BELLINZONA
13.01.2010 - 12:000
Aggiornamento : 31.10.2014 - 23:09

"Come puo' il Ticino contare di piu' a Berna", il convegno di Coscienza Svizzera

BELLINZONA - Si apre sabato 16 gennaio 2010, dalle ore 9.00 alle 16.50, presso l'Aula del Gran Consiglio, al Palazzo delle Orsoline, il convegno pubblico voluto da gruppo di studio e di informazione per la Svizzera italiana, Coscienza Svizzera dal tema "Come puo' il Ticino contare di piu' a Berna.

Numerosi i partecipanti tra cui Luigi Corfu', Marco Borradori, Luigi Pedrazzini, Fulvio Pelli, Canisius Braun, Marina Carobbio, numerosi professori e giornalisti e delegati di altri cantoni tra cui Sacra Tomisawa-Schumacher, delegata per le questioni federali della Cancelleria di Stato del Canton Ginevra.

Il perchè del convegno - "La storia delle relazioni fra Cantone Ticino e Berna è stata spesso costellata da incomprensioni reciproche", afferma il comunicato di Coscienza Svizzera. "Oggi per il Ticino le questioni aperte sono molte: trasporti, lingua, formazione, economia, frontiere, ecc.", il convegno si interroga dunque su quali possano essere le vie migliori per affrontare tali tematiche, per rafforzare la lingua italiana, ampliare la presenza di ticinesi e italofoni nell'amministrazione federale, e sulle possibilità per il futuro.

Coscienza Svizzera propone di aprire un dibattito sulle modalità che meglio possono fare intendere le esigenze del Cantone Ticino nei confronti delle autorità federali. Il convegno si iscrive dunque in un ciclo di lavori e incontri, tra i quali quello prossimo a Milano e il seminario a Poschiavo, entrambi entro la primavera 2010.

Foto d'apertura ©Ti-Press / Francesca Agosta


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-17 15:38:11 | 91.208.130.87