano… Ma è la raccolta “Le avventure di Lucio Battisti  e Mogol” (Bmg/Numero Uno, 2004) per farla ascoltare alle mie bimbe!».

Ultima domanda, difficilissima: vuoi stilare la tua personalissima Top Five dei brani di Battisti?

«Troppo difficile...Ti faccio quella delle canzoni “meno inflazionate”: 1. “Le tre verità”, 2. “Confusione”, 3. “Vento nel vento”, 4. “Gente per bene, gente per male”, 5. “Insieme a te sto bene”».

Info: luciobattistitributeband.it

Prevendita: biglietteria.ch

 

 

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-24 16:58:25 | 91.208.130.85